Haiti, ucciso il presidente Moise, la first lady “seria ma viva”. Paese nel caos

Port Au Prince, 7 luglio 2021 – Annuncio di un’imboscata mortale Haiti e la terra sprofonda nel caos. UNA commando armato “mercenari”, alcuni dei quali parlavano spagnolo, hanno ucciso ieri sera circa 1 locale (i 7 italiani) nella sua residenza Il presidente haitiano Jovenel Moise e mentre sua moglie, Lady Martine, su cui è stata originariamente data l’avviso di morte, è ancora vivo . La first lady di Haiti si trova a condizioni gravi in un ospedale di Port-au-Prince e il suo trasporto all’estero è organizzato, probabilmente a Miami, secondo quanto riferito dall’ambasciatore haitiano a Santo Domingo, Smith Agostino, nel corso di una conferenza stampa durante la quale ha fatto il punto sulla situazione nel Paese e ha rettificato le prime informazioni secondo le quali sarebbe stata uccisa anche Martine Moise.

Sulla dinamica dell’aggressione, alcuni residenti hanno riferito di aver visto persone che vagavano per il quartiere uomini in mimetica nera e ho sentito spari di grosso calibro e ho notato droni volare. Il portale di notizie InfoHaiti.net ha pubblicato una dichiarazione del Primo Ministro, Claudio Giuseppe, che prese la testa del paese ad hinterim e condannò quello che definì “un atto atroce, disumano e barbaro”.

Sempre il portale riporta anche il quotidiano L’araldo di Miami, che gli aggressori “affermavano di essere agenti della dea americana», Secondo un video girato da persone che si trovavano nella residenza Moïse. Un funzionario del governo haitiano, però, negò categoricamente che potessero essere agenti della Dea, e assicurò che “erano mercenari”.

stato d’assedio

Giuseppe ha detto lo stato d’assedio nel paese. Lo ha annunciato lo stesso presidente del Consiglio in un messaggio televisivo, in cui è apparso al fianco del capo della polizia Leon Charles e di altre autorità, dopo aver presieduto un Consiglio dei ministri straordinario.

READ  Perché ora i migranti vanno alle Canarie

Chiuso l’aeroporto

L’aeroporto internazionale di Port-au-Prince è stato chiuso al traffico e gli aerei in avvicinamento sono stati costretti a virare o cambiare rotta. È quello che è successo a un aereo dell’American Airlines, proveniente da Fort Lauderdale, che è tornato al punto di partenza. Da parte sua, la compagnia haitiana Sunrise Airlines ha annunciato che tutti i suoi voli “sono cancellati fino a nuovo avviso”.

Mesi di violenza

L’omicidio di Moise arriva nel culmine dei mesi di tensioni e violenze e nel bel mezzo di una crisi politica. Il compianto Capo dello Stato si è pronunciato con decreto nel gennaio 2020 di fronte al mancato accordo su elezioni legislative che aveva effettivamente messo fuori combattimento il parlamento. Se ne era però andato ieri, riporta il portale Haiti Press Network, periodo valido per l’iscrizione dei partiti alle prossime consultazioni generali, previste per settembre.

La convinzione di Biden

“Siamo scioccati e rattristati nell’apprendere dell’orribile assassinio del presidente haitiano Jovenel Moise e dell’attacco alla First Lady Martine. condanniamo questo atto atroce”: allora Joe Biden ha commentato l’omicidio di Moise, esprimendo il condoglianze agli abitanti dell’isola caraibica e offrendo Supporto mentre gli Stati Uniti “continuano a lavorare per un’Haiti sicura”. La richiesta è stata inviata dagli Stati Uniti per convocare un appello per domani, giovedì. Riunione di emergenza sulla situazione ad Haiti di Consiglio di Sicurezza Nazioni Unite. L’incontro si svolgerà a porte chiuse. Sono inoltre invitati a tenere il elezioni ad Haiti come previsto quest’anno: “Gli Stati Uniti continuano a credere che dobbiamo procedere con le elezioni quest’anno”, ha detto il portavoce del Dipartimento di Stato. Premio Ned, rilevando che il voto “faciliterebbe una transizione pacifica dal potere al nuovo presidente eletto”.

READ  Vaccini, un quinto delle dosi previste consegnate ai paesi più poveri. In 130 stati, nemmeno una bottiglia. Il rischio di proliferazione di varianti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *