Horner critica la costosa super licenza: ‘E’ stato un anno positivo per la FIA dal punto di vista fiscale’

Horner critica la costosa super licenza: ‘E’ stato un anno positivo per la FIA dal punto di vista fiscale’

Max Verstappen, il team principal Christian Horner e Sebastian Vettel parlano degli alti costi di ingresso della Formula 1. Ogni squadra pagherà un minimo di $ 617.687 nel 2023, con circa $ 7.411 in più per punto segnato l’anno prima. La prossima stagione la Red Bull Racing dovrà quindi sborsare più di sei milioni di euro per partecipare al campionato.

Oltre alle squadre, anche i piloti devono pagare tasse elevate per poter partecipare alla classe reale. Poiché Verstappen ha avuto un anno dominante nel 2022 ed è riuscito a segnare non meno di 454 punti, anche la sua super licenza è diventata più costosa. Il rinnovo della superlicenza costa circa $ 11.000 e inoltre circa $ 2.230 per punto ottenuto l’anno precedente.

Il campione del mondo in carica deve pagare più di un milione di dollari per la sua super licenza. “Certo che non ci pensi durante la stagione”, ride Verstappen ServisTV. “Ovviamente il prossimo anno vogliamo vincere il più possibile e segnare più punti possibili”. Il consigliere della Red Bull Helmut Marko aggiunge una nota aggiuntiva. “Mettiamolo nel suo contratto.”

Vettel: “Penso che gli importi siano davvero ingiusti”

Il capotecnico della scuderia austriaca sottolinea gli alti costi per la stessa Red Bull. “Come squadra dobbiamo già pagare per partecipare alla Formula 1 e per di più ci saranno ancora più soldi per punto segnato”, dice Horner. “Abbiamo segnato 759 punti e questo è molto. Inoltre, abbiamo anche dovuto sborsare denaro per superare il budget cap. È stato un anno positivo per la FIA dal punto di vista fiscale”, ha detto il britannico.

READ  LIVE TJ - PIRLO a Jtv: "Il derby è sempre una bella partita da fare e speriamo di fare una bella partita"

Anche Vettel, che ha vinto quattro campionati con la Red Bull, ritiene che i costi per i piloti siano considerevoli. “Penso che sia davvero ingiusto che i piloti debbano pagare così tanti soldi per poter correre. Non si vedono questi importi in altri sport”, è critico il tedesco. “Anche le squadre sono in una posizione ingiusta, perché sempre più le gare si aggiungono in continuazione, ma nessuno ne parla”, conclude Vettel.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *