I commenti su Maometto scatenano una rivolta tra il mondo arabo e l’India

I commenti su Maometto scatenano una rivolta tra il mondo arabo e l’India

L’India è coinvolta in una lite diplomatica con diversi paesi del Golfo e altri paesi musulmani dopo i commenti di due portavoce del Partito nazionalista indù al potere. Queste affermazioni sono considerate anti-musulmane e denigrano il profeta Maometto.

Il Bharatiya Janata Party (BJP) ha sospeso il suo portavoce Nupur Sharma. Il capo dei media di Delhi Naveen Kumar Jindal è stato espulso dal partito. I commenti dei due uomini sono stati ampiamente condivisi sui social media nel mondo arabo, dove sono stati definiti offensivi. Sono state fatte richieste per boicottare i prodotti indiani.

Durante un dibattito televisivo una settimana e mezzo fa, Sharma ha fatto commenti sprezzanti sull’Islam e ha insultato Maometto e sua moglie. Jindal ha quindi pubblicato un tweet sul profeta – che ha poi cancellato – che ha anche causato rabbia.

Nessuna azione intrapresa

Almeno cinque paesi arabi hanno presentato una protesta ufficiale con l’India, mentre anche Pakistan e Afghanistan hanno condannato fermamente le affermazioni dei due leader di partito di oggi. Il Qatar ha già chiesto scuse al governo indiano e il Kuwait ha chiesto la parola all’ambasciatore indiano.

Il governo del BJP ha precedentemente cercato di liquidare i commenti come “fenomeni periferici” all’interno del partito e che “non riflettono in alcun modo le opinioni del governo indiano”.

Nonostante siano state interrotte anche le attività dei portavoce, il partito è stato comunque criticato. Dopotutto, non era stata intrapresa alcuna azione contro i due quando i loro commenti sono stati notati per la prima volta da musulmani e attivisti per i diritti civili in India più di una settimana fa.

READ  Cina, il magistrato robot a Shanghai: riconosce otto reati

Combatti indù e musulmani

Il BJP è stato a lungo accusato di opprimere sistematicamente i 200 milioni di musulmani del Paese. Le tensioni tra indù e musulmani sono aumentate da quando il governo nazionalista indù del primo ministro Modi è salito al potere nel 2014.

Le milizie civili che si oppongono alla macellazione delle mucche, ai matrimoni misti e alle conversioni usano regolarmente la violenza senza essere punite. Anche una novità legge sulla cittadinanza del 2019che rende più facile per i rifugiati dei paesi vicini diventare cittadini a meno che non siano musulmani, ha scatenato proteste su larga scala.

A Delhi, ciò è culminato nei combattimenti tra indù e musulmani all’inizio del 2020, in cui sono state uccise decine di persone. Migliaia di persone, per lo più musulmani, sono rimaste senza casa. Sempre più stati stanno approvando leggi anti-conversione, creando tensione. Anche i cristiani sono vittime regolari.

Ciò aumenta la tensione nel Paese, che fa molti scambi commerciali con il mondo musulmano. Quasi il 40% del gas di cui l’India ha bisogno proviene dal Qatar. Inoltre, circa 6,5 ​​milioni di indiani vivono nella regione del Golfo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *