Ferrari: motore e telaio Leclerc al sicuro nel botto

Sarà una lunga notte di lavoro per il garage Ferrari. A cinque minuti dalla fine della sessione di FP2, Charles Leclerc, impegnato nella simulazione della gara con gomme medie, ha perso il controllo della vettura alla curva 22, andando a sbattere contro le barriere. Uno scontro molto violento, che ha richiesto il consueto controllo dell’autista al centro medico (che escluse le conseguenze) ed è costato all’auto ingenti danni. Le prime scansioni effettuate nell’officina del Cavallino hanno confermato che carrozzeria e motore non sono stati danneggiati, ma la vettura dovrà comunque essere rimontata.

Gli steward rimuovono la Ferrari di Charles Leclerc dopo l’incidente nelle FP2

Foto di: Glenn Dunbar / Immagini di sport motoristici

“Purtroppo questa giornata non si è conclusa come avremmo voluto – ha commentato Leclerc – visti gli aspetti positivi, siamo riusciti a completare il nostro programma e abbiamo svolto tutti i test che avevamo programmato per queste due sessioni. Il potenziale c’è, e se riusciremo a mettere tutto a posto domani, penso che sarà una buona giornata. Mi dispiace per la squadra che dovrà fare un ottimo lavoro per rimettere a posto la mia macchina e farò di tutto per premiare i loro sforzi con il miglior risultato possibile”.

L’incidente di Leclerc è arrivato in un momento in cui il monegasco stava ricevendo riscontri molto positivi, come conferma la sua striscia positiva che è stata solo più lenta delle due Mercedes, e il long run di Sainz è stato anche il secondo più veloce tra coloro che hanno utilizzato il software, preceduto solo da Bottas .

Leggi anche:

Meno brillanti le simulazioni di qualificazione, con Sainz in settima posizione, mentre Leclerc (che ha abortito il suo ultimo giro lanciato) ha chiuso in decima posizione. Ma lo spagnolo non ha nascosto un moderato ottimismo.

READ  "Domani deciderò se giocherà Belotti"

“Mi sento abbastanza fiducioso – ha commentato Carlos – Ho guidato molto e gradualmente sono migliorato. Questo circuito è diverso da qualsiasi altro circuito su cui ho corso nella mia carriera, l’intensità, il brivido e la scarica di adrenalina mi hanno riportato a una sensazione che non provavo dai tempi di Macao. Abbiamo usato diverse mescole, come diversi carichi di carburante, quindi dobbiamo analizzare il tutto per poter avere una prima scala di valori, ma al momento sembra un’altra battaglia molto serrata con AlphaTauri, Alpine e McLaren, quindi sembra di partire dalla quinta posizione, sarà una lotta serratissima, come è avvenuto in Qatar”.

“Il notevole grip ci ha aiutato – ha continuato Sainz – hai più fiducia nella macchina ed è molto più facile mettere a punto la macchina perché non devi pensare troppo al bilanciamento. Hai appena guidato, la pista sta migliorando e non ci sono particolari problemi. Ma per quanto semplice in termini di settaggi, questa giornata è stata molto difficile in termini di guida, non è certo un circuito facile da adattare”.

I primi risultati hanno confermato le “rosse” davanti alle due McLaren, ovvero le dirette avversarie, ma si tratta di verdetti da prendere con le pinze. Ricciardo e Norris hanno mostrato un certo ottimismo per domani, e bisogna tener conto anche della conferma dell’Alpino (e del solito AlphaTauri di Pierre Gasly.
“Domani sarà fondamentale trovare il momento giusto per scendere in pista in qualifica – ha spiegato Leclerc – non sarà facile trovare un giro pulito evitando il traffico, visto che la pista è piuttosto stretta”.

READ  Paratici: “Siamo dove volevamo ad agosto. Rinnovo? Puntuale "

Sarà uno dei grandi punti interrogativi di una giornata che si preannuncia come una delle più imprevedibili dell’intera stagione.

Charles Leclerc, Ferrari SF21, dopo la caduta nelle FP2

Charles Leclerc, Ferrari SF21, dopo la caduta nelle FP2

Foto di: Glenn Dunbar / Immagini di sport motoristici

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *