Forze speciali in Crimea, feroci combattimenti intorno alla Kreminna: ecco come si combattono ucraini e russi |  All’estero

Forze speciali in Crimea, feroci combattimenti intorno alla Kreminna: ecco come si combattono ucraini e russi | All’estero

Mentre la neve ricopre parti dell’Ucraina, i combattimenti continuano nell’est e nel sud-est del paese. L’esercito ucraino sta attualmente effettuando – finora invano – pesanti attacchi contro le postazioni russe attorno al Kreminna nella regione di Luhansk.

Gli osservatori lo vedono anche in direzione dell’ucraino di Crimea forze speciali vengono schierati. Ora su terreno spesso fangoso, ma quando il terreno alla fine si congela, darebbe agli attaccanti opportunità per ulteriori attacchi, hanno detto gli osservatori, specialmente nel Donbass molto conteso.

Allo stesso tempo, i rapporti indicano che le truppe russe stanno scavando in vari punti dietro il fronte. Secondo Ora di Mosca c’è una forte pressione politica sui militari russi affinché non abbandonino un’altra grande città, come è successo di recente con la città portuale di Cherson nel sud. Mosca farebbe quindi molto affidamento sulla conquista di Bachmut. Questa città funge da trampolino di lancio strategico per le principali città ucraine di Slovjansk e Kramatorsk. Sono in corso pesanti combattimenti anche intorno alla centrale nucleare di Zaporizhia e nella parte settentrionale della regione di Lugansk.


Preventivo

Non ho l’impressione che a Mosca pensino che la guerra finirà presto

Dara Massicot, Rand Corporation

“La Russia sta preparando posizioni difensive con trincee, soprattutto nel sud intorno a Zaporizhia e nella parte della regione di Kherson (non la città) che è ancora in mano russa. Non ho l’impressione che Mosca pensi che la guerra finirà presto”, ha detto Dara Massicot, analista della difesa presso la US Rand Corporation.

READ  L'hacker olandese indovina la password e accede a Twitter Trump - Last Hour

Si stanno costruendo difese anche nella regione russa di Belgorod, la Russia vera e propria, appena oltre il confine orientale dell’Ucraina. Molti analisti sembrano concordare sul fatto che l’Ucraina abbia le migliori possibilità di avanzare durante i mesi invernali utilizzando scorte di armi occidentali, attrezzature moderne e abbigliamento militare caldo. Con meno foglie sugli alberi, c’è meno copertura per le truppe russe, consentendo all’Ucraina di utilizzare meglio i suoi sistemi di artiglieria a lungo raggio. La Russia è più vulnerabile all’inizio dell’inverno, pensa Massicot. “Ma nel tempo, le dinamiche possono iniziare a cambiare”, afferma. Ora di Mosca.

Bielorussia

È interessante in questo contesto che il leader bielorusso Alexander Lukashenko abbia escluso che i suoi eserciti combattessero in Ucraina. “Non interveniamo, non uccidiamo nessuno, non mandiamo nessuno lì, perché non è necessario”, ha detto Lukashenko, secondo l’agenzia di stampa bielorussa Belta a Minsk. Ha chiesto negoziati ma, come Vladimir Putin, ha anche ritenuto che Ucraina, Polonia e Stati Uniti non fossero seriamente interessati ai colloqui di pace.

Alexander Lukashenko all'inizio di quest'anno con una mappa dell'Ucraina.

Alexander Lukashenko all’inizio di quest’anno con una mappa dell’Ucraina. © –

Gli osservatori ritengono che il rifiuto di Lukashenko di entrare in guerra contro l’Ucraina significhi principalmente che lo stesso leader bielorusso ha poca fiducia nel successo militare della Russia in Ucraina. Allo stesso tempo, deve temere che la partecipazione attiva alla guerra mobiliti la popolazione bielorussa per un’ondata di proteste contro la guerra. È opinione diffusa che la maggioranza dei bielorussi disapprovi l’invasione russa del paese vicino.

Guarda i nostri video sulla guerra in Ucraina qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *