Elezioni in Ungheria: tutti gli altri partiti sono d’accordo contro il premier Orbán

Niente di meglio di Orban. I partiti di opposizione in Ungheria hanno iniziato a lavorare con questa strategia dopo la quarta sconfitta consecutiva contro il partito Fidesz di Viktor Orbán. Fidesz è al potere ininterrottamente dal 2010. Anche perché il partito ha apportato alcune modifiche costituzionali dopo la sua prima vittoria. Il numero dei seggi da assegnare si è ridotto, le vittorie sono diventate un po’ più grandi.

Con questa costituzione, ad esempio, ha negato l’accesso dei media critici al parlamento e ha reso più difficile la campagna elettorale, perché i media devono essere “obiettivi”. Furono anche fatte nuove leggi, dopo di che fece subito stabilire che, se queste leggi vengono cambiate, deve esserci prima una maggioranza di due terzi a favore. Quest’ultimo è quindi possibile solo se Orbán è d’accordo.

Contro Orbán

A causa delle continue enormi perdite dei partiti di opposizione, l’anno scorso hanno escogitato un piano di battaglia unico. Invece di competere per pochi seggi, i sei partiti di opposizione si sono uniti per la prima volta nella storia. Perché solo allora il Primo Ministro Orbán potrà essere sconfitto.

Ma ciò significa che i Verdi di sinistra devono lavorare con l’ex estrema destra (ora solo di destra) Jobbik. Un piano che sembrava destinato al fallimento, viste laterali. Ma l’unico punto importante è la necessaria partenza di Orbán, dicono.

L’uomo che deve farlo per l’opposizione è Péter Márki-Zay. Sorprendente quanto l’intero piano di battaglia dell’opposizione. Come sindaco di un paese di provincia, nessuno lo conosceva davvero. Solo in questa piccola città, Hódmezovásárhely, era una celebrità come economista cattolico conservatore con sette figli. “Ma è probabilmente per questo che molti ungheresi hanno votato per lui alle primarie”, ha detto lo specialista ungherese Huub Bellemakers.

READ  Procede bene la controffensiva ucraina nell'est del Paese | ADESSO

Leader dell’opposizione sconosciuto

“È rimasto molto abilmente neutrale sulle questioni liberali di sinistra. Aveva le sue opinioni su di esse, ma sentiva che lo stato non doveva interferire troppo in queste questioni”. Márki-Zay ha ricevuto il sostegno della destra, ex antisemita Jobbik, che ha ancora un discreto seguito in Ungheria. “Molte persone hanno votato anche tatticamente. Molti politici di sinistra che sono in circolazione da un po’ non hanno la fiducia di molti ungheresi. Márki-Zay è solido, ci sono poche cose negative in lui e lo è, come Orbán , in realtà molto conservatore.

Il piano di opposizione e la leadership di Márki-Zay hanno consentito ai partiti di opposizione che in precedenza si erano combattuti di formare un blocco stabile ormai da diversi mesi. “Lo slogan della campagna è in realtà: dobbiamo sbarazzarci di Orbán. È l’unico modo per farlo. Ecco perché hanno deciso di non parlare delle loro differenze”, spiega Bellemakers.

Campagna impossibile

Anche Márki-Zay non ha davvero la possibilità di parlare di posizioni di partito. Fare campagna è quasi impossibile in Ungheria. Orbán concede a malapena il tempo di trasmissione a Márki-Zay sulla sua televisione di stato. “Il partito Fidesz controlla quasi tutti i media ungheresi. La televisione di Stato, ma anche i piccoli giornali regionali. Anche il quotidiano sportivo locale”. Ciò significa che Márki-Zay non parla quasi mai. “Non possono nemmeno comprare pubblicità. Quindi all’opposizione è stato ordinato di fare campagna sui social media e distribuire volantini per le strade”.

Nei media ungheresi dominati da Fidesz, i partiti politici non discutono mai, ci sono solo discorsi. Questi discorsi sono pronunciati quasi esclusivamente da Orbán, o occasionalmente da un altro membro di spicco di Fidesz. L’ultima volta che Orbán ha partecipato a un dibattito è stato nel 2006, poco prima di perdere le elezioni di quell’anno.

READ  Il più grande partito di destra spagnolo è stato decapitato in una rivolta per le maschere

5 minuti di chat

Due settimane fa, due settimane prima delle elezioni, a Márki-Zay è stato finalmente permesso di parlare alla televisione di stato. “Grazie mille per questa opportunità per l’opposizione di parlare per cinque minuti in quattro anni”, ha iniziato il suo discorso cinicamente. Ha poi cercato di convincere gli elettori della corruzione del governo di Orbán, che aveva completamente gestito male la crisi della corona e stava perseguendo politiche troppo antieuropee. Márki-Zay ha anche tentato di sfatare quante più bugie possibile del governo Orbán.

Perché dove Márki-Zay non ha la possibilità di condurre una grande campagna visibile, Fidesz va lì. Alla televisione di stato, frammenti vengono ripetuti come intrattenimento comico in cui il membro dell’opposizione Gergely Karácsony, sindaco di sinistra di Budapest, parla un inglese molto scarso. Ci sono cartelloni pubblicitari in tutto il paese che descrivono Márki-Zay come un amico di politici corrotti. E Orbán spaventa i suoi connazionali dichiarando che l’opposizione vuole entrare in guerra con l’Ungheria.

Dipende dalla Russia

Perché se l’Ungheria ha votato nell’UE per le sanzioni contro la Russia, il Paese dipende anche molto da Putin. “Dipendono al 100% dal gas russo. Questo è un argomento legittimo per Orbán di essere più neutrale nei confronti della Russia”. Il che non significa che Orbán appoggi la guerra in Ucraina. “Ha parlato contro la guerra, ma non in modo fanatico come vorrebbero l’UE e Zelensky”.

Questo è diventato un punto importante nella campagna di Orbán: la sinistra vuole la guerra, noi vogliamo la pace. E sì, sebbene l’opposizione sia guidata da un cattolico conservatore che si oppone personalmente all’aborto e al divorzio, Orbán chiama invariabilmente l’opposizione di sinistra.

READ  Il Senato degli Stati Uniti approva la nuova legge sulle armi | All'estero

Vittoria o sorpresa?

Bellemakers presume anche che Orbán vincerà le elezioni senza troppi problemi. “Ci sono ancora molti ungheresi che sostengono le idee conservatrici di Orbán. Inoltre, è un regime molto corrotto. Ogni strada che viene costruita appartiene a qualcuno della cerchia di Orbán. È un uomo carismatico, che sa anche parlare meravigliosamente”. . Ma una maggioranza di due terzi, come in tutti gli anni precedenti, non sarà più possibile. “E chissà, potremmo anche avere una sorpresa.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.