La Spagna è il secondo paese dell’UE con il maggior numero di migranti con 400.000 all’anno

La Spagna è il secondo paese dell’UE con il maggior numero di migranti con 400.000 all’anno

La Spagna è il secondo Paese ad accogliere migranti dall’Unione Europea tra il 2017 e il 2020, secondo i dati del recente studio “Migration in Spain” condotto dalla business school TBS Education-Barcellona . La Germania è al primo posto. La Spagna riceve in media più di 400.000 migranti internazionali all’anno, raggiungendo i 666.022 migranti nel 2019, prima della pandemia.

La Spagna ha il doppio della media europea di migranti all’anno. Nel 2020, la Germania è stato il paese europeo che ha accolto il maggior numero di migranti (994.819 migranti), seguita da Spagna (415.150), Francia (200.495), Italia (191.766) e Paesi Bassi (170.612). Il Belgio (101.553) ha accolto meno migranti di Polonia (143.512), Austria (121.311) e Portogallo (118.724), ma più di Svezia (65.789) e Grecia (63.357).

È anche importante notare che il divario tra i paesi che accolgono più e meno migranti si sta riducendo. Nel 2017, c’era una differenza di circa 1.380.000 migranti tra Germania e Slovacchia, i paesi con il numero più alto e più basso di migranti stranieri, e questa differenza è andata diminuendo nel corso degli anni.

La migrazione comprende anche i flussi interni di persone tra diverse regioni dello stesso paese. In Spagna, la migrazione di spagnoli all’interno del territorio spagnolo è aumentata del 41% tra il 2017 (532.132 migranti) e il 2019 (750.480 migranti). Quindi, nell’anno della pandemia 2020, la migrazione annuale verso la Spagna è diminuita del 36%, da 750.480 migranti a 467.918.Nel 2021, l’anno successivo al blocco della pandemia, la migrazione annuale è aumentata a 530.401.

La regione autonoma di Castilla-La Mancha ha registrato un aumento del 70% del numero di migranti ricevuti tra il 2017 e il 2019. Al contrario, le Isole Canarie sono state la regione con l’aumento più basso di migranti (14%) tra il 2017 e il 2019. e allo stesso tempo la regione con il maggior calo del numero di abitanti emigrati tra il 2017 e il 2021 (-29%). La Catalogna, Madrid, l’Andalusia, Valencia e le Isole Canarie insieme rappresentano oltre il 74% della migrazione nazionale e internazionale totale verso la Spagna. Queste sono le cinque regioni autonome che attirano la quota maggiore del numero totale di migranti in Spagna, siano essi nazionali, internazionali o stranieri.

READ  Naufragio di migranti nel Canale della Manica, morti 2 bambini e 2 adulti - Ultima Ora

Rif migrazione Per genere ed età, i giovani stranieri tra i 15 ei 29 anni, uomini e donne, sono il gruppo che è emigrato di più in Spagna. Nel caso degli uomini, questo numero è diminuito del 3% tra il 2017 e il 2021, mentre per le donne è aumentato del 19%. D’altra parte, in questi anni c’è stato un forte calo del 22% nel numero di uomini anziani che emigrano dall’estero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *