George Floyd, l’ex poliziotto Derek Chauvin condannato a 22 anni e mezzo di carcere

Condannato a 22 anni e mezzo di carcere per Derek Chauvin, l’ex poliziotto che il 25 maggio ha ucciso l’afroamericano George Floyd. Persone, già condannato a fine aprile per omicidio colposo di secondo grado, è stato processato per omicidio di terzo grado. La giuria del tribunale di Minneapolis gli ha chiesto 30 anni di carcere. Il giudice ha respinto la richiesta di un nuovo processo dell’ex agente avanzata dai suoi legali per colpa della giuria e ha fissato una condanna a 22 anni e mezzo di reclusione per Derek Chauvin.

“Chauvin ha abusato del potere che aveva come poliziotto il giorno in cui ha ucciso George Floyd, “il vice procuratore generale del Minnesota Matthew Frank ha affermato di aver sostenuto l’atto d’accusa in tribunale”. Questo caso non riguarda la polizia, tutta la polizia. Non si tratta della polizia. Questo caso riguarda Derek Chauvin che ha ignorato tutto l’addestramento ricevuto e ha aggredito il signor Floyd fino a quando non è morto soffocato “, ha detto il pubblico ministero. “Se fosse stato un uomo di colore ad aver ucciso un uomo bianco, non ci sarebbero stati dubbi sul tipo di verdetto che la corte emetterebbe. Se fossimo noi, se le tabelle fossero invertite, non ci sarebbe nessun caso. Il caso sarebbe stato aperto e chiuso. Saremmo stati in prigione per aver ucciso qualcuno. Quindi chiediamo la stessa sanzione per Derek Chauvin”, ha detto invece. Terrence Floyd, il fratello minore di George Floyd, ha chiesto al tribunale il massimo della pena per l’assassino di suo fratello. “

Derek Da parte sua, Chauvin ha parlato brevemente in tribunale oggi prima della sua condanna a Minneapolis. “Voglio offrire le mie condoglianze alla famiglia Floyd”, ha detto Chauvin. aggiungendo: “Ci saranno più informazioni in futuro che potrebbero interessarti e spero che questo ti dia un po’ di tranquillità”. A suo nome ha parlato la madre, definendolo “un brav’uomo”, qualcuno che “ha sempre dedicato la sua vita e il suo tempo al servizio di polizia”. “È stato difficile per me ascoltare e leggere ciò che i media, il pubblico e il pubblico ministero hanno detto di Derek, che è una persona aggressiva, senza cuore e indifferente. Posso dirvi che è lontano dalla verità. L’identità del mio figlio “… era ridotto a quello di un razzista. Voglio che questa corte sappia che nessuna di queste cose è vera e che mio figlio è un brav’uomo “, ha detto la madre di Chauvin.

READ  "La malaria è trattata come un'influenza stagionale", ha chiesto 3 capi d'accusa per la morte del giornalista

Biden: “Giusta condanna”

“Non ho tutti i dettagli ma la frase mi sembra appropriata”. Così il presidente americano Joe Biden ha commentato con forza la condanna a 22 anni e mezzo di carcere inflitta all’ex agente Derek Chauvin per l’omicidio di George Floyd. Biden ha rilasciato la dichiarazione dopo essere stato interrogato dai giornalisti a margine dell’incontro della Casa Bianca con i leader afghani.

Dopo la condanna del 20 aprile, Chauvin e la sua difesa avevano 90 giorni per ricorrere alla Corte d’Appello. Secondo il legale dell’agente, il processo sarebbe stato iniquo perché compromesso da “notizie dannose” sul caso. “La copertura mediatica di questa vicenda è stata come l’esplosione di una bomba – ha detto a questo proposito -. La condanna è stata pronunciata dai media anche davanti al tribunale. Le manifestazioni e le opinioni nelle sale televisive hanno influenzato il giudice”. L’avvocato ha quindi chiesto una riduzione della pena richiesta, sostenendo che Chauvin era l’espositore di scarsa formazione. “La corte dovrebbe rivedere il passato dell’ufficiale – disse subito dopo la condanna del 20 aprile April -. È il prodotto di un sistema fallito. Ha sbagliato a fare affidamento sulla propria esperienza di agente di polizia e sulle lezioni che ha ricevuto dai suoi superiori. Non c’era alcuna intenzione di commettere un crimine. “

Secondo l’accusa, Chauvin aveva privato Floyd del diritto di essere libero, applicandogli una violenza totalmente ingiustificata. L’uomo, infatti, era stato arrestato dai carabinieri per accertamenti e aveva subito mostrato timore e disponibilità a collaborare. Nonostante ciò, Chauvin lo immobilizzò con un ginocchio sul collo, esercitando una forza micidiale che poteva solo uccidere. Con lui sono stati accusati altri tre agenti che, secondo i giudici, intenzionalmente non hanno aiutato Floyd in evidente difficoltà.

READ  se vuoi chiedere a Maria una grazia, dì questa preghiera

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *