F1, Verstappen batte la Mercedes: la sua pole al GP di Abu Dhabi. Ferrari dietro

Secondo Bottas, il terzo Hamilton si è inchinato agli olandesi. Leclerc, nono tempo, partirà dodicesimo, una posizione davanti al compagno di squadra Vettel. Brillante Norris, quarto, sesto il prossimo ferrarista Sainz

Max Verstappen è la grande voce dell’ultimo GP della stagione. Ad Abu Dhabi – partenza alle 14.10 ora italiana domenica 13 dicembre – la Red Bull olandese conquisterà la pole position dopo una fantastica Q3 nelle qualifiche di sabato. Entrambe le Mercedes sono state battute, con un aggressivo Valtteri Bottas secondo e Lewis Hamilton che è tornato dopo Covid, terzo. Le Ferrari sono mediocri, nonostante Charles Leclerc abbia fatto più che un miracolo per tenere a galla la rossa: il monegasco partirà dodicesimo (nono tempo ma tre posizioni perse in griglia a causa dell’incidente al GP Sakhir), tredicesimo Sebastian Vettel (penalizzato anche lui), uscita al T2. I distacchi tra i primi sei sono davvero minimi, in mezzo secondo il GP potrebbe essere molto vicino.

Errori

Verstappen in crescendo: si è lamentato dell’affermazione della Red Bull sia in Q1 che in Q2, mentre ha combattuto anche con il compagno di squadra Albon, più volte davanti a lui. Ma nella fase decisiva Max è stato perfetto, scavalcando Bottas, spinto anche dal team radiofonico di Toto Wolff prima dell’ultimo tentativo “Dai tutto!” – e il campione del mondo Lewis Hamilton, che ha centrato un posto al suo ultimo tentativo, un errore che probabilmente gli è costato la pole.

rosso

Detto di un brillante Lando Norris (4 °) e Carlos Sainz che partirà 6 °, le Ferrari hanno provato a lottare, ma hanno concesso poco. Charles Leclerc è stato più aggressivo che mai, finendo nono – ma dodicesimo in griglia – anche se per alcune posizioni è riuscito a entrare nei primi due e per buoni periodi di qualifica è stato il più veloce di tutti l’ultimo settore. Tredicesimo (e retrocesso anche sotto il nome di Charles) lascerà Sebastian Vettel, durante le ultime qualifiche della sua carriera alla Ferrari.

READ  Una svolta decisiva, un contesto inaspettato per il futuro dell'azienda

Griglia

1. Verstappen (Ola-Red Bull / Honda)
2. Bottas (Fin-Mercedes)
3. Hamilton (GB-Mercedes)
4. Norris (GB-McLaren / Renault)
5. Albon (Tha-Red Bull / Honda)
6. Sainz (Spa-McLaren / Renault)
7. Kvyat (Rus-AlphaTauri / Honda)
8. Promenade (GB-Racing Point / Mercedes)
9. Gasly (Fra-AlphaTauri / Honda)
10. Ocon (Fra-Renault)
11. Ricciardo (Aus-Renault)
12. Leclerc (lun-Ferrari)
13. Vettel (Ger-Ferrari)
14. Giovinazzi (Ita-Alfa Romeo / Ferrari)
15. Raikkone (Fin-Alfa Romeo / Ferrari)
16. Russell (GB-Williams / Mercedes)
17. Fittipaldi (Bra-Haas / Ferrari)
18. Latifi (Can-Williams / Mercedes)
19. Perez (Mes-Racing Point / Mercedes)
20. Magnussen (Dan-Haas / Ferrari)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *