Il grande successo negli Stati Uniti del canale Reddit “Antiwork”

La pandemia di coronavirus ha portato milioni di persone a rivalutare le proprie condizioni di lavoro e a non essere più disposte a tollerare comportamenti inappropriati da parte dei loro capi o delle aziende per cui lavorano. Negli Stati Uniti – dove questo fenomeno è particolarmente pronunciato, per vari motivi – molte di queste persone si sono radunate per esprimere le proprie frustrazioni o per condividere l’annuncio del loro licenziamento su”Anti-lavoro”, Un canale del social network Reddit che soprattutto negli ultimi mesi è diventato un punto di incontro e di ispirazione per tutti coloro che sono scontenti della propria situazione lavorativa e vorrebbero un cambiamento radicale del sistema.

Da diversi mesi Antiwork è uno dei canali più performanti su Reddit, attirando milioni di persone e diventando un piccolo fenomeno online. Esiste dal 2010 e prima della pandemia contava circa 100.000 iscritti: oggi ne conta 1.250.000, molti dei quali hanno iniziato ad utilizzarlo negli ultimi mesi. Il suo successo arriva anche in un contesto in cui diversi milioni di americani hanno lasciato il lavoro per diversi motivi e sono diventati così rilevanti che giornali e analisti hanno persino iniziato a parlare di “movimento contro il lavoro”.

Antiwork è un canale su Reddit (noto anche come subreddit) in cui i dipendenti sfruttati ed esausti condividono commenti sulla loro situazione lavorativa o screenshot di conversazioni problematiche che hanno con i loro capi. Alcune persone riferiscono di essere state sottoposte a turni estenuanti o sottopagati, mentre altre lamentano episodi di umiliazione, bullismo o essere costretti a lavorare gratuitamente, tra le altre cose.

I messaggi scambiati su Antiwork sono diventati virali sia su Twitter che sugli altri principali social network, soprattutto quelli in cui persone che si dicono stremate da condizioni di lavoro ritenute inaccettabili condividono il momento in cui mandano tutto e tutti all’inferno, spesso a distanza di anni. di disagio. Non è escluso che almeno alcuni di questi messaggi siano falsi: like ha riassunto effettivamente Ardesia, non c’è modo di verificarne l’autenticità, «ma la loro autenticità è meno importante del senso di catarsi che offrono».

READ  Cosa vedi prima in questa immagine? Dipende dalla tua età

Lo screenshot della conversazione in cui un utente del canale Antiwork decide di lasciare il lavoro quando il suo manager minaccia di licenziarlo, dopo essersi rifiutato di andare al lavoro nel suo giorno libero

Una delle prime conduttrici del canale Antiwork, Doreen Ford, ha raccontato a Ardesia che “purtroppo” i casi in cui aziende o leader minacciano o abusano dei propri dipendenti si verificano “troppo spesso”. Ford, che ha 30 anni, ha moderato il canale per 7 anni e, a sua volta, ha svolto una serie di lavori nella sua vita che ha descritto come “degradanti”, ma si è detta stupita dalla rapidità con cui la catena è cresciuta durante la pandemia. Chi frequenta non vuole lamentarsi o solo lottare per migliorare le proprie condizioni di lavoro, ma piuttosto cambiare il sistema in modo da poter lavorare di meno, o per niente.

Come un Pubblicare che indica gli obiettivi del gruppo, che si definisce popolato da anarchici e “tutte le varietà di sinistra”, “la riforma di un sistema rotto porta ancora a un sistema rotto”: per questo Antiwork si propone di raccogliere idee su come abolire completamente capitalismo e lavoro, come lo conosciamo oggi nelle nostre società.

Nonostante questa propensione, però, accoglie molti che non condividono la sua idea generale, specifica di Ford. Una delle cose più gratificanti è che con il supporto di altri utenti sul canale, le persone trovano il coraggio di chiedere un aumento, dire di no ai propri capi, o semplicemente lasciare il proprio lavoro, senza per forza continuare a subire ritorsioni. , Ha aggiunto.

– Leggi anche: I medici non vogliono più lavorare al pronto soccorso

READ  "Se le donne lo davano più facilmente, meno stupro." Sconvolti anche Cruciani e Parenzo - Libero Quotidiano

I dati del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti indicano che lo scorso settembre 4,4 milioni degli americani hanno lasciato il lavoro: oltre 150.000 in più del mese precedente e 1 milione e 130.000 in più rispetto a settembre 2020. I motivi possono essere tra i più diversi, visto lo stress di aver passato l’anno e mezzo trascorso a lavorare in cui si sono particolarmente esposti a potenziali infezioni, alla voglia di provare a fare un lavoro che ti piace di più o che ti permetta di cambiare il tuo stile di vita. Il New York Times ha notato che in alcuni casi i contributi pubblici per far fronte alla crisi economica possono aver aiutato chi ha deciso di cambiare e di non lavorare per un po’, ma questo da solo non basta a motivare una persona a farlo.

Il sociologo David Frayne, intervistato da New York Times, ha spiegato che gli eventi traumatici di solito portano le persone a riconsiderare la propria vita e i propri obiettivi e che in questo senso un evento come la pandemia di coronavirus ha avuto un impatto su larga scala. Kathi Weeks, professore di studi di genere alla Duke University, ha anche osservato che il “tipo di separazione forzata dal lavoro” che è derivato dalla pandemia ha dato a molti l’opportunità di vedere la propria situazione lavorativa in modo significativo. nel modo in cui operano molti ambienti di lavoro.

In sostanza, secondo gli esperti, molte persone pensano che non avere un lavoro sia meglio che avere un brutto lavoro, e che questo nuovo atteggiamento possa portare a un grande cambiamento culturale. Nelle parole di Weeks, il rifiuto di tornare al lavoro, soprattutto in ambienti particolarmente ostili, rappresenta una “specie di desiderio di libertà”.

READ  Gaza, 2.000 razzi lanciati su Israele da lunedì

Ciò riguarda varie categorie di lavoratori, ma è anche influenzato dall’atteggiamento delle cosiddette persone Generazione Z, sostanzialmente i nati tra il 1997 e il 2012, che si avvicinano spesso al mondo del lavoro con un atteggiamento più rilassato e meno orientato alla competitività e alla produttività a tutti i costi, tipici delle generazioni precedenti. Il fenomeno è stato analizzato anche da investimento bancario Goldman Sachs, che lo legò almeno in parte alla popolarità del canale Antiwork: secondo Goldman Sachs, la tendenza a rifiutare il lavoro maschera il rischio che molte persone decidano di non lavorare affatto per periodi più lunghi del normale, con possibili ripercussioni l’economia del paese.

– Leggi anche: In Portogallo, i datori di lavoro non potranno contattare i dipendenti dopo l’orario di lavoro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *