Draghi resterà o andrà?  L’Europa guarda con ansia

Draghi resterà o andrà? L’Europa guarda con ansia

Il primo ministro Mario Draghi ha annunciato la sua partenza la scorsa settimana dopo aver contrattato con il partito di coalizione Movimento Cinque Stelle. Poiché il presidente Mattarella non accetta le sue dimissioni, gli italiani sono in grande incertezza. Oggi e domani Draghi si rivolgerà al Senato e al Parlamento, e sarà chiaro se ea quali condizioni resterà in carica.

In ogni caso, è una crisi politica che non suona anti-italiana. “Ma accadrà nel momento peggiore possibile”, dice il corrispondente Anouk Boone.

Anche l’Italia sta attraversando una grave crisi economica. C’è molta disoccupazione, inflazione alle stelle e un enorme debito pubblico. “È il risultato di decenni di cattiva gestione”, afferma Boone. “E poi la crisi della corona si è aggiunta a questo. Ha fatto un grande taglio qui”.

Da quando è entrato in carica nel 2021, il primo ministro Draghi sembra riportare la calma nell’economia. Dopo aver salvato l’euro dal collasso da presidente della Banca centrale europea nel 2012, dovrebbe fare lo stesso per l’Italia.

Budget non tondo

Ma un buon budget per il prossimo anno è essenziale per questo. Dovrebbe essere presentato al parlamento in ottobre, dopodiché potranno iniziare i negoziati. Il Parlamento deve dare la sua approvazione entro la fine dell’anno.

Una crisi politica lo minaccia. Se Draghi continuerà con una coalizione rivale, sarà difficile trovare un accordo. Se ci sono nuove elezioni, sarà ancora più difficile. “Poi si svolgono quando dovresti già lavorare su quel budget”, dice Boone. “Allora vedi se riesci a finirlo in tempo.”

Miliardi di Corona in pericolo

Intanto per l’Italia sono in gioco anche tanti miliardi di corone. Per assorbire il colpo della crisi del corona, l’Italia può contare su una notevole quantità di denaro dal fondo di recupero del corona dell’Unione Europea. Circa 200 miliardi di euro dei 750 miliardi di montepremi andranno agli italiani.

READ  Due attentati a Mogadiscio, ancora colpi di arma da fuoco contro l'hotel

Ma le condizioni sono rigorose. Ad esempio, il sistema giudiziario italiano deve essere riformato e gli italiani devono investire di più nell’energia verde. Il presidente del Consiglio Draghi si è subito messo a lavorare su questo. Ha costruito intorno a lui una squadra di ministri che potevano raggiungere esattamente quegli obiettivi.

Anche i brontolii della coalizione o le nuove elezioni potrebbero mettere a rischio quei miliardi. Il Movimento Cinque Stelle ha già bloccato grandi progetti di riforma. E alle nuove elezioni, un partito populista di destra potrebbe semplicemente vincere.

“Bruxelles può chiudere il rubinetto del denaro”

“Ora stanno andando bene nei sondaggi”, dice Boone. “Il Movimento Cinque Stelle forse no, ma partiti come Fratelli d’Italia e Forza Italia sì. È il partito di Silvio Berlusconi”.

Mentre Draghi si è concentrato su una maggiore cooperazione europea, queste parti si sono tradizionalmente allontanate maggiormente dall’Unione Europea. Sono anche noti per non seguire da vicino le normative europee. “Se l’Italia non soddisfa le condizioni per i soldi dell’UE, Bruxelles può chiudere il rubinetto del denaro”, ha detto Boone.

In questo caso, l’Italia perderà i miliardi di cui ha così tanto bisogno. Se il bilancio non viene approvato, il paese potrebbe semplicemente andare in bancarotta. “L’Italia può crollare come un castello di carte”.

Scenario Grecia

A Bruxelles l’evoluzione è seguita con ansia. Le giornate in Italia sono molto emozionanti anche per il resto d’Europa. “L’Italia rischia una crisi per tutta l’Europa”, ha detto Boone. “Devi renderti conto che l’Italia è la terza economia più grande dell’Unione Europea”.

Poiché l’Italia utilizza l’euro come mezzo di pagamento, può trascinare la valuta verso il basso. “Se l’economia italiana crolla, si profila una sorta di scenario greco. Potrebbe nascere una nuova crisi dell’euro”.

READ  Hoekstra si impegna a sostenere Zelensky • Consulenza finlandese per l'adesione alla NATO

È lo scenario peggiore e non è ancora arrivato. “È difficile prevedere cosa accadrà”, dice Boone. “Non è nemmeno certo che Draghi partirà. C’è stata una chiamata del genere in questi giorni. Molte persone vogliono che rimanga, da sinistra a destra. La domanda è se resisterà a questo desiderio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *