I messicani manifestano in massa contro il presidente che vuole ridurre il cane da guardia elettorale

I messicani manifestano in massa contro il presidente che vuole ridurre il cane da guardia elettorale

Lo Zócalo, la piazza centrale di Città del Messico adiacente al palazzo presidenziale, è diventato bianco e rosa domenica mattina.  Immagine dell'ANP/EPA

Lo Zócalo, la piazza centrale di Città del Messico adiacente al palazzo presidenziale, è diventato bianco e rosa domenica mattina.Immagine dell’ANP/EPA

Deve essere stata una strana sensazione per il presidente che si considera un uomo del popolo. Domenica mattina, lo Zócalo, l’enorme piazza accanto al suo palazzo presidenziale a Città del Messico, si è tinto completamente di bianco e rosa per protestare contro di lui, contro Andrés Manuel López Obrador. Se il presidente di sinistra è ancora molto popolare al suo quinto anno, allo stesso tempo sta incontrando più resistenza che mai. Gli oppositori lo vedono come una minaccia crescente per la democrazia messicana.

La manifestazione di domenica ha attirato centinaia di migliaia di partecipanti in diverse città ed era mirata all’intervento di López Obrador presso l’Istituto Nazionale Elettorale (INE) del Messico, l’organo di controllo che organizza le elezioni e ne monitora l’equità. L’organizzazione può cavarsela con molto meno denaro, ritiene il presidente, che insiste sulla frugalità. Il suo Morena Party e i suoi alleati hanno votato mercoledì per uno sconto di 1 milione di dollari sull’istituto.

L’emendamento taglia profondamente la carne del cane da guardia elettorale, costringendo l’organizzazione a chiudere uffici e licenziare migliaia di persone. Nel 2024 l’istituto deve organizzare le elezioni presidenziali con un quarto del budget in meno (quest’anno l’Ine ha ancora più di 700 milioni di euro da spendere). Gli interventi hanno colpito la “spina dorsale” della sua organizzazione, ha detto ai media messicani il presidente dell’INE Lorenzo Córdova.

Vantaggio per le persone

“Amlo”, come è popolarmente noto il presidente, ha celebrato la proposta approvata come una vittoria per il popolo e la democrazia. Ancora una volta, è riuscito a risparmiare milioni su un’organizzazione governativa piena di funzionari spreconi e inaffidabili, ha detto. Il aurait préféré raccourcir davantage l’INE indépendant et le placer sous l’autorité du ministère de l’Intérieur, mