Gli inglesi vogliono aggirare il tribunale per i diritti umani in Ruanda con una nuova legge | ADESSO

Il governo britannico introdurrà mercoledì un disegno di legge che consentirà al Paese di ignorare le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo. Il vicepremier Dominic Raab nega che il Paese stia rinunciando alla Corte europea, ma una volta entrata in vigore la nuova legislazione non sarà più l’organo supremo.

Il motivo del nuovo disegno di legge sono gli ostacoli legali che la Corte europea deve affrontare sollevato per il piano del governo britannico di portare i migranti illegali in Ruanda. In tal senso è stato concluso un accordo con il Paese africano.

Tuttavia, gli sgomberi forzati hanno portato a procedimenti legali e il tribunale per i diritti umani di Strasburgo ha bloccato il primo volo di migranti verso Kigali. Il ministro dell’Interno Priti Patel l’ha definita una richiesta di giudizio politico da parte del giudice. Se la nuova legislazione verrà approvata, la Corte Suprema del Regno Unito avrà ora l’ultima parola.

Il piano per il trasporto aereo dei richiedenti asilo in Ruanda è il risultato del massiccio afflusso di migranti via barche attraverso la Manica. Quest’anno il contatore è già salito a diecimila migranti che hanno fatto la traversata in barca ea volte centinaia sbarcano in un giorno con le barche.

La Corte europea dei diritti dell’uomo è separata dall’Unione europea ed è stata istituita per promuovere il rispetto della Convenzione europea dei diritti dell’uomo del 1950. La Gran Bretagna ha lasciato l’UE all’inizio dell’ultimo anno dopo che la Gran Bretagna ha votato per la Brexit nel 2016, ma l’adesione all’UE non ha nulla a che fare con la corte di Strasburgo.

READ  Le richieste della Russia per risolvere la crisi in Ucraina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.