“Gli escrementi di topo congelati erano esattamente ciò di cui avevamo bisogno per la nostra ricerca sul cancro al colon”

“Gli escrementi di topo congelati erano esattamente ciò di cui avevamo bisogno per la nostra ricerca sul cancro al colon”

Gli scienziati raramente vanno dritti al punto. Un inno a scoperte inaspettate. Oggi: come la ricerca sul cancro del colon di Hein te Riele è stata avviata da escrementi di topo congelati.

Franck Rensen

“La mia ricerca si concentra su una forma precoce di cancro del colon-retto, la sindrome di Lynch. È una malattia ereditaria in cui i genitori trasmettono un difetto genetico ai loro figli. Questo difetto colpisce un importante meccanismo che neutralizza le mutazioni genetiche indesiderate. Di conseguenza, le persone con questo difetto hanno maggiori probabilità di sviluppare il cancro.

Hein te Riele: “È stato del tutto casuale che siamo stati in grado di studiare l'effetto dei batteri sull'intestino.  Immagine Tim Fennis

Hein te Riele: “È stato del tutto casuale che siamo stati in grado di studiare l’effetto dei batteri sull’intestino.Immagine Tim Fennis

“Sto cercando di capire come funziona questo processo. Per questo utilizziamo i topi, nei quali abbiamo introdotto il difetto genetico. Questi topi contraggono un tumore intestinale molto rapidamente. Vediamo quindi come possiamo ridurre il rischio di formazione di tumori.

“Nel 2015 stavo lavorando su questi topi con la mia studentessa di dottorato Wietske Pieters, quando abbiamo dovuto trasferirci in una nuova struttura per animali più moderna. Non sembrava male: la nuova residenza era molto più pulita. Gli animali sono stati meglio protetti contro tutti i tipi di infezioni.

“Una configurazione così pulita ci sembrava l’ideale, ma una volta che ci siamo messi al lavoro, i nostri topi non hanno più sviluppato tumori. Abbiamo subito cercato di scoprire come ciò fosse possibile. Abbiamo concluso che doveva essere il nuovo ambiente pulito: nel vecchio edificio circolavano tutti i tipi di batteri, che a quanto pare giocavano un ruolo importante nella formazione dei tumori. Ma ora erano scomparsi.

READ  La dipendenza dagli spray nasali colpisce molte persone: "A un certo punto non puoi farne a meno"

“Siamo rimasti sorpresi dal fatto che l’effetto potesse essere così forte. Per approfondire la nostra ricerca, abbiamo dovuto prima scoprire che tipo di batteri erano presenti nei vecchi quartieri. Purtroppo questo edificio è stato demolito. Non potremmo mai più riprodurre le vecchie condizioni.

“Fino a quando non ci siamo resi conto che avevamo ancora escrementi di topo congelati dalla precedente casa dei topi. Avevamo usato quella cacca in uno studio completamente diverso e non l’avevamo mai buttata via. Se non stai attento, questa roba potrebbe essere ancora nel congelatore vent’anni dopo, finché qualcuno non ti chiede se puoi toglierlo.

“In questa cacca, Wietske ha visto quali batteri erano presenti durante il soggiorno precedente, esattamente quello di cui avevamo bisogno. Alcuni microbi erano sopravvissuti persino al gelo. Completamente per caso, siamo stati quindi in grado di studiare l’effetto del batterio sull’intestino trapiantando le feci congelate nei nostri topi.

“E in effetti, i topi in cui erano state trapiantate le feci svilupparono ogni tipo di infezione, che abbiamo visto anche nei topi del vecchio edificio. Inoltre, le cellule della parete intestinale hanno iniziato a dividersi più rapidamente e i cambiamenti del DNA si sono verificati più rapidamente. Eppure nessun topo ha sviluppato un tumore intestinale.

“Pensiamo che i batteri abbiano un ruolo nella malattia, ma non abbiamo ancora un quadro completo delle condizioni nel vecchio edificio con le feci congelate. L’indagine è ancora in corso, poiché siamo decisamente su qualcosa di importante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *