È stato scoperto che la roccia aliena ospita due minerali che gli scienziati non hanno mai visto “in natura” qui sulla Terra

Per quanto ne sappiamo, i minerali non si trovano naturalmente qui sulla terra.

Gli scienziati canadesi hanno scoperto i due minerali quando hanno esaminato un pezzo di un meteorite di 15 tonnellate recuperato in Somalia. È il nono meteorite più pesante mai scoperto sulla Terra. Ma una nuova ricerca ora mostra che il peso e le dimensioni non sono le uniche cose che rendono questo meteorite così speciale. La pietra aliena sembra contenere anche due minerali che non si trovano naturalmente qui sulla terra.

Momentum Elaliite e Instantonite
Gli scienziati hanno chiamato i due minerali elaliite ed elkinstantonite. I minerali sono stati trovati in una fetta di 70 grammi del meteorite che è stata messa a disposizione della scienza. E questa fetta potrebbe contenere un altro minerale che non si trova naturalmente qui sulla Terra, ma è attualmente oggetto di ulteriori ricerche.

Delicatamente
La scoperta dei primi due “nuovi” minerali è andata sorprendentemente bene. Fu lo scienziato Chris Herd a trovare per primo qualcosa di strano nel pezzo di meteorite. Ha quindi chiamato il suo collega Andrew Locock, che aveva precedentemente descritto nuovi minerali. “E il primo giorno in cui (Locock, ndr) ha fatto un’analisi, ha già detto: ‘Hai almeno due nuovi minerali qui'”, spiega Herd. “È stato fenomenale. Di solito è molto impegnativo riuscire a concludere che contiene un nuovo minerale.

Che sia successo così facilmente questa volta è facile da spiegare. Perché sebbene i due minerali non siano naturalmente presenti sulla terra, gli scienziati sono già riusciti a crearli in laboratorio. E un confronto dei nuovi minerali formati naturalmente in questo meteorite con i minerali sintetici ha portato Locock alla rapida conclusione che qui abbiamo a che fare con minerali che, a nostra conoscenza, non si trovano naturalmente sulla Terra.

READ  Svelata la folle offerta a Buffon, resta in Italia

Altra chimica
Ed è una scoperta entusiasmante, dice Herd. “Quando trovi un nuovo minerale, significa che le condizioni geologiche (in cui si è formata la roccia, ndr), la chimica della roccia è diversa da tutto ciò che abbiamo visto prima. Ed è questo che lo rende così eccitante. Perché in questo caso abbiamo anche due minerali nuovi per la scienza.

Ulteriori indagini
I minerali sono ora oggetto di ulteriori studi. Herd e i suoi colleghi sperano di scoprire cosa possono dirci sulle condizioni in cui si è formato il meteorite. “Questo è il mio dominio”, ha detto Herd. “Scoprire i processi geologici e la storia geologica dell’asteroide di cui una volta faceva parte questa roccia.”

Come accennato, si ritiene che la sottile fetta di meteorite studiata da Herd e dai suoi colleghi ospiti un terzo minerale sconosciuto qui sulla Terra. E se gli scienziati dovessero ottenere l’accesso a ulteriori pezzi del meteorite, non è inconcepibile che vi possano essere trovati ancora più nuovi minerali. Se arrivi a questo è purtroppo molto dubbio; secondo gli ultimi rapporti, il meteorite sarebbe stato trasferito in Cina, con l’obiettivo di venderlo lì. Non è quindi chiaro se gli scienziati avranno accesso a pezzi del meteorite in futuro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *