“E’ il giorno del silenzio”

Passano gli anni, ma il ricordo continua a far male“. Silenzio e rispetto in casa voi, oggi è il giorno della memoria. Sono passati 36 anni dalla strage dell’Heysel a Bruxelles e il club bianconero ha voluto dedicare, sul proprio sito, un pensiero alle 39 vittime: “È il giorno in cui ci riuniamo tutti per ricordare un momento assurdo che ha trasformato una notte di festa, aspettando 90 minuti indimenticabili, in un incubo che rimane impresso nella storia.”.

Massacro di Heysel, istituito il giorno della memoria delle vittime

Juve: “29 maggio, paura e dolore”

Sono le emozioni di gioia ed entusiasmo, quelle che solitamente precedono una grande partita come quella che stava per iniziare all’Heysel. (Finale di Coppa dei Campioni tra Juve e Liverpool, ndr) ma quella notte lasciò spazio prima alla paura, poi al dolore”.

Juve: “Una tragedia che continua a far male”

Quello del 29 maggio 1985 è un dramma che continua a ferire anche dopo trentasei anni: oggi come allora, e come ogni volta che pronunciamo la parola “Heysel”, il nostro pensiero è rivolto a tutte le vittime di questa sera. e le loro famiglie. Perché il ricordo è ancora vivo in tutti noi”.

Torino: “Vi siamo vicini”

Torino ha voluto ricordare anche la strage dell’Heysel. Lo ha fatto su Twitter, con un messaggio molto toccante: “Il rispetto. Vi siamo vicini nel ricordo e nella preghiera”.

La notte del 29 maggio 1985

È successo tutto in pochi, pochissimi minuti. L’assalto di una frangia di teppisti eccitati, la folla che si è mossa per mettersi al riparo ma ha invece trovato il crollo di parte del settore Z dello stadio: un’area che, a ricordo di questa folle notte, non è mai stata ricostruita.

READ  Zaniolo: "Ho riposato abbastanza, ora voglio giocare. Mourinho? Solo quando lo vedi vuoi dare qualcosa in più"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *