Ecco cosa è successo la scorsa notte: le truppe russe avanzano a Mariupol ma “perdono pesantemente” a Kherson | Guerra ucraina

Le truppe russe insieme alle “truppe della Repubblica indipendente di Donetsk” hanno raggiunto il centro di Mariupol. Lo dicono le fonti russe.

La presa della città sarebbe imminente, raggiungendo così uno degli obiettivi dell’invasione. Controllando Mariupol, la Russia può garantire la “continuità territoriale” tra la Crimea precedentemente annessa a sud nel 2014 e la regione filo-russa del Donbass a est.

Le autorità ucraine hanno ripetutamente accusato l’aviazione russa di aver deliberatamente bombardato il teatro Mariupol utilizzato come rifugio antiaereo di massa. La Russia lo nega. Si ritiene che più di 1.000 persone si siano rifugiate in un rifugio antiaereo sotto il teatro, per lo più donne, bambini e anziani, ha affermato il consiglio comunale. Il teatro fu in gran parte distrutto. Non è chiaro quante persone siano state ferite o uccise nel rifugio.

Il presidente ucraino Zelensky ha dichiarato ieri sera che più di 130 sopravvissuti sono stati liberati dalle macerie. “Purtroppo, alcuni subiscono gravi lesioni. Ma in questa fase non abbiamo informazioni sul possibile bilancio delle vittime”, ha detto. Ha detto che l’operazione di salvataggio è avvenuta.


L’inferno di Mariupol

Fuggendo “dall’inferno di Mariupol”, le famiglie ucraine raccontavano storie dell’orrore cadaveri che giacciono in strada per giorni e la fame, la sete e il freddo pungente delle notti trascorse nelle cantine sottozero. “Non è più Mariupol, è l’inferno”, ha detto ai giornalisti tedeschi Tamara Kavunenko, 58 anni.

READ  L'invisibilità del comando dell'esercito russo alimenta la speculazione sull'epurazione

© Grafica ANP

Imboscata

Secondo i media ucraini, ieri sera sono ripresi pesanti combattimenti all’aeroporto di Chernobayevka, vicino alla città di Kherson, nel sud dell’Ucraina. Secondo quanto riferito, le forze armate ucraine hanno teso un’imboscata all’esercito russo e hanno inflitto pesanti perdite al nemico. Secondo quanto riferito, una serie di contrattacchi da combattimento con droni ha recentemente distrutto un posto di comando con alti ufficiali russi. Queste informazioni non possono essere verificate in modo indipendente.

Il presidente ucraino Volodimir Zelensky ha dichiarato nel suo discorso notturno che era tempo per Mosca di accettare una “riunione” per seri colloqui di pace per salvare generazioni di russi dagli effetti della guerra.

“I negoziati di pace e sicurezza con l’Ucraina sono l’unica possibilità per la Russia di ridurre al minimo i danni causati dai suoi errori”, ha detto Zelensky in un video pubblicato su Facebook, girato la scorsa notte in una strada deserta a Kiev.

Il presidente ucraino Zelensky.

Il presidente ucraino Zelensky. ©AFP

Ieri, nel suo discorso in uno stadio affollato di Mosca, il presidente russo Vladimir Putin ha giustificato ancora una volta “l’operazione militare speciale in Ucraina”. È stato necessario a causa dei neonazisti e dei nazionalisti della Crimea e del Donbass che hanno compiuto violenti attacchi contro la popolazione di lingua russa. Putin ha detto che si trattava di un genocidio. Il presidente ha citato la Bibbia per giustificare l’attacco all’Ucraina. “Non c’è amore più grande per un uomo che dare la vita per i suoi amici.”

Rifugiati

Più di 3,2 milioni di ucraini sono fuggiti dal loro paese dal 24 febbraio, di cui quasi due terzi per la Polonia. I bombardamenti sono proseguiti ieri a Kiev ea Kharkov, la seconda città del Paese, dove dall’inizio della guerra sono morte almeno 500 persone.

Almeno la metà dei 3,5 milioni di residenti di Kiev è ora fuggita. Secondo il consiglio comunale, nella capitale sono morte 222 persone – di cui 60 civili. I bisogni umanitari crescono anche nel sud. Con oltre 200.000 persone senza acqua nella regione di Donetsk, ha affermato Matthew Saltmarsh, portavoce dell’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati.

I rifugiati ucraini vengono accolti in un palazzetto dello sport a Poznan.

I rifugiati ucraini vengono accolti in un palazzetto dello sport a Poznan. © Agencja Wyborcza.pl tramite REUTERS

La Commissione europea avverte di una carestia in Ucraina mentre i combattimenti continuano nel paese. “I residenti delle città assediate sono esposti a condizioni apocalittiche: niente cibo, niente acqua, niente cure mediche e niente via d’uscita”, ha detto al quotidiano tedesco Janez Lenarčič, commissario Ue per la gestione delle crisi. Welt am Sonntag† La crisi umanitaria in Ucraina è già critica, ma potrebbe peggiorare. “Questa incessante invasione è iniziata più di tre settimane fa, ma stiamo già iniziando a vedere la fame”.

Guarda i nostri video sulla guerra in Ucraina qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *