God of War Ragnarök continua a ricamare in sicurezza per il momento |  Pratica

God of War Ragnarök continua a ricamare in sicurezza per il momento | Pratica

Ed è buono

Scritto da Erik Nusselder avanti

Le aspettative su God of War Ragnarök sono alte. È il grande titolo autunnale di PlayStation, il sequel di uno dei giochi più amati di PS4, e promette di completare l’attuale storia di Kratos e Atreus. Quindi non una trilogia.

Già con le prime ore di gioco ci è stato concesso di andare e, a dire il vero, ci fa capire molto bene perché non è prevista una terza partita. Quante volte puoi fare questo trucco? God of War (2018) è stato accolto così bene perché era una storia inaspettatamente emozionante sul solito furioso Kratos. Se racconti di nuovo una storia così commovente, non è più inaspettato.

Sembra che il Santa Monica Studio di Sony si sia rassegnato a questo, dato che lo sviluppatore si impegna molto poco nelle prime ore per sorprenderci davvero. L’inizio ha praticamente la stessa configurazione del gioco precedente. Kratos e Atreus sono a casa, la figura paterna scontrosa non vuole avere niente da fare e non corre rischi, poi accade un Epic Moment™ (che non vi rovineremo) e vanno comunque in viaggio.

Non che sia così male. È God of War: lo giochiamo per scoprire come continua la storia. Dopo le prime ore, non c’è molto da dire al riguardo, ma vengono introdotti abbastanza ganci interessanti da lasciarti desiderare di più.

Ragnarok, dio della guerra

È un po’ deludente che sembra che la relazione tra Kratos e Atreus si sia interrotta. Nel gioco precedente, hanno intrapreso un viaggio epico insieme e sembrava esserci più comprensione tra i due. Dopodiché, passò del tempo prima che iniziasse questa seconda partita. Ma in termini di relazione, il pulsante di reset sembra essere stato premuto.

READ  Informazioni riservate su PlayStation appaiono in documenti redatti in modo improprio - Giochi - Notizie

Atreus è curioso della sua nuova identità e vuole intraprendere un’avventura per scoprire il suo posto tra gli dei, ma Kratos non ne vuole sapere. Soprattutto, vuole allenarsi e assicurarsi che suo figlio sia pronto a tutto, e soprattutto non parlare dei suoi sentimenti o offrire ad Atreus alcuna spiegazione. La curiosità di Atreus incontra un muro di indifferenza: lo stesso identico conflitto tra padre e figlio che abbiamo visto nel gioco precedente. Speriamo che questo sarà esplorato nel resto del gioco.

Ragnarok, dio della guerra

Quello a cui non ti abitui è quel meraviglioso lavoro con la telecamera cinematografica che riesce a catturare l’intero gioco in uno scatto continuo. Dà al gioco e soprattutto ai momenti narrativi un’intensità senza precedenti. La telecamera gira costantemente intorno a Kratos e ad altri personaggi, senza mai mollare. Tutto il tempo è dedicato a catturare serenamente i momenti di emozione. Questo ci ha già causato gli occhi bagnati necessari.

È anche a causa della grafica molto bella, che ti risucchia completamente in questo mondo divino. Il primo villaggio che visiti nel regno dei nani di Svartalfheim è ricco di dettagli: ci sono casse di frutta e verdura ovunque, canali con ponti pittoreschi si snodano per le strade e i nani si precipitano rapidamente nelle loro case per nascondersi da questo malvagio dio della guerra.

L’illuminazione in particolare è stata finora impressionante. In una delle prime scene, quando Kratos spegne il fuoco, il caldo bagliore sul suo viso si trasforma lentamente nel blu gelido della luce lunare che si riflette sulla neve.

Ragnarok, dio della guerra

Possiamo essere brevi sulla lotta per il momento, perché Ragnarök riprende il filo del gioco precedente senza alcun problema. Inizi con l’ascia ghiacciata con cui Kratos ama tagliare, ma dopo un’ora vengono aggiunti i famigli di Blades of Chaos (sì, spoiler per un gioco del 2018). Kratos conosce ancora tutti i suoi vecchi trucchi e in men che non si dica hackerai come se fosse una seconda natura. È comunque incredibilmente bello lanciare quest’ascia contro un nemico e farla rimbalzare, colpendo anche un avversario sulla via del ritorno. Delizioso.

READ  FcIN - Brozovic-Inter, obiettivo rinnovo. Intanto il padre e l'avvocato sono a Milano

Tuttavia, tutti gli alberi delle abilità sono stati ripristinati – il motivo è spiegato in una frase molto piccola nel mezzo – e devi sbloccare nuovamente tutte le tue abilità. Anche le armi e le rune di Kratos vengono ripristinate. Non è così male: è solo un gioco e devi avere qualcosa per crescere.

Ragnarok, dio della guerra
Ragnarok, dio della guerra

Ragnarok, dio della guerra

Tuttavia, Ragnarök spesso ti colpisce per il fatto che è un gioco, ad esempio quando introduce contenuti opzionali. Come accennato, il tuo viaggio ti porta prima a Svartalfheim, il bellissimo e per lo più caldo regno dei nani pieno di geyser zampillanti e speciali formazioni rocciose. Proprio come nel gioco precedente, qui troverai una piccola area aperta, che puoi esplorare liberamente e dove troverai tutti i tipi di tesori e missioni opzionali.

All’arrivo, i controlli della telecamera vengono messi in pausa per spiegare nel modo più chiaro che ci sono tutti i tipi di extra da trovare. “Se vai a sinistra qui, la storia continua. Ma ehi, se vai qui con la barca, puoi prima esplorare laggiù. Come se Pardoes ti stesse aspettando all’ingresso dell’Efteling per farti notare che una strada porta direttamente al Python, ma puoi anche prima attraversare il bosco delle fiabe sulla sinistra.

Ragnarok, dio della guerra

Questo in qualche modo mina i fantastici momenti della storia che il gioco ha finora – momenti di cui non possiamo dire nulla in questa anteprima. Tuttavia, questo non è abbastanza per rovinare il divertimento, anche se è sorprendente che ci voglia un po’ prima che il gioco inizi davvero.

Con questo grande combattimento di cui non ci stanchiamo mai, le bellissime ambientazioni, momenti particolarmente epici e una storia che si aggrappa dolcemente a noi con gli artigli, continuiamo a giocare con grande piacere. God of War 2018 è stato anche un diesel che è partito lentamente dopo un ottimo inizio e alla fine si è rivelato un ottimo gioco, quindi il fatto che Ragnarök abbia a che fare con lo stesso “problema” non ci preoccupa molto.

READ  La "saga" Mazepin continua: ora la F1 deve prendere posizione - Zoom

God of War Ragnarök uscirà il 9 novembre per PlayStation 5 e PlayStation 4. Per questa anteprima, il gioco è stato giocato su PlayStation 5.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *