Fabio Jakobsen registra la sua prima vittoria stagionale nella seconda tappa della Vuelta a San Juan

Lunedì 23 gennaio 2023 alle 22:53

La seconda tappa del Tour de San Juan è stata vinta da Fabio Jakobsen. Il velocista olandese di Soudal Quick-Step è stato il migliore dello sprint del gruppo davanti a Fernando Gaviria (Movistar) e Ion Aberasturi (Trek-Segafredo). È la prima vittoria stagionale di Jakobsen.

Con Sam Bennett, vincitore della tappa di apertura, in maglia di leader, il gruppo ha iniziato la corsa di 200 chilometri tra Villa San Agustín – San José de Jáchal. Dall’inizio è salito, più di ottanta chilometri di fila. Questo fatto non ha scoraggiato una dozzina di corridori attaccanti. Tra loro, non solo sei argentini, ma anche buon vecchio Oscar Sevilla (Medellin-EPM), nel 2018 ancora il grande vincitore della corsa a tappe argentina.

Nel secondo sprint intermedio lungo il percorso, il 46enne (!) spagnolo ha guadagnato addirittura due secondi, che lo hanno portato all’ottavo posto assoluto dopo la seconda giornata. Per i co-sceneggiatori: i bonus sprint sono stati entrambi vinti da Gerardo Tivani (AV Fatima-San Juan Biker Motos-Electro 3). Il suo connazionale Tomas Contte (nazionale argentina) è stato il primo a salire l’unica salita classificata della giornata.

Ancora assetato
Ma anche il secondo giorno, la prima fuga, sempre più decimata man mano che la gara procedeva, è stata una faccenda piuttosto disperata. Forse il principale avversario era ancora il caldo. “È stata una giornata lunga ed estremamente calda. Il mio Garmin mostrava 47 gradi”, ha detto Yves Lampaert dopo il traguardo registralo. Quindi c’era molto alcol durante il viaggio più lungo di diversi giorni.

Per molti corridori è stata una giornata senza fine – foto: Cor Vos

Raggiunto il culmine, le squadre di velocisti hanno dimostrato di essere sveglie. I lavori di Soudal Quick-Step, Movistar e BORA-hansgrohe hanno regalato un altro sprint di gruppo dopo che Manuele Tarozzi (Green Project-Bardiani CSF-Faizanè) è stato colto come ultimo dei fuggitivi in ​​finale.

READ  Alfred Schreuder dopo aver perso punti contro il NEC: 'Abbiamo faticato solo cinque minuti dopo l'intervallo' | premier League

Jakobsen si vendica
Jakobsen ha avuto, anche grazie all’ottimo lavoro del campione del mondo Remco Evenepoel, un’ottima preparazione per il tanto atteso sprint del gruppo. Nell’ultimo chilometro, però, nessuna delle due squadre ha avuto la meglio. Ad esempio, Michael Morkov è stato rinchiuso dal treno BORA-hansgrohe fumante. Successivamente, Danny van Poppel voleva pilotare di nuovo il suo leader alla vittoria, ma quel piano fallì.

Lo stesso Bennett è stato bloccato e quindi il veloce irlandese non ha potuto competere per la vittoria. Dall’altra parte della strada, era il momento giusto per lanciare il suo sprint. Il risultato è una giornata di grande successo che lo porta al secondo posto in classifica. Sam Bennett, che è arrivato quarto oggi, resta il leader della classifica.

Jakobsen vede che va bene – foto: Cor Vos

Per Jakobsen è una rivincita per il fallimento dell’andata in Argentina. Poi, il campione europeo non ha potuto competere per la vittoria perché si è trovato dalla parte sbagliata di un isolotto nella pericolosa tappa finale e ha perso tante posizioni. È il primo olandese a vincere una tappa al Tour de San Juan.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *