Il governo del Canada paga 2 miliardi di euro alle comunità indigene maltrattate | All’estero

Il Canada pagherà centinaia di comunità indigene per un totale di 2,8 miliardi di dollari canadesi (l’equivalente di quasi 2 miliardi di euro) a titolo di risarcimento. Questa è stata la regola per quasi un secolo di abusi sui minori nei collegi.

Almeno 324 comunità indigene avevano intentato un’azione legale collettiva. L’importo che il governo canadese pagherà sarà depositato in un fondo indipendente dal governo.

Secondo una dichiarazione del governo, il fondo mira a “rilanciare l’istruzione, la cultura e la lingua indigene, per aiutare i sopravvissuti a guarire le loro ferite e riconnettersi con la loro eredità”.

Dalla fine del 1800 agli anni ’90, il governo canadese ha inviato circa 150.000 bambini aborigeni in 139 scuole. Queste scuole erano gestite principalmente dalla Chiesa cattolica.

I bambini venivano deliberatamente tenuti separati dalle loro famiglie, dalla loro lingua e dalla loro cultura. Molti bambini hanno subito abusi sessuali e migliaia sono morti di malattia, malnutrizione o abbandono. Secondo una commissione nazionale d’inchiesta, il sistema era un genocidio culturale.

Negli ultimi due anni, gli abusi su larga scala sono stati sotto i riflettori. Ciò era dovuto alla scoperta di centinaia di tombe anonime nei luoghi in cui si trovavano le scuole. Sono già state identificate più di milletrecento tombe. Papa Francesco ha visitato il Canada l’anno scorso per scusarsi per gli abusi.

READ  L'Ucraina possiede solo la fabbrica Azot a Severodonetsk | ADESSO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *