Gli ucraini “abbandonano una città importante”, e gli inglesi forniranno anche sistemi missilistici |  All’estero

Gli ucraini “abbandonano una città importante”, e gli inglesi forniranno anche sistemi missilistici | All’estero

è successo ieri seraLe truppe russe hanno ora preso circa l’80% di Shevyerodonetsk. Secondo fonti ucraine, pesanti bombardamenti hanno causato ingenti danni nell’importante città della provincia di Luhansk, che fa parte della regione orientale del Donbass.

Apparentemente, il comando dell’esercito ucraino dell’assedio Shevyerodonetsk non vuole fare un secondo Mariupol, anche se ci sono paragoni con la città portuale circondata che è durata più di due mesi. I civili di Shevyerodonetsk si rifugiano in un enorme complesso chimico già colpito da un attacco russo all’inizio di questa settimana. Tuttavia, una parte delle truppe ucraine si sarebbe ritirata nella città di Lyman, situata un po’ più a ovest. Il terreno collinare qui è più favorevole per i difensori.

Valore simbolico

Secondo l’American Institute for the Study of War, è saggio smettere di sacrificare truppe per la conservazione di Shevyerodonetsk, che ha un significativo valore simbolico per Mosca in quanto le darà il centro amministrativo della provincia di Luhansk. L’esercito russo ha concentrato un numero superiore di artiglieria e truppe intorno alla città, mostrano le immagini satellitari. Questa concentrazione russa sul Donbass aiuterebbe gli ucraini a guadagnare terreno in altre parti del paese, come avviene attualmente nella città meridionale di Kherson.

L’Ucraina sta pagando un prezzo alto per la sua indipendenza, ha affermato il presidente Zelensky. Ogni giorno, tra i 60 ei 100 soldati ucraini muoiono combattendo la Russia e altri 500 rimangono feriti, ha detto il presidente a Newsmax. Per inciso, le immagini satellitari indicano la preparazione – in Russia – di una nuova offensiva su larga scala contro la città di confine di Sumy. Il governo ucraino ha stimato la scorsa settimana che la Russia ha perso più di 30.000 soldati dall’inizio dell’invasione dell’Ucraina il 24 febbraio. Altre fonti presumono che almeno 15.000 russi siano stati uccisi.

READ  Lo Sri Lanka è sull'orlo del fallimento | ADESSO

Dopo le battute d’arresto all’inizio della guerra, in cui, ad esempio, l’assedio di Kiev è fallito e molto materiale è andato perso altrove, i russi hanno imparato dai loro errori iniziali, ritengono gli esperti militari occidentali. Nel Donbass l’artiglieria ora si muove “alla vecchia maniera” come un rullo compressore schiacciante e non ci sono più operazioni rischiose delle truppe aviotrasportate. Nel frattempo, la Russia continua a molestare le linee di rifornimento di armi occidentali. I missili russi hanno colpito ieri i binari del treno nella regione occidentale di Leopoli. Cinque persone sono rimaste ferite. Bombardata anche la galleria ferroviaria di Beskydy nei Carpazi, vicino al confine con la Slovacchia.

Il capo delle ferrovie ucraine ha affermato che i danni non sono stati troppo gravi e il tunnel è rimasto intatto. La Chiesa ortodossa ucraina ha riferito che due monaci e una suora sono stati uccisi nel bombardamento di uno storico monastero nell’Ucraina orientale. Situato sulla ripida riva destra del fiume Seversky Donetsk, il monastero ospitava civili in fuga dai combattimenti ed era stato precedentemente colpito dai bombardamenti russi mentre le forze russe continuavano la loro offensiva nel Donbass.

READ  In autostrada nudo sui pattini a rotelle, con un panda impagliato in testa e una mazza da golf: piloti increduli

Sistemi missilistici

Dopo gli Stati Uniti Il Regno Unito sta ora inviando anche diversi sistemi missilistici in Ucraina. Il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace ha affermato che i lanciatori M270 potrebbero colpire obiettivi fino a 50 miglia di distanza. Gli inglesi vogliono aiutare l’esercito ucraino a difendersi dall’artiglieria a lungo raggio che le truppe russe usano “per distruggere le città”, ha detto Wallace.

Un M270 britannico durante una recente esercitazione in Lettonia.

Un M270 britannico durante una recente esercitazione in Lettonia. ©REUTERS

Il capo dell’Interpol ha lanciato l’allarme per un possibile aumento del commercio illegale di armi una volta terminata la guerra in Ucraina. Il segretario generale dell’Interpol Jurgen Stock ha affermato che ciò è già stato dimostrato nella regione dei Balcani, dove i gruppi della criminalità organizzata hanno approfittato della guerra e della disponibilità di armi usate dai militari. Le armi leggere sono la preoccupazione più grande, ha detto. Stock ha incoraggiato i 195 stati membri dell’Interpol a fare ampio uso dei database disponibili che possono aiutare a localizzare e rintracciare armi militari rubate. L’Interpol, con sede a Lione, sta già formando agenti di polizia e doganali per rintracciare il traffico di armi.

Figli

Nella Giornata internazionale dell’infanzia, Zelensky ha dedicato parte del suo messaggio ai 243 bambini ucraini finora morti in guerra. 446 sono stati feriti e 139 sono dispersi, ha detto il presidente, temendo più vittime tra i bambini poiché il suo governo non ha un quadro completo della situazione nelle aree occupate dalle truppe russe. Molti bambini degli orfanotrofi sarebbero stati portati con la forza in Russia con l’intenzione di “dimenticare l’Ucraina”, ha detto il presidente.

La Danimarca sta per entrare a far parte della politica di difesa comune dell’Unione europea. Due sondaggi delle emittenti danesi hanno mostrato che circa due terzi degli elettori hanno votato sì al referendum di ieri. Il referendum danese si adatta al quadro secondo cui i paesi europei stanno cercando legami di difesa più stretti con gli alleati in risposta all’invasione russa dell’Ucraina. In precedenza, Finlandia e Svezia si sono iscritte come nuovi membri della NATO. L’effetto principale della rimozione dell’opt-out danese sarà che i funzionari danesi potranno rimanere nella stanza quando i loro colleghi dell’UE discuteranno di questioni di difesa e che le forze armate danesi potranno partecipare alle operazioni militari dell’UE.

Secondo il quotidiano indipendente Ora di Mosca Sono in corso a Mosca i preparativi per tenere i referendum quest’estate nelle aree conquistate dalla Russia nell’Ucraina orientale e meridionale. La domanda qui è se i cittadini vogliono essere “indipendenti” dal governo di Kiev. L’Ucraina ha già condannato i “referendum truccati”, che di fatto equivalgono all’annessione alla Russia.

Guarda i nostri video sulla guerra in Ucraina qui:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *