Dopo un infarto cerebrale, l’attore esce da una profonda valle grazie ai suoi tre figli

Dopo un infarto cerebrale, l’attore esce da una profonda valle grazie ai suoi tre figli

L’attore Romijn Conen (56) di Berlicum non ha potuto fare nulla dopo un ictus nel 2015. Non parlare, non camminare, non sederti. Tre mesi prima del disastro, aveva concordato con sua moglie Nanna che avrebbero iniziato ad avere figli. Decise di mantenere quella promessa. Ora hanno tre figli, il più piccolo è nato il mese scorso. Nel programma televisivo di Omroep Brabant “KRAAK chiede alla porta”, Conen racconta come questi bambini lo hanno aiutato a ritrovare la via del ritorno.

Romijn è caduto durante uno spettacolo teatrale nel 2015. Niente di male, pensò. Ma poco dopo, improvvisamente iniziò a parlare in modo incomprensibile. Si è rivelato essere un infarto cerebrale e per mesi è rimasto sospeso tra la vita e la morte. Seguirono anni di difficile riabilitazione. Giocare era fuori questione.

Ma soprattutto la nascita del suo primo figlio nel 2017 gli ha dato il coraggio di vivere ancora, racconta. “Ho deciso che non volevo essere un recluso.” Nonostante gli handicap permanenti, un braccio destro paralizzato e una gamba destra parzialmente paralizzata. E, soprattutto per un attore, una condizione difficile: l’afasia, che rende difficile trovare le parole. Decise di trovare un modo per tornare.

Amici di Amsterdam
Tutto è iniziato con la pubblicità televisiva di Amstel. Era uno dei tre amici nella pubblicità della birra. Quando la società ha voluto riunire questi tre dopo 17 anni, ha ottenuto il suo primo lavoro come attore. Notò che l’attore in lui era ancora molto vivo. Si iscrive di nuovo alle agenzie di casting, ma rimane spaventosamente silenzioso.

READ  Aldo Poponcini, il comandante della brigata Arezzo, ei posti di blocco davanti ai ristoranti a Pasqua | Massimo Gramellini

Fino a quando non ha ottenuto un ruolo nella serie TV Modern Love Amsterdam su Prime Video. Ha interpretato un uomo disabile, molto vicino alle sue stesse esperienze. Per i suoi sentimenti, agisce meglio che mai. “Sono molto più rilassato di prima. Non ho niente da perdere.” Dice anche ora che si sente meglio rispetto a prima dell’ictus.

Ruoli ordinari
Vorrebbe che diventasse normale per un attore disabile avere un ruolo che non ha nulla a che fare con la sua disabilità. Lui stesso dà il buon esempio. Dopo l’estate entrerà in teatro con un monologo del drammaturgo Peer Wittebols.

“KRAAK chiede attraverso” può essere visto ogni mercoledì sera dalle 17:15 su Omroep Brabant TV. Il programma può essere visualizzato anche online.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *