“Ho sbagliato perché non avevo nessuno di cui fidarmi. Ora sono un gelatiere e non tornerò più ”- OA Sport

Riccardo Riccò ha diviso il mondo del ciclismo: prima è salito molto in alto, poi è caduto nella polvere. Un carattere forte, che tuttavia sembra essersi ammorbidito nel tempo. Nato a Sassuolo il 1 settembre 1983, professionista dal 2006 al 2011 con tre vittorie di tappa al Giro d’Italia, un secondo posto nella classifica generale della Corsa Rosa, più di due vittorie al Tour de France, è stato poi lo sfortunato protagonista di varie questioni di doping, il divieto di 12 anni in scadenza nel 2024. Dopo tante stagioni, Riccò ha trovato l’amore, è tornato a lavorare in Italia con la sua gelateria e ha ritrovato una buona serenità.

IL CALENDARIO DI TUTTI GLI EVENTI SPORTIVI 2022

Riccardo, dai tuoi errori impari sempre. Cosa hai capito

“Ho capito molte cose che mi sono servite bene nella vita. Un esempio? Riconosci le persone. Sicuramente ha influito anche la mia maggiore maturità, che ho maturato negli anni. ”

C’è stato qualcuno in particolare di cui ti sei fidato durante i tuoi anni di carriera?

“L’unica persona che ho ascoltato è stato Carlo Santuccione che è stato come un padre per me quando si tratta di ciclismo. Carlo era una persona molto competente sia dal punto di vista umano che di preparazione. Da allora mi è mancato il suo punto di riferimento, non ho potuto fidarmi di nessuno. Lì ho commesso i miei errori, che tutti sanno”.

Sei uno dei più grandi rimpianti del ciclismo italiano…

“Lo so e mi dispiace. Quello che era, era. Non si torna indietro, purtroppo. Mi sono reso conto che avevo commesso degli errori e ho imparato da loro. ”

Qual è il tuo più grande rimpianto?

READ  Amichevole: Super Maignan, Milan stop Real | Nuovo

“Non aver avuto qualcuno di cui potermi fidare.”

Mondiali di ciclismo 2022: pista accidentata in Australia, ma per ruote veloci. Descrizione ed elevazione

Come ti senti oggi quando guardi le gare in TV?

“Dipende. A volte mi arrabbio perché mi rendo conto di cosa ho buttato via, ma poi guardo il bicchiere mezzo pieno. Ho conosciuto mia moglie Melissa, abbiamo aperto una gelateria e sono più felice”.

Come sta andando la tua attività di gelateria?

“Io e mia moglie siamo molto felici. A fine 2019, prima del confinamento, siamo riusciti a vendere il ghiacciaio che avevamo a Tenerife e siamo tornati in Italia. Entrambi volevamo tornare a casa. Quindi ne abbiamo aperto un altro a Vignola e sono contento di quello che siamo riusciti a costruire. È un lavoro bellissimo e creativo che amo”.

Rebellin a 50 anni è ancora nel gruppo. Vorresti tornare alla fine del divieto?

“No, perché sarebbe una brutta copia. Ogni cosa ha il suo tempo e la sua età”.

Come è cambiato il ciclismo oggi?

“Onestamente, non sono molto. Quello che vedo, però, è che le medie non sono inferiori a quelle che eravamo soliti fare…”

La bici a volte si consuma. Come valuta il caso di Fabio Aru?

“Penso che Fabio abbia fatto bene, al suo posto l’avrei fatto anche io”.

Perché secondo te il ciclismo italiano fatichi ad attrarre sponsor e non corridori di tappa?

“Perché il ciclismo italiano è sotto i riflettori. Per quanto riguarda i corridori, invece, credo che la Federazione non aiuti i ragazzi ma, al contrario, li tenga uniti. Dal mio punto di vista, in altri Paesi i corridori sono più protetti».

C’è un corridore che ti piace particolarmente?

READ  Euro 2020, le probabili formazioni aggiornate delle 24 nazionali. Busquets, Kulusevski e Svanberg positivi. E Benzema?

“Sì, sono quattro o cinque che fanno lo spettacolo: Van der Poel, Evenepoel, Van Aert, Valverde e Alaphilippe. Sono davvero dei fenomeni”.

Hai ancora amici nel mondo del ciclismo?

“Poco. Il mondo del ciclismo è strano. A poco a poco, però, a distanza di anni, non vengo più percepito come una “brutta bestia” ma solo come una “bestia” (ride ndr).

Quanto guadagnano i ciclisti? Classifiche salariali: Pogacar scavalca Sagan e Froome. Nibali e Viviani nella top-20

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *