Elezioni di medio termine negli Stati Uniti: i democratici hanno raggiunto il picco troppo presto?  |  ADESSO

Elezioni di medio termine negli Stati Uniti: i democratici hanno raggiunto il picco troppo presto? | ADESSO

Potrebbe essere nella politica americana. All’inizio di quest’anno, alle elezioni di medio termine di Camera e Senato era prevista un'”ondata repubblicana”. In estate, i Democratici si sono sorprendentemente ripresi. Ma forse hanno raggiunto il picco troppo presto. A sole tre settimane dalla fine – il a metà sarà l’8 novembre – I repubblicani sembrano avere di nuovo i giornali migliori.

I numeri di popolarità del presidente Joe Biden sono crollati la scorsa primavera. I sondaggi hanno mostrato che i repubblicani hanno buone possibilità di prendere il controllo sia della Camera dei rappresentanti che della maggioranza al Senato. L’estate è diventata più promettente per il Partito Democratico.

La Corte Suprema – dominata da giudici conservatori – ha deciso a giugno di spazzare via il diritto nazionale all’aborto. La grande maggioranza degli americani non era d’accordo. I democratici speravano che la controversa decisione dei capi della giustizia avrebbe incoraggiato più elettori a mettere le loro croci dietro i nomi dei candidati democratici a novembre. Un piano per rafforzare le leggi sull’aborto è diventato inevitabile all’inizio di agosto rifiutare in un referendum nello stato conservatore del Kansas.

Per un certo periodo, sembrava che l’aborto sarebbe diventato la questione politica più importante durante il a metà.

Dall’aborto all’economia

All’inizio dell’anno, l’attenzione si è concentrata sulle questioni economiche che interessano gran parte del mondo, come l’inflazione elevata e l’aumento dei prezzi dell’energia. L’amministrazione Biden ha approvato progetti di legge ambiziosi attraverso il Congresso, incluso uno scelto strategicamente come Cut Inflation Act. I prezzi del carburante più bassi significavano che i portafogli degli elettori erano meno colpiti alla pompa di benzina. La popolarità di Biden è gradualmente uscita dai minimi pre-estivi.

READ  La madre perde i figli nel dramma dei migranti: "Non vedevano l'ora di partire"

A sole tre settimane dalle elezioni, il tavolo sembra nuovamente inclinarsi. I prezzi dei carburanti stanno tornando a salire e l’inflazione resta un problema persistente. Allo stesso tempo, il clamore che circonda la legge sull’aborto è in gran parte scomparso dalle prime pagine. I repubblicani conducono campagne che ruotano principalmente attorno all’economia e alla criminalità.

I sondaggi mostrano che queste due questioni sono di gran lunga le questioni elettorali più importanti per molti americani. Compreso un gruppo che potrebbe essere il fattore decisivo nelle gare in cui conta: le donne votanti indipendenti. Le speranze dei democratici di essere convinti sulla questione dell’aborto potrebbero essere vane.

I democratici sembrano perdere la casa

C’è una convinzione persistente nella politica americana che il partito del presidente in carica perderà un numero significativo di seggi al Congresso nelle elezioni di medio termine. Non è sempre così. Ad esempio, questo non è accaduto nel 2002 e nel 2014. Ma quando succede, la perdita è spesso così grande che resta ben impressa nella memoria. Prendiamo il 2010, quando i Democratici dovettero rinunciare a 63 seggi alla Camera dei Rappresentanti e l’allora presidente Barack Obama riconobbe che gli elettori avevano dato al suo partito una “seria pestaggio”.

Se le tendenze elettorali iniziate a settembre si trasferiranno alle urne, quest’anno i democratici potrebbero dire addio alla loro maggioranza alla Camera dei rappresentanti. Anche se questa non si rivelerà un’enorme sconfitta nel 2010, qualsiasi predominio repubblicano potrebbe rendere le cose piuttosto difficili per l’amministrazione Biden negli ultimi due anni del suo primo mandato.

La corsa al Senato è più emozionante

Al Senato, è più probabile che i Democratici mantengano la loro stretta maggioranza. Questo perché viene assegnato solo un terzo dei seggi al Senato, rispetto a tutti i seggi alla Camera. Inoltre, le gare al Senato riguardano maggiormente la personalità dei candidati.

READ  L'Unione del Maghreb Arabo suscita contraddizioni in Algeria

Candidati repubblicani come la celebrità televisiva Dr. Mehmet Oz (Pennsylvania) e l’ex star del calcio Herschel Walker (Georgia) hanno la benedizione dell’ex presidente Donald Trump. Ma non sono visti come le migliori scelte nella lotta contro i Democratici. “La qualità dei candidati ha molta influenza sul risultato”, ha detto a metà agosto un pessimista Mitch McConnell, leader del Partito Repubblicano al Senato.

Va notato, tuttavia, che ai repubblicani al Senato basta un guadagno netto di un seggio per rompere l’attuale maggioranza democratica. E mentre sia Oz che Walker sono leggermente indietro rispetto ai loro rivali, quelle distanze non sono così grandi come alcuni pensavano in precedenza. Quindi sarà comunque emozionante l’8 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *