“Botel” non è nuovo a IJmuiden: Arosa Sun ha ospitato lavoratori ospiti di Hoogovens da Italia e Spagna

“Botel” non è nuovo a IJmuiden: Arosa Sun ha ospitato lavoratori ospiti di Hoogovens da Italia e Spagna

L’accoglienza di decine di migliaia di rifugiati ucraini nei Paesi Bassi obbliga i comuni a dar prova di flessibilità. Le navi sono utilizzate in diversi luoghi per ospitare donne e bambini. A Velsen si parla dell’arrivo di due barche d’albergo. Le sistemazioni galleggianti per stranieri non sono una novità in questo comune. All’inizio degli anni ’60, IJmuiden, parte di Velsen, ospitava in “botels” centinaia di lavoratori italiani e spagnoli.

È stata la soluzione per accogliere un flusso di giovani che è iniziato dopo una campagna di reclutamento di successo di Koninklijke Hoogovens nell’Europa meridionale, in particolare in Spagna e Italia. Per poter soddisfare la crescente domanda di acciaio nel periodo d’oro del dopoguerra, la produzione ha dovuto aumentare in modo significativo.

A uomini poco più che ventenni con un futuro piuttosto disperato nelle campagne siciliane e sarde non l’hanno mai detto due volte. La loro situazione non era così grave come quella degli ucraini oggi, ma le truppe ausiliarie dell’Europa meridionale non sono arrivate nei Paesi Bassi per lusso.

Il testo continua sotto la foto

Mario Loddo e Arturo Asuni (a destra) nel 2018. NH Nieuws / Fred Segaar

“Ho lasciato il servizio militare e non sono riuscito a trovare lavoro”, ha detto qualche anno fa Arturo Asuni in occasione del centenario di Hoogoven. “Poi ho visto l’annuncio e ho pensato: emigrerò per un po’”.

Mario Loddo, anche lui Sardijn, aveva un altro motivo per venire a IJmuiden. “I miei genitori erano molto severi. Se solo guardavo una ragazza, ero già punito! Inoltre, era solo molto povero con noi”.

Studia al tempo del capo

Dovevano andarsene per qualche mese, ma entrambi si ritirarono dall’attività siderurgica, all’allora comune ma ormai inimmaginabile età di 55 anni.

Agli Hoogoven ricevevano un buon stipendio, un’indennità per irregolarità e persino una formazione. “Incredibile”, Arturo Asuni era ancora stupito anni dopo. “Ci era permesso studiare ai tempi del capo. Ai tempi del capo!”

READ  Anteprima del Campionato Europeo di Corsa su Strada Maschile 2022 | I Paesi Bassi vogliono detronizzare l'Italia dopo quattro anni

Il testo prosegue dopo il video del 2018, realizzato in occasione di un secolo di Hoogovens

La vita è diventata divertente per gli italiani a Hoogovens solo dopo la “rivolta degli spaghetti” – NH Nieuws / Fred Segaar

Hoogovens ha continuato a crescere. Per anni ha avuto una propria rete ferroviaria, orchestra e vigili del fuoco, fino al 1995 aveva anche un proprio prefisso (02514) e al suo apice 22.000 dipendenti. Troppo per offrire riparo.

Loddo e Asuni sono stati ospitati sull’Arosa Sun. Nella primavera del 1961 fu ormeggiata nel Binnenspuikanaal. Circa ottocento server guest possono dormire. Le mense sono gestite dal Volksbond contro Drank Abuse. E qui sta l’unica nota dolente, ma non da sottovalutare.

“Eravamo abituati a un bel pezzo di carne, pasta e verdure fresche. Questi chef non ne avevano mai sentito parlare prima”

Arturo Asuni, italiano che ha lavorato per anni in Hoogovens

Non perché il personale si assicurasse rigorosamente che non si bevesse alcol (Loddo e Asuni erano bevitori moderati), ma a causa delle abilità poco sviluppate dei cuochi olandesi e della strana cucina olandese.

Asuni: “Ogni giorno una polpetta tritata in agrodolce con patate. Mi faceva impazzire”. Lodo. “Avevo vissuto la prima volta con una padrona di casa a Castricum. Era di buon cuore e spesso mi preparava gli spaghetti. Solo che lei li faceva bollire troppo a lungo. Non era per mangiare”.

