Fondo Serie A, Dal Pino: “Qualcosa di unico”

Presidente Lega A: “Chiunque debba restare a casa sarebbe più triste senza calcio”. E l’amministratore delegato De Siervo: “Renderemo più rigoroso il protocollo Covid”

“Ho parlato poco e ho fatto molto”. Questo il telegramma di Paolo Dal Pino, presidente della Lega di A, all’uscita dell’hotel Romano dove i venti club hanno detto all’unanimità sì all’accordo con il consorzio CVC / Avvento / Fsi che fissa 1, 7 miliardi in miglioramento della Serie A e prevede di vendere il 10 per cento ai nuovi compagni di viaggio.

La scala

“In un certo senso per arrivare in cima bisogna salire le scale – spiega Dal Pino – abbiamo fatto tanta strada, ora non c’è niente di definitivo, mancano ancora diversi controlli, ma abbiamo accettato la proposta. Ringrazio i fondi come ringrazio tutte le società, siamo riusciti a creare un sistema come la Serie A. “Così Paolo Dal Pino, presidente della Lega A. Mancano pochi passaggi per la stesura di un contratto vero e proprio, ma un un altro ostacolo viene superato.

Unicità

“Abbiamo fatto qualcosa di unico in un momento davvero drammatico. Questo è ciò che ci rende più felici.” “Il calcio può e deve continuare adesso”. “In questo momento, chiunque sia costretto a restare a casa sarebbe più triste senza il calcio”. La roadmap dovrebbe concludersi nelle prossime settimane così come è in vista una prima revisione, la cessione dei diritti televisivi per il triennio 2021-2024. Un’altra assemblea affronterà anche la questione della distribuzione delle risorse che verranno assegnate a ciascun club. E quella della governance da definire con il consorzio Cvc / Advent / Fsi.

READ  MMA, Conor McGregor arrestato in Corsica per tentata violenza sessuale

Protocollo

Novità in vista anche riguardo al protocollo sanitario anti Covid che sarà reso più rigoroso. “Non ne abbiamo parlato – afferma l’amministratore delegato Luigi De Siervo – ma questa mattina abbiamo ricevuto la proposta della Federazione Medico-Sportiva che sarà lo strumento con cui renderemo ancora più rigoroso il protocollo”. Ci sarà un’unica centrale per processare campioni e altre normative al fine di innalzare il livello di difesa di fronte all’emergenza Covid.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *