Mestruazioni: perché siamo sempre così a disagio?

Mestruazioni: perché siamo sempre così a disagio?

L’apertura di Jutta Leerdam ispira Geerts, che concorda sul fatto che ne abbia parlato. Ma viste le tante risposte ricevute da Leerdam, il tabù è tutt’altro che finito. Geerts pensa che sia perché le mestruazioni sono ancora considerate una questione privata nella nostra cultura. La stessa Geerts nota che a volte la vergogna si insinua in lei. “Se non mi sento bene, preferisco dire che sono malato piuttosto che avere i crampi mestruali. È come una sorta di debolezza, quando è tutt’altro che quello.”

Disagio

Geerts nota anche che la maggior parte delle persone trova ancora le mestruazioni un argomento scomodo. Ripensando ai tempi del liceo, ricorda gli amici che le sussurravano di chiedere un tampone. È stato poi passato tra i tavoli. “Non è molto strano?” Quando la carta igienica è finita, ne prendi una nuova? Perché dovrebbe essere così scomodo?

E non è solo tra le donne che il disagio esiste ancora. Dalle figure di Livello internazionale si scopre che la maggior parte dei ragazzi trova ancora le mestruazioni sporche. Geerts pensa che sia un peccato: “Fa parte del corpo e metà della popolazione mondiale deve affrontarlo, ma a quanto pare non pensiamo che sia normale”.

Ciclo mestruale

La stessa Geerts ha studiato il proprio ciclo mestruale per sei mesi. “Ho smesso di prendere la pillola dopo dieci anni perché ero curioso di sapere come sarebbe stato il mio corpo senza gli ormoni sintetici”. Durante quei sei mesi, ha scoperto quanto poco sapesse del ciclo ormonale. “Ci sono diverse stagioni nel ciclo mestruale. E il modo in cui ti senti può essere influenzato dall’alimentazione, dall’esercizio fisico e dal riposo mentale.”

READ  Tabacco e alcol sono le principali cause di cancro nel mondo - Salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *