Duello TV remoto Trump-Biden – Il mondo ha inizio

“È così bella quando sorride …”: l’entusiasmo dell’elettricista di nome Paulette, prima di porre la domanda, è forse l’unica nota felice della serata di Donald Trump. Per il resto, la decisione di dire no al dibattito virtuale e di sfidare a distanza Joe Biden allo stesso tempo in diretta televisiva si è rivelata un boomerang per il presidente Usa. L’impulsivo e audace Paperino non era mai sembrato così “nei guai”. Un ringraziamento particolare a Savannah Guthrie, 48 anni, una presentatrice della NBC diventata la vera star della serata. Sui social è la nuova eroina del dem, quella che per alcuni potrebbe addirittura aver annullato l’ultima possibilità di vittoria di Trump, poco più di due settimane prima del voto.

Così, mentre era sulle onde radio della ABC di Filadelfia, Biden ha mostrato una calma serafica mentre demoliva la presidenza Trump, l’attuale inquilino della Casa Bianca è stato messo sotto pressione da un feroce e determinato Guthrie, e non disposto ad accettare risposte. evasivo sulla gestione della pandemia. sulla minaccia dell’estremismo di destra, sulle dichiarazioni dei redditi mai pubblicate dal presidente. “Quando è stato negativo il test anti-Covid prima del primo dibattito con Biden?”, La prima domanda della serata. “Non ricordo … forse il giorno prima …”, la risposta titubante di Trump, che ha ammesso di non fare i test tutti i giorni. “Comunque, io sono il presidente, devo vedere le persone e non posso essere rinchiuso in uno scantinato”, ha tentato di attaccare, riferendosi al famigerato seminterrato dove si trovava Biden. rinchiuso nelle settimane più critiche della pandemia.

READ  Trump vs Biden: lo sprint finale

Ma il peggio doveva ancora venire. Così, mentre Biden accusava Trump di non fare e di non fare nulla per contenere la diffusione di infezioni, il presidente ha francamente affermato che “l’85% delle persone che indossano maschere contrae il coronavirus”, difendendo così i suoi bagni. folle alle manifestazioni. E un attimo dopo, l’ennesimo rifiuto di condannare esplicitamente il suprematismo bianco e il movimento cospiratorio QAnon: “Non li conosco, non ne so niente”, ha detto, nonostante Guthrie gli ricordava come spesso twittasse le loro teorie. della trama. “Tu sei il presidente, non uno zio pazzo qualunque”, ha reagito il moderatore che poi ha insistito sul presidente sulle dichiarazioni dei redditi mai pubblicate: “Le cifre che escono sono false, e in ogni caso il fisco mi ha fatto molto male trattato “, ha detto Trump, anche se il New York Times ha rivelato che il presidente ha pagato $ 750 all’anno nel 2016 e nel 2017.

Intanto arriva una notizia che preoccupa anche Biden: le autorità federali indagheranno sulle presunte email di suo figlio Hunter rivelate al New York Post. Lo riporta Nbc, citando alcune fonti che gli investigatori esamineranno se le missive siano legate a un’operazione di intelligence straniera. Ma una tessera sta arrivando anche a Trump: il Washington Post riporta in realtà come gli Stati Uniti 007 abbiano avvertito la Casa Bianca l’anno scorso che Rudolph Giuliani, l’avvocato personale di Trump, era nel mirino dell’intelligence. Russi che volevano influenzarlo per nutrirsi di disinformazione prima del voto. E dietro le email pubblicate dal Nyp c’è lui, Giuliani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *