Gli Stati Uniti vietano i prodotti di Huawei e di altre società cinesi |  Tecnologia

Gli Stati Uniti vietano i prodotti di Huawei e di altre società cinesi | Tecnologia

Gli Stati Uniti vietano i prodotti di Huawei e di altre società cinesi |  Tecnologia

Il regolatore statunitense dei media e delle comunicazioni FCC vieterà le apparecchiature di Huawei e di altre quattro società tecnologiche cinesi dagli Stati Uniti. Secondo l’organizzazione governativa, questo è il risultato di un nuovo divieto sui dispositivi che rappresentano un “rischio inaccettabile per la sicurezza nazionale”, secondo la FCC.

Oltre al gruppo di telecomunicazioni Huawei, anche la sua controparte industriale ZTE è interessata dalla misura. Inoltre, FCC non autorizza più l’importazione o la vendita di prodotti di Hikvision e Dahua Technology, noti per le loro fotocamere intelligenti, e il produttore di sistemi radio Hytera.

Il governo degli Stati Uniti accusa Huawei e altre società tecnologiche cinesi di consentire lo spionaggio attraverso backdoor nella loro tecnologia. Huawei ha sempre negato queste accuse. Le nuove restrizioni sono rese necessarie da una nuova legge che il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato lo scorso novembre, ha affermato la FCC.

Altri paesi

Le aziende cinesi hanno un’influenza significativa sulle telecomunicazioni. La scorsa settimana, Statistics Netherlands ha riferito che di tutti i settori, il settore delle telecomunicazioni olandese è il più dipendente dalle importazioni dalla Cina. Nel 2021 quasi il 26% di tutte le merci importate dal settore delle telecomunicazioni proveniva dal Paese asiatico.

Anche paesi diversi dagli Stati Uniti hanno vietato o limitato l’uso delle apparecchiature di telecomunicazione Huawei. Ciò è accaduto in Canada, Australia, Regno Unito, Giappone e Svezia, tra gli altri. Nei Paesi Bassi, Huawei non fornisce più apparecchiature di base per le reti 5G. Il gruppo cinese fornisce ancora apparecchiature più ai margini delle reti per un Internet molto più veloce.

READ  due file lo inguaiano, ma resta padrone del Partito Repubblicano- Corriere.it

Guarda i nostri video di notizie nella playlist qui sotto:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *