esordio in Petronas a Losail

Si può davvero parlare della quinta vita sportiva per il fenomeno del Tavullia Valentino rossi, che oggi sul circuito di Losail, nel Qatar, ha effettuato i primi test ufficiali sul Yamaha Petronas M1. Quinta vita che potrebbe essere forse la più emozionante perché probabilmente sarà l’ultima, sportiva parlando.

Dopo la prima “vita” da spericolato in Honda, dove Stravinto, infatti, ha vinto tutto, ecco l’esperienza Yamaha nel 2004, dove ha lasciato la super casa preferita per affrontare l’intrigante sfida Iwata, sfida vinta di fronte a tutti. Poi “Il dottoreHa cercato di esagerare, entrando Ducati e tentando una combo pilota italiana che purtroppo non ha portato “quasi” a nessun risultato. Ed ecco il ritorno Yamaha, dove torna a misurarsi con i migliori ed è molto vicino alla conquista del titolo nel 2015 Globale, strappato alla fine dal compagno di Scatola Jorge Lorenzo.

Ed eccoci qui oggi, quello in cui Vale scende in pista con i ventenni sudati, lavorando e percorrendo chilometri sulla sua ormai inseparabile M1. Nella sua ventiseiesima (ventiseiesima) stagione a MotoGP (22 in classe superiore), Vale accumula 54 giri in circa 7 ore del primo giorno dei test ufficiali. Lavoro no Attacco contro il tempo ma in fase quella di Rossi, che, per quanto riguarda i soli piazzamenti di giornata, ha chiuso 14 ° con una prestazione assoluta di 1’55.584, a 897 millesimi.Aprilia di Aleix Espargarò e quattro decimi del nuovo compagno di box Franco Morbidelli, 7 ° in 1’55 ″ 174.

Pochissimi i tempi indicativi ma i dati raccolti saranno molto preziosi per la prima gara della stagione, che si svolgerà dal 26 al 28 marzo. Losail, nel Qatar, e in cui Rossi proverà subito a dimostrare di che pasta è fatto, anche senza una moto ufficiale tra le mani.

READ  FCIN1908 / L'Inter vola da Eriksen: Volpi e Marotta in Danimarca, in attesa di uscita

Il vero straniero della stagione sarà, come sempre per Rossi, la prestazione nel giro consecutivo, che soprattutto in qualifica lo ha penalizzato molto negli ultimi anni, costringendolo spesso da dietro e rendendo quindi la gara, da subito, molto più complicata.

Alla fine delle prove, il centauro 9 volte Campione del Mondo ha rilasciato alcune dichiarazioni a “Sky Sport”:

“Sono felice: amo la moto, il casco e come mi sento sulla moto. È l’inizio di una nuova avventura, ero molto emozionato prima di scendere in pista. Non è un risultato fantastico, ma è stata una giornata abbastanza positiva, abbiamo fatto un buon lavoro. Annunci? Ci sono meno persone intorno alla moto, meno ingegneri giapponesi, meno domande sullo sviluppo, l’atmosfera è più rilassata, ci si sente bene ”.

OMNISPORT | 07-03-2021 00:12

La quinta vita di Valentino Rossi: Petronas debutta a Losail Carattere: Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *