Juve, questo Morata va blindato subito: niente più prestiti, ma Cerezo non fa sconti | Prima pagina

Sempre più decisivo. Adesso anche in Nazionale. Segnando nel già “ storico ” 6-0 della Spagna contro la Germania, Alvaro Morata è l’attaccante che ha sorpreso più di chiunque altro all’inizio della stagione calcistica europea, con 8 presenze e 6 gol per la Juventus e un gol in tre partite con le Furie Rosse.

LA PARABOLA – Il giovane Morata sembrava destinato a diventare un fenomeno, cresciuto in Real Madrid poi vai a Juventus nel 2014. A Torino, due ottime stagioni, tant’è che io Bianchi lo riportano al Bernabeu: da lì, nonostante 20 gol in 43 partite nel 2016-17, iniziano tre stagioni in chiaroscuro per la classe 1992, sia al Chelsea che all’Atletico Madrid. Tant’è che quando la Juve decide di reinvestire su di lui, la scelta appare legittimamente come una flessione rispetto ad altre lenti fuzzy (Dzeko e Suarez).

HA DESTRA PARATICI – Ha ragione Morata, e con lui Fabio Paratici che ogni volta che parla del numero 9 non manca mai di sottolineare la sua abitudine di giocare per grandi club e per gol importanti, prima di tutto Champions League in cui Morata è particolarmente euforico e che ha già vinto due volte con il Real Madrid.

IL FUTURO È OGGI – Il grande inizio di stagione dello spagnolo sta già spostando l’obiettivo nel prossimo futuro. Prestito Morata (10 milioni pagati quest’anno), può essere rinnovato fino al 2022 pagando ulteriori 10 milioni, con diritto di riacquistare 35 milioni nel 2022. La Juve ha però la possibilità di acquistare Morata direttamente dal 2021, pagando all’Atletico Madrid 45 milioni di euroO. Quest’ultima è un’opzione a cui Torino dovrebbe riflettere seriamente, visto in bianco e nero, Morata trova meravigliosamente la sua vera identità di attaccante e considerando questo Cristiano Ronaldo concluderà la sua avventura alla Juventus al più tardi nel 2022 (se non già nel 2021). Per la Juve, se l’emergenza Covid lo permette, è già tempo di gettare solide basi per il futuro. E Morata, che ha appena compiuto 28 anni, riesce a garantire almeno quattro o cinque stagioni al vertice.

READ  Lazio, porta bollo Covid. Il laboratorio: 'Col Toro in campo solo negativi'

LA POSIZIONE DELL’ATLETICO – Enrique Cerezo, presidente dell’Atletico Madrid, proprio oggi l’ha messa così: “Si merita questo momento, guarda come combatte per segnare. Adesso sembra che abbia trovato la strada giusta. È un giocatore del Atletico Madrid in prestito per due anni alla Juventus con opzione di acquisto. Se vogliono, dovranno pagare“. In breve, io Materasso non scenderanno. La Juve è stata ammonita, ma sa dove vuole andare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *