Hamburger e due patatine: la Russia ‘McDonald’s’ ha un nuovo logo

Non più Filet-o-fish, ma Fish Burger e Royal de Luxe diventano Grand de Luxe. Gli amanti del fast food in Russia avranno di nuovo i loro soldi da domenica. Perché poi riapriranno i primi 15 ex ristoranti McDonald’s a Mosca e dintorni.

Alla fine riapriranno circa 200 negozi che fino a poco tempo fa portavano il logo di McDonald’s. Questo confermato l’azienda all’agenzia di stampa russa Tass.

Ancora nessun nome, ma un logo

Abbastanza sorprendentemente, non c’è ancora un nuovo nome. Sono ancora allo studio un totale di otto nomi, compresi i nomi che possono essere tradotti come “Stesso” e “Pagamento gratuito”.

C’è già un logo. Rappresenta un hamburger, affiancato da due patatine: “i principali simboli del ristorante”, secondo la nuova catena. Domenica ci sarà anche un’app chiamata Il mio hamburger

32 anni in Russia

McDonald’s è stata la prima catena di fast food occidentale ad aprire lì nel 1990, in quella che allora era chiamata Unione Sovietica. Il gruppo americano alla fine divenne una catena di circa 850 filiali in Russia. Ma dopo l’invasione russa dell’Ucraina, McDonald’s ha deciso lasciare il paese

La catena ha venduto le sue attività russe ad Alexander Govor, uno degli attuali franchisee del paese. Govor gestiva già 25 ristoranti McDonald’s. Il mese scorso ha acquistato tutte le filiali di McDonald’s in Russia. Parte dell’accordo prevedeva che avrebbe mantenuto i dipendenti in servizio per almeno altri due anni, a parità di condizioni.

I dettagli finanziari non sono stati divulgati, ma la rimozione è costata a McDonald’s da $ 1,2 miliardi a $ 1,4 miliardi.

READ  Bambino di due mesi accoltellato poco prima del battesimo. Il grido di dolore del padre. "Doveva essere una festa..."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.