“Ma all’Arosa Sun è stato davvero brutto. A casa eravamo abituati a un bel pezzo di carne, pasta e verdure fresche. Questi chef non ne avevano mai sentito parlare”.

Rivolta degli spaghetti

Pochi mesi dopo il loro arrivo, sono stanchi del cibo olandese. Un gruppo di circa ottanta italiani sciopera e una marcia di protesta viene stroncata sul nascere. La promessa che d’ora in poi sarà cucinata con ingredienti italiani, rassicura i lavoratori ospiti. L’azione è passata alla storia come la “rivolta degli spaghetti”.

READ  Spagna e Italia stasera sul palco dell'Eurovision per la prima volta: perché? | gara musicale Eurovision

Arturo Asuni: “Il cibo era pessimo! Non potevamo lavorare così”. Mario Loddo: “Quando tornavo a casa per le vacanze in quei primi anni, mia madre non mi riconosceva. Pensava che il cibo cattivo mi facesse sembrare brutto. Sono contento che ci siamo ribellati. In fondo è così ma ben fatto”.

Dopo alcuni anni sulla nave, Loddo e Asuni iniziarono a frequentare una ragazza del posto. Trovarono una casa sulla riva, si sposarono e ebbero figli. Sono stati insieme per anni e l’argomento di conversazione era solitamente il loro tempo sull’Arosa Sun.

Loddo, sempre in occasione del centenario di Hoogovens, quattro anni fa: “A parte il cibo all’inizio, ci siamo trovati molto bene. Siamo stati ben accolti, comprese le lezioni di lingua. Era necessario, perché all’Arosa Sun ci sedevamo principalmente con italiani. Non parlavamo una parola di olandese lì, ma alla fine ho capito abbastanza bene”.

La storia del sole di Arosa: dal battesimo alla demolizione

La “Arosa Sun” ha servito come nave albergo per tredici anni, dal 1961 al 1974. Fu costruita come nave da crociera, inizialmente con il nome di “Felix Roussel”. Fu battezzata nel 1929 e venduta nel 1955 alla nave svizzera a vapore “Arosa Line”. Dopo che la società è fallita, Koninklijke Hoogovens si è rivolta ad essa per via delle eccellenti strutture. Offre cabine adattate, spaziose sale da pranzo e riunioni e buoni servizi igienici. Nel settembre 1960, Hoogovens acquistò la nave.

In primo luogo, la nave sarà ampiamente rinnovata in un bacino di carenaggio dell’NDSM. La disposizione delle cabine e le zone giorno rimarranno invariate, ma verranno rinnovati i mobili e la lavorazione del legno, verranno ampliate le cucine e saranno presi accordi per gli allacciamenti a terra di gas, acqua, luce e fognature. . Si tiene una competizione tra lo staff di Hoogovens per un nuovo nome, ma la direzione ritiene che non ci sia un nome adatto. Non c’è altra scelta che mantenere il nome “Arosa Sun”.

READ  Da Aroma servono tutti dei classici ben fatti

Semaforo

Nel 1963 un incendio provocò ingenti danni alla nave. Tutti i lavoratori ospiti possono raggiungere la riva in sicurezza attraverso le quattro passerelle. Cinquecento di loro devono essere spostati temporaneamente. Nel 1964 iniziò la costruzione di “Euro Casa” a Beverwijk. Tuttavia, a causa della crescente domanda di personale, questo si rivela rapidamente troppo piccolo. Per questo un albergo sorge su un pontile vicino al Sole di Arosa: la “Casa Marina”.

Nel 1974 l’Arosa Sun e la Casa Marina dovettero lasciare la Binnenspuikanaal. Lì è in costruzione una nuova stazione di pompaggio. I lavoratori italiani e spagnoli di Hoogovens trovano rifugio in quartieri residenziali costruiti appositamente per loro, come Casa del Norte a Heerhugowaard e Casa Arosa ad Alkmaar. Hoogovens non riesce a trovare un acquirente per il De Arosa Sun. La nave fu rimorchiata a Bilbao e lì demolita. Tra le altre cose, il volante, la campana della nave e alcuni pannelli della sala da pranzo di prima classe sono stati salvati dalla demolizione e possono essere visti nell’Hoogovensmuseum.

Fonte: Erik Baalbergen, Tipicamente IJmuiden.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *