Gli investimenti nella difesa costeranno la testa alla Russia

Gli investimenti nella difesa costeranno la testa alla Russia

Gli investimenti nella difesa costeranno la testa alla Russia
Internazionale20 maggio ’23 17:45Autore: Remi Cook

La Cina sta cercando di fregare gli alleati naturali della Russia. Così dice il Professore di Relazioni Internazionali Rob de Wijk in Boekestijn en De Wijk di BNR. “Il vertice che la Cina ha tenuto con un certo numero di ex repubbliche sovietiche è stato davvero straordinario”.

La Cina sta cercando di fregare gli alleati naturali della Russia.  Così dice il Professore di Relazioni Internazionali Rob de Wijk in Boekestijn en De Wijk di BNR.
La Cina sta cercando di fregare gli alleati naturali della Russia. Così dice il Professore di Relazioni Internazionali Rob de Wijk in Boekestijn en De Wijk di BNR. “Il vertice che la Cina ha tenuto con un certo numero di ex repubbliche sovietiche è stato davvero straordinario”. (SCIMMIA)

Il presidente cinese Xi Jinping la scorsa settimana ha ricevuto i leader di Kazakistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Tagikistan e Uzbekistan, paesi normalmente visti come alleati naturali della Russia. “E ora vengono espulsi dalla sfera di influenza russa dalla Cina”, afferma De Wijk. “Anche se questi Paesi guardano anche all’Unione Europea. Ma è davvero molto speciale quello che succede.

Leggi anche | Il capo di Wagner Prigozhin rivendica il pieno controllo di Bachmut

De Wijk afferma che i vertici investiti potrebbero causare accigliamenti al Cremlino. Tanto più che la Cina dimostra che l’amicizia con la Russia è forse meno stretta di quanto inizialmente ipotizzato. “Non lo fai, ma succede qui.”

“Nessun alleato”

Arend-Jan Boekestijn lo definisce un evento impressionante, perché riguarda la sfera di influenza della Russia. “In realtà non è più possibile, quindi la Cina interviene immediatamente”, afferma Boekestijn. E la Cina non ha davvero alleati. Sono la migliore cultura e si considerano eccezionali, più degli americani. E così imbrogliano i russi.

Leggi anche | “L’offensiva di primavera è già in corso”

Anche se De Wijk pensa che i cinesi abbiano anche paura che l’impero russo crolli. Qualcosa a che fare con il modo in cui la Russia è effettivamente circondata da avversari. “Nella nostra parte d’Europa, c’è la NATO, che investe nei dipartimenti della difesa e nei nuovi membri”, afferma De Wijk. “A nord della Russia c’è un ghiaccio marino che si ritira che rappresenta un rischio, in Giappone hanno un problema con le Isole Curili, e a sud le ex repubbliche sovietiche sembrano essere un problema”.

READ  Melania Trump sta considerando il divorzio

“Sicurezza Territoriale”

Secondo De Wijk, la sicurezza territoriale della Russia è nel DNA russo, così come la risposta in termini di potenza militare. “E al momento non è davvero possibile, quindi ci sarà una reazione”, afferma De Wijk. “Con investimenti molto ingenti nella loro difesa, che poi non possono permettersi”.

Questa incompetenza è interamente dovuta allo stato dell’economia russa, secondo lui, che non è superiore a quella del Benelux. Inoltre, i russi devono fare i conti con una diminuzione della popolazione. “Ed è così che è crollata l’Unione Sovietica”, conclude. “E vedo emergere lo stesso schema ora. Ciò non significa che la Federazione Russa crollerà domani, ma se lo farà, sarà a causa degli eccessivi investimenti nella difesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *