I critici della guerra circolare attorno al Cremlino sembrano molto cauti

I critici della guerra circolare attorno al Cremlino sembrano molto cauti

Un post su Instagram è costato a Oleg Tinkov qualche miliardo di euro e la sua libertà di movimento. Il 19 aprile, l’uomo d’affari russo, ex ciclista, birraio e fondatore della banca digitale Tinkoff, una diatriba sull’invasione russa dell’Ucraina. Tinkov, un ammiratore del bucaniere/imprenditore britannico Richard Branson, non si è tirato indietro: “I generali, svegliandosi con i postumi di una sbornia, si sono resi conto di avere un esercito di merda. Come possono i militari essere utili quando tutto il resto nel paese è schifoso e impigliato nel nepotismo e nella sottomissione servile? »

Oleg Tinkov
Foto Anatoly Maltsev / EPA

Un giorno dopo, Tinkov ha detto domenica a Il New York Times, il Cremlino ha contattato i dirigenti della Tinkoff Bank. Hanno dovuto tagliare tutti i legami con il fondatore, altrimenti la banca sarebbe stata nazionalizzata. Il 22 aprile, Tinkoff Bank ha annunciato che avrebbe cambiato nome. Tinkov ha venduto la sua quota del 35% al ​​magnate del metal Vladimir Potanin la scorsa settimana per il 3% del suo valore reale. Tinkov, che ha vissuto per anni fuori dalla Russia, ora risiede in un luogo sconosciuto e ha assunto guardie del corpo. Ha la leucemia, ma ora teme per la sua vita per un altro motivo.

Oleg Tinkov è un corvo bianco nell’élite degli affari russi. È nella lista delle sanzioni britanniche, ma non è un oligarca che deve la sua fortuna ai legami politici. Osa denunciare la guerra ed è pronto a pagarne il prezzo. Solo pochi ricchi russi fanno questa scelta.

Non c’è una protesta seria, ma sono visibili piccole crepe nei muri che circondano il Cremlino. Un oligarca fedele alla chiamata di Putin per porre fine alla guerra. il Responsabile di volo dell’Aeroflot che invita i colleghi a resistere. L’amministratore delegato della Banca centrale chi vuole partire (ma deve restare)† Un capo della sicurezza che essere imprigionato per ragioni poco chiare† L’insoddisfazione per le battute d’arresto economiche e militari potrebbe diventare un problema per il presidente Putin.

READ  Melania Trump sta considerando il divorzio

Oligarchie silenziose

All’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio, c’erano molte speculazioni in Occidente sulla possibile resistenza degli oligarchi, con miliardari che avevano interessi in materie prime, immobili e banche. Dopotutto, avevano più da perdere a causa delle sanzioni economiche. Ben presto divenne chiaro che una simile rivolta non sarebbe mai avvenuta. La paura di perdere ricchezza e libertà o addirittura la vita è troppo grande.

Il rapporto è stato segnato dall’incontro del presidente Putin con 37 oligarchi convocati al Cremlino il 24 febbraio. Lì si rese conto che avevano perso tutto, disse uno dei presenti Il Washington Post† Putin ha detto che non aveva altra scelta che invadere l’Ucraina e ha garantito che la Russia avrebbe continuato a far parte dei mercati mondiali. Nessuno dell’élite degli affari ha protestato, nessuno ha detto nulla.

I critici provengono da oligarchi che sono diventati ricchi prima che Putin salisse al potere

I pochi oligarchi che parlano da una villa straniera non criticano mai direttamente Putin. Raramente si tratta della sofferenza che la Russia sta causando in Ucraina. Questo è di solito il danno economico causato dalla guerra.

L’esperta del Cremlino Catherine Belton distingue tra due tipi di oligarchi: quelli che hanno fatto fortuna nei caotici anni ’90 e quelli che sono diventati ricchi dopo che Putin è salito al potere. Le caute critiche vengono dal primo gruppo. Anatoly Chubais, l’uomo che ha guidato la vendita delle imprese statali sotto Eltsin, era l’inviato speciale di Putin per lo sviluppo sostenibile. Per non parlare del fatto che ha scambiato la Russia con la Turchia – secondo le fonti lo ha fatto per insoddisfazione per la guerra in Ucraina. È il più alto funzionario ad aver lasciato il Paese.

Errore catastrofico

Dieci interlocutori anonimi dal sito di notizie americano Bloomberg, il governo e gli ambienti economici hanno recentemente espresso il timore che l’isolamento della Russia continuerà per anni. Vedono l’invasione come un errore catastrofico che inverte due decenni di crescita economica sotto Putin. Allo stesso tempo, non pensano che la posizione di potere di Putin sia in pericolo. Dopo lo shock iniziale, la popolazione si è abituata alle restrizioni imposte dalle sanzioni, il rublo ha recuperato.

READ  Biden con i mesi contati? - Gratuito tutti i giorni

Giornalista Farida Rustamova van Faridaily, per cui ha lavorato in precedenza BBC Russia e sito di notizie medusa, conferma questa “normalizzazione”. Ha intervistato dozzine di uomini d’affari e funzionari russi sul loro atteggiamento nei confronti della guerra. All’inizio di marzo, molti di loro erano “in stato di shock” o “in lutto”, afferma Rustamova in una conversazione con NRC† Poche settimane dopo, vide la rassegnazione alla nuova realtà. Un alto funzionario che lei conosceva come un “liberale” aveva cambiato posizione e dichiarato: “Ora che hanno adottato sanzioni contro di noi, li faremo incasinare. Ora devono comprare rubli alla borsa di Mosca per comprare gas da noi. Ma è solo l’inizio.

Non ci sono più persone critiche intorno a Putin. Non c’è nessuno con un’altra visione della guerra

Farida Rustamova giornalista

Rustamova non vede la situazione cambiare a breve. “Non ci sono più persone critiche intorno a Putin. Nessuno ha un’altra visione della guerra. Putin è in completo isolamento, con solo poche persone che la pensano allo stesso modo intorno a lui. Rustamova: “Anche le persone potenti si rendono conto che non hanno alcuna influenza e non possono fare nulla per sollevare le loro preoccupazioni con lui. Putin ha costruito un sistema di controllo totale per 20 anni. »

Morte in una villa per le vacanze

Sebbene abbia scarso impatto sul corso della Russia, ci sono indicazioni che stia effettivamente esplodendo ai vertici degli affari russi. Dall’inizio di quest’anno già sei oligarchi sono venuti in circostanze misteriose per la vita. Non vi è alcun collegamento dimostrabile con la critica del Cremlino. Tuttavia, tre di loro erano associati alla compagnia del gas Gazprom.

READ  Coronavirus, Natale in Europa: l'anti-Covid regna Paese per Paese

Il 18 aprile, Vladislav Avayev, ex vicepresidente della Gazprombank, sua moglie e sua figlia sono stati trovati morti nel loro appartamento di Mosca. Poiché Avayev aveva una pistola in mano, si ritiene che sia lui il colpevole.

Il giorno dopo, la polizia spagnola ha trovato i corpi di Sergei Protosenja, ex direttore della compagnia energetica Novatek, sua moglie e sua figlia in una villa per le vacanze a Lloret de Mar. Protosenja era appeso a una corda in giardino, sua moglie e i suoi figli giacevano a letto con ferite da taglio. Novatek ha raccolto una dichiarazione lontano dalla speculazione che fosse anche un omicidio di famiglia.

Strane cose stanno accadendo anche al servizio di sicurezza dell’FSB. Sergei Beseda è stato recentemente trasferito nel carcere di Lefortovo a Mosca. Beseda era a capo del Quinto Servizio, un tempo creato da Putin, responsabile dello spionaggio nelle ex repubbliche sovietiche. Il boss dell’FSB ha fallito in Ucraina: le informazioni fornite erano errate e non si era formata alcuna opposizione filorussa, anche se era stata ordinata.

Secondo il giornalista investigativo Andrei Soldatov, esperto dei servizi russi, molti soldati accusano l’FSB della battuta d’arresto militare in Ucraina: il loro intelligenza perché il comando dell’esercito non era giusto. Ad esempio, il presidente Zelensky avrebbe dovuto fuggire all’estero subito dopo l’invasione.

l’esercito, scrive Soldatov Ora di Mosca, è anche scontento del cambio di rotta iniziato a fine marzo; confinandolo nel Donbass. I militari vorrebbero espandere la guerra, inclusa la mobilitazione. Seguono la narrativa della televisione di stato: la Russia non è in guerra con l’Ucraina, ma con la NATO.

Soldatov aggiunto alla CNN che Putin arresti le persone che gli mentono. Questo non è un approccio efficace: per paura, ancora più persone gli mentono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *