Federer sollevato nel salutare: “Ho versato qualche lacrima” | ADESSO

Roger Federer è stato sollevato dopo aver annunciato il suo ritiro giovedì scorso. Il venti volte vincitore del Grande Slam sta finendo la sua impressionante carriera dopo la Laver Cup.

“Non è stato facile per me ed ero molto emozionato”, ha detto Federer al canale svizzero martedì. RTS quando ha annunciato il suo ritiro. “Quando l’ho annunciato, i miei genitori e Mirka (sua moglie, ndr) erano più commossi. Ero un po’ più rilassato”.

“Dopo ho versato qualche lacrima, ma sono felice di aver raggiunto questo traguardo. Sono molto sollevato e felice della carriera che ho avuto”.

A causa di problemi fisici, Federer, 41 anni, ha giocato poco negli ultimi anni. La sua ultima apparizione all’ATP Tour risale alla scorsa estate, quando ha fallito nei quarti di finale a Wimbledon.

“All’inizio di quest’estate mi sentivo come se avessi fatto pochi progressi”, ha detto lo svizzero. “Il mio ginocchio non mi avrebbe lasciato solo allora. Durante Wimbledon ho sempre creduto di poter tornare”.

“Ma poi ho fatto una TAC che non andava bene. Non c’erano più progressi. Poi ho pensato che fosse finita. Non la volevo più”.

Le migliori foto della carriera di Federer

Federer probabilmente è solo il doppio alla Laver Cup

La Laver Cup inizierà venerdì prossimo. Federer affronterà Andy Murray, Rafael Nadal e Novak Djokovic contro una squadra composta da tennisti extraeuropei.

Secondo i media svizzeri, Federer non è abbastanza in forma per giocare una sola partita di Laver Cup. Probabilmente giocherà solo in doppio alla O2 Arena di Londra.

Tuttavia, secondo le regole della Laver Cup, ogni giocatore deve giocare almeno una partita di singolare durante i primi due giorni. Quindi la domanda è se l’organizzazione consentirà a Federer di giocare solo in doppio in questo caso.

READ  Da 22 milioni all'operazione di recupero: chi è Diogo Dalot

Dopo il ritiro, Federer vuole comunque rimanere coinvolto nel tennis. “Vorrei organizzare un torneo dimostrativo nei prossimi sei mesi con giocatori che posso scegliere io. Non so ancora come sarà il mio futuro, ma non voglio allontanarmi completamente da questo sport”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.