Nuovo IEP, ci sarà una riduzione dell’orario e degli insegnanti di sostegno? Miceli: “Sì, circa 5.000 insegnanti in meno all’anno” [VIDEO]

Impressione

“Non è un sospetto. La reazione illustrativa alla legge finanziaria ha quantificato una riduzione degli insegnanti di sostegno di 5.000 insegnanti in meno all’anno ”. E ‘quanto ha affermato Walter Miceli, avvocato specializzato in diritto dell’educazione, durante un recente dibattito su Orizzonte Scuola TV dal titolo: “Nuovo IEP, la notizia: ore di sostegno per l’esonero per alunni disabili”.

Secondo Miceli, dietro la scelta ci sarebbe il MEF e “con questo nuovo IEP si cerca di rompere un automatismo che ha finora collegato la gravità della disabilità dello studente all’assegnazione delle ore di supporto “.

Tuttavia, questo automatismo sulla base del quale sono state assegnate più ore di supporto a seconda della gravità nella realtà “non è mai nemmeno esistito nella legislazione precedente“, Spiega Miceli”perché gli insegnanti possono facilmente deviare dalla valutazione della salute, motivandola. Oggi dovremo motivarci molto bene in modo da non dare il numero massimo di ore“.

In breve, con il nuovo PEI, la valutazione dello stato di salute ha la precedenza sulla discrezione degli insegnanti. “Ma il profilo operativo non esiste ancora e non ci sono linee guida per la stesura di questo documento. Abbiamo diagnosi funzionali e documenti precedenti che non possono più essere scritti ma non abbiamo neanche i nuovi profili operativi.“, Sottolinea Walter Miceli.

Il meccanismo, secondo l’esperto di diritto della scuola, questo genererà nuove chiamate. In due casi specifici, è certo che nel caso di un allievo senza insegnante di sostegno e nel caso di riduzione dell’orario che se manca la motivazione, o il profilo di funzionamento, anche in questo caso il bando sarà vinto da lo studente», Conclude l’avvocato.

READ  Biden vende Nord Stream 2 - Accordo mondiale di gasdotto a Merkel

PEI, il nuovo modello nazionale: modelli, FaQ, prospettive [SPECIALE]

Impressione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *