Genitori contro l’insegnante, l’uomo più tatuato di Francia: “Spaventa i bambini”

PARIGI – “Il mio aspetto non è un ostacolo al mio lavoro”. Sylvain, 35 anni, insegnante di Essonne, a sud di Parigi, è noto per essere l’uomo più tatuato di Francia, almeno è quello che si definisce, e guardandolo, sembra reale . Non c’è un centimetro della sua pelle Felpa con cappuccio stravagante – questo è il suo nome d’arte – che non è coperto di disegni, inclusi il viso, il teschio. Anche il bianco dei suoi occhi era coperto di inchiostro nero. Nel mondo dei tatuaggi, Freaky Hoody è una celebrità, ha partecipato a varie fiere in cui si esibisce periodicamente.

Solo che il “performer” è stato anche un insegnante precario per dodici anni. Ha insegnato per la prima volta nel Regno Unito, dove è sbocciata la sua passione per i tatuaggi. “Tre mesi dopo il mio arrivo – ricorda – ho iniziato con entrambe le braccia. In meno di tre anni avevo tatuato tutto il mio corpo nelle parti visibili fino a esaurire lo spazio e poi ho continuato con le gengive e le labbra interne, i genitali, i palmi mani e piedi. Non faccio le cose a metà e tu vivi solo una volta. “

Per anni Freaky Hoody ha sostituito le scuole elementari e secondarie e ora non frequenta più l’asilo dopo che l’anno scorso alcuni genitori si sono lamentati accusandolo di spaventare i bambini. Il suo caso ha scatenato una nuova polemica in Francia sul look da avere a scuola. Il movimento degli studenti delle scuole superiori per indossare minigonne e magliette cortissime, ripreso poi in Italia, è stato ripreso dal ministro dell’Istruzione con un errore. Il ministro ha suggerito che entrassero in classe con “abiti repubblicani”, senza che nessuno capisse veramente cosa significa. Nel frattempo, un parlamentare di maggioranza propone di rendere le uniformi obbligatorie a scuola.

READ  SECONDA ONDA di contagi, il virologo CAPUA ha la ricetta per contrastarlo. Ecco come »ILMETEO.it

Piuttosto, la storia di Freaky Hoody parla di un maestro. A seguito delle segnalazioni delle famiglie, il sovrintendente è stato costretto a ordinare un sopralluogo che non ha riscontrato problemi nell’insegnamento o nel comportamento dell’insegnante. “Ho sempre lavorato molto bene a scuola, sono gentile e attento, penso anche di migliorare con l’esperienza”, confida Sylvain che ha concesso diverse interviste nei giorni scorsi per denunciare un nuovo tentativo di discriminazione contro di lui. I genitori sono tornati per chiedere un’ispezione al sovrintendente. “Le lamentele provengono da persone che non mi conoscono nemmeno e che non hanno figli nella mia classe”, dice.

Freaky Hoody non nasconde il fatto che all’inizio dell’anno i bambini sono un po ‘sorpresi di trovarlo di fronte a loro. “Dopo la prima sorpresa – aggiunge – costruiamo un bel rapporto e loro pensano che io sia molto cool”. Il Provveditorato ha deciso di inserire l’insegnante solo nelle classi elementari o medie per evitare di creare nuove polemiche con le famiglie. “Posso capire una certa cautela – risponde – ma ripeto che non sono un provocatore. E penso piuttosto che il mio aspetto insegni ai bambini la diversità ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *