“E’ il fratello di un terrorista” – Corriere.it

a partire dal Andrea Marinelli

L’uomo – che sostiene di essere in possesso di bombe – è ritenuto essere il fratello di Aafia Siddiqui, nota come “Lady al Qaeda”, una terrorista in carcere a Forth Worth, e ne chiede il rilascio. Il suo avvocato, tuttavia, nega il coinvolgimento. Liberato uno degli ostaggi

Un uomo armato ha preso un fedele ostaggio in una sinagoga in Texas, quindici miglia dall’aeroporto di Dallas/Forth Worth. Secondo la rete Notizie ABC e molti media americani, l’uomo – che afferma di avere bombe con sé – lo sarebbe il fratello di Aafia Siddiqui, terrorista in carcere alla base aerea di Carswell a Forth Worth, a 40 chilometri di distanza, e vuole ottenere il rilascio della donna di origine pakistana, nota nell’antiterrorismo come “Signora al-Qaeda” e condannato a 86 anni di carcere per aver tentato di uccidere soldati americani in Afghanistan nel 2008. L’uomo, tuttavia, non sarebbe stato il fratello biologico del terrorista: Muhammad Siddiqui è un architetto e, la sua ex avvocato Annette Lamoreaux ha detto a diversi media americani, non sarebbe felice di essere coinvolto in questa situazione. “Vogliamo che il rapitore sappia che Aaifa Siddiqui e la sua famiglia condannano il suo atto – dice la famiglia di Aaifa Siddiqui, secondo The Daily Beast -. Il rapitore non ha nulla a che fare con Aaifa, la sua famiglia e la campagna globale per chiedere giustizia. Vogliamo che l’aggressore sappia che le sue azioni sono sbagliate e mettono in pericolo coloro che cercano giustizia per Aaifa.’ Intanto verso le 17 (le due del mattino ora italiana) dopo lunghe trattative uno degli ostaggi è stato rilasciato. L’uomo non è ferito, come riportato dalla Cnn citando alcune fonti.

READ  I guanti sono migliori dei guanti?

Sabato mattina, circa 10 locali, 17 italiani, mentre era in corso la funzione Shabbat, trasmessa in diretta sulla pagina Facebook del Congregazione Beth Israel, un maschio – inizialmente identificato come mohamed siddiqui – prese in ostaggio il rabbino Charlie Cytron-Walker e altri tre. A dare la notizia è stata la stessa polizia di Colleyville, dove si trova la sinagoga. Solo attraverso la trasmissione in diretta, seguita fino all’interruzione da parte di circa 8.000 persone, hanno sentito le parole dell’uomo, che evocava l’Islam e la “sorella”, e le prime fasi dei negoziati con la polizia. Gli agenti dell’FBI si occuperanno direttamente della persona barricata all’interno della sinagoga, spiegato a NC Dara Nelson, il sergente della polizia di Colleyville. ” Continuiamo un’operazione SwatLo ha spiegato la polizia locale su Twitter. “Tutti i residenti nelle immediate vicinanze sono stati evacuati. Si prega di evitare la zona.”

L’uomo ha ripetuto più volte sii pronto a morire, ma ha menzionato anche i propri figli e ha affermato di non voler fare del male a nessuno: dopo oltre 8 ore ha liberato uno degli ostaggi, segno – affermano i commentatori delle televisioni americane – che le trattative con la polizia stanno avanzando per la strada giusta. “Sto monitorando da vicino la situazione degli ostaggi alla Congregazione Beth Israel a Colleyville”, Lo ha detto su Twitter il primo ministro israeliano Naftali Bennett. “Preghiamo per la sicurezza degli ostaggi e dei soccorritori”. Anche la Casa Bianca, ha detto un funzionario NBC, “monitorando da vicino” la situazione: il presidente Joe Biden, ha detto il portavoce Jen Psaki anche su Twitter, viene costantemente informato.

READ  "Senza il vaccino, abbiamo mesi difficili davanti". In Germania 2.600 positivi, in Russia 9.000

La sentenza di Aafia Siddiqui, ha scritto Polizia Estera in un articolo del 2014, aveva ha scatenato grandi proteste in Pakistan. “Il verdetto era sulle prime pagine di tutti i principali giornali”, ha spiegato un cablogramma del Dipartimento di Stato americano pubblicato da WikiLeaks. “Numerosi articoli hanno condannato gli Stati Uniti e hanno affermato che derivano da pregiudizi contro i musulmani”. Certamente, L’Isis ha provato più volte a barattare Siddiqui, che compirà 50 anni il 2 marzo, con ostaggi americani: negli anni il governo americano si è offerto il rilascio del giornalista James Foley e dell’operatrice umanitaria Kayla Mueller, entrambi uccisi, ma anche il soldato Bowe Bergdahl, rapito nel 2009 dalla rete Haqqani in Afghanistan e rilasciato nel 2014.

Neuroscienziato si è laureato al MIT di Boston e ha conseguito un dottorato di ricerca presso Brandeis, Siddiqui era tornato in Pakistan dopo l’11 settembre. È stato Khalid Sheikh Mohammed, considerato la mente degli attentati, che è stato chiamato sotto tortura durante l’interrogatorio, rivelando che la donna ha finanziato al-Qaeda e ha lavorato come corriere per i terroristi. Da allora si era trovata nella lista dei terroristi più ricercati dell’FBI, l’unica donna ad esservi mai stata.

Arrestato in Afghanistan dalla polizia locale nel 2008 per essere in possesso di materiali chimici sospetti, cianuro di sodio e manuali “sporchi” di fabbricazione di bombe, era stata detenuta dall’FBI alla base di Bagram: proprio durante l’interrogatorio era riuscita a mettere le mani su una pistola, sparare agli agenti dell’FBI e ai membri dell’esercito americano. Ferita da un soldato, è stata ricoverata in ospedale e poi estradata negli Stati Uniti, dove è stata condannata – dopo un processo descritto come una “farsa” dai pakistani – 3 febbraio 2010. Siddiqui e la sua famiglia hanno però sempre negato ogni accusa: la donna, secondo loro, è una martire, vittima di una manovra americana.

READ  Dritto, Virgin Galactic è decollato, ma il motore della navicella non avvia gli italiani sulla linea dello spazioporto di Leo DiCaprio a Grottaglie Foto

15 gennaio 2022 (modifica 16 gennaio 2022 | 02:24)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.