Esperti della Difesa: “Putin ora sembra prendere di più l’Occidente”

Questo pomeriggio Vladimir Putin ha ufficialmente annesso le regioni ucraine occupate di Luhansk, Donetsk, Kherson e Zaporizhzhya.

discorso

Nel suo discorso, ha affermato che le persone di queste regioni vogliono unirsi al popolo russo e che “dovrebbero ascoltare la voce della gente”.

Guarda Putin che annuncia i risultati del referendum nell’Ucraina orientale di seguito:

‘Speranza puha’

“Ha annunciato tutto con molto clamore e si è presentato come un grande uomo che ha tutto sotto controllo”, afferma l’esperto di difesa di Clingendael Dick Zandee. “Dopo il discorso c’è stata una grande macchina per applaudire e alla fine c’è stata una festa”.

Era l’aspetto esteriore, quindi la sostanza del discorso: “È stato un lungo sfogo contro l’Occidente, con parole come ‘colonialismo’. E ha menzionato il dispiegamento di armi nucleari che l’America ha usato contro il Giappone. È stata una lunga strada- per raggiungere la retorica”.

Retorica contro l’Occidente

Una cosa che Zandee ha trovato davvero sorprendente: Putin non ha necessariamente preso di mira “l’Ucraina arrabbiata, narcisistica e perniciosa” come ha fatto prima. “Non era il quadro adesso, ma la retorica contro l’Occidente. Penso che abbia scelto questa direzione perché c’è una crescente resistenza in Russia alla guerra in Ucraina. Più russi supportano l’idea che l’Occidente non va bene. Concentrandosi su questo, Penso che spera possa portare a un maggiore sostegno al regime”.

Tuttavia, Zandee pensa che il supporto sarà temporaneo. “La mobilitazione continua, ci vorranno settimane. Il Cremlino ora sta mandando al fronte uomini non addestrati e mal equipaggiati. Questa ‘carne da cannone’ è il motivo dei disordini. Non so se passerà con l’anti-occidentale sentimento.”

READ  Gb, la regina scende in campo contro il Covid: "Vaccinatevi" | "Questo virus è come la peste"

Discorso prevedibile

Anche l’ex comandante delle forze di terra Mart de Kruif ha visto questa retorica contro l’Occidente. “Putin ha annullato l’attacco e ha detto che l’Occidente sta ora attaccando la Russia. Il popolo russo dovrebbe difendere la cultura del mondo libero, secondo lui, dovrebbe difendersi dal colonialismo dell’Occidente”.

De Kruif non ha trovato il discorso molto sorprendente. “Pensavo fosse un discorso prevedibile”, dice. “Putin ha invitato il popolo russo a unirsi contro l’Occidente. Ha anche fatto riferimento alle armi nucleari utilizzate dagli Stati Uniti. Ci aspettavamo che lo dicesse”.

I combattimenti continueranno

Ci vorranno alcuni giorni prima che l’annessione venga formalizzata dalla Duma di Stato, dalla camera bassa del parlamento russo e dal senato russo. E allora? L’esperto di difesa Dick Zandee: “Beh, l’Ucraina non riconoscerà mai questa decisione. Zelensky continuerà a combattere. Anche l’Occidente continuerà a sostenere Zelensky”.

I combattimenti continueranno quindi per il momento. “Le unità russe cercheranno di colpire tutto ciò che può sconvolgere la società ucraina: centrali elettriche, infrastrutture”.

“Beneggerebbe da una pausa”

Ma la domanda rimane quanto dureranno i due paesi. C’è carenza di personale, carenza di munizioni, le truppe non sono più schierabili per stanchezza. “Sia Russia che Ucraina trarrebbero vantaggio da una pausa, riorganizzandosi. Anche questo avrebbe senso ed è anche quello che ha consigliato un alto comandante russo. Ma la logica non è sempre in primo piano nello spirito del Cremlino. Putin ha risposto alla proposta con : no, dobbiamo continuare”.

Anche De Kruif pensa che una pausa sarebbe buona. “L’inverno sarebbe un buon momento per uno status quo da entrambe le parti per riarmarsi e riequipaggiarsi. Poi sarebbe il turno dei diplomatici di subentrare. Con l’Unione Europea e gli Stati Uniti da una parte e la Cina dall’altra” . , questi paesi non solo possono negoziare sulla base delle loro convinzioni, ma possono anche esercitare pressioni esterne su di loro”.

READ  Le vite cancellate dei turchi di Erdogan in Italia (e dei loro figli) - Corriere.it

“Un accordo sembra impossibile”

De Kruif crede che la guerra non finirà senza pressioni politiche. “Questa pressione deve venire dalla Cina, anche questo Paese ha interesse a porre fine alla guerra. La guerra in Ucraina colpisce il commercio internazionale, che colpisce la Cina”.

Zandee non sa se una trattativa avrà successo. “È chiaro che la Cina vuole la fine della guerra. Ma per un negoziato con Putin ci vuole anche Zelensky, che non è disposto a negoziare finché c’è l’annessione e ci sono truppe russe nel suo Paese. Putin può farcela annessione “Non tornare indietro è perdere la faccia. Ora è quasi impossibile per i due paesi raggiungere un accordo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.