Hans è vittima di un ordine fraudolento e riceve erroneamente solleciti

Hans è vittima di un ordine fraudolento e riceve erroneamente solleciti

Hans è vittima di un ordine fraudolento e riceve erroneamente solleciti

Hans Meijers (57) e la sua famiglia di Tilburg sono stati vittime di frode sugli ordini da questa estate. Una “Michella Meijers” ordina roba dall’indirizzo di Hans e non paga. Risultato? Riceve solleciti per pacchi non pagati del valore di 175 euro. “Ti senti impotente.”

Foto del profilo di Edita SaakianFoto del profilo di Omroep Tilburg

La frode ha colpito per la prima volta in agosto, quando Hans era in vacanza spensierata. La figlia maggiore, rimasta a casa, lo chiamò perché gli era stato consegnato un pacco per “Michella Meijers”. “Erano tinture per capelli. Ho pensato che fosse un po’ strano, ma non ci ho pensato. Gli ho detto di restituire il pacco.

Non si è fermato qui. Poco dopo hanno ricevuto un pacco del valore di 175 euro. Hanno licenziato anche lui. “Avevamo già un sospetto, ma quando all’improvviso abbiamo ricevuto un promemoria, sapevamo che ore erano”, continua Hans. “In quel momento abbiamo capito che stava davvero sfuggendo di mano”.

“Ci ha causato molte notti insonni.”

L’attaccante ha ordinato delle cose, ma non ha mai pagato. Le persone possono imbrogliare in questo modo a causa della possibilità di pagare in seguito. Gli autori sperano che gli articoli non possano essere consegnati e quindi finiscano in un punto di consegna dei pacchi. Il cliente riceve quindi una e-mail e ritira la merce. Il promemoria viene inviato all’indirizzo di consegna.

“Ci ha causato molte notti insonni. Abbiamo chiamato le aziende da cui ha ordinato i pacchi. L’hanno immediatamente inserita nella lista nera”.

Presentano anche una denuncia alla polizia. Sfortunatamente, la polizia non può aiutarli perché Hans e la sua famiglia “non sono finanziariamente svantaggiati”. Inoltre, l’attaccante probabilmente non sta usando un nome reale.

READ  Van der Meyde teme per l'Ajax nella vasca idromassaggio: 'Pensavo: campionato finito'

“Non pensare di farti aspettare un ufficiale giudiziario.

Tuttavia, provoca molti mal di testa ad Hans e alla sua famiglia. “I peli sulla nuca si sono rizzati alla vista di questi ricordi. Non credere che all’improvviso ti stia aspettando un ufficiale giudiziario. Ti senti davvero impotente.

Le agenzie di recupero crediti sono ora a conoscenza della frode. Hans può ignorare le lettere. Eppure si chiede ancora perché qualcuno dovrebbe fare una cosa del genere. “È sottosopra. Mia madre diceva sempre: ‘Se hai un centesimo, non puoi spendere un centesimo. Lavora per i tuoi soldi e non comprare nulla se non te lo puoi permettere.’

Al momento, è da un po’ che alla porta di casa di Hans non c’è niente da fare. La lista nera e le chiamate alle agenzie di riscossione sembrano aiutare. La domanda è per quanto tempo. “Non voglio festeggiare troppo presto. Può usare un altro nome o un indirizzo di casa diverso. Poi c’è un’altra vittima e una lista nera del genere è inutile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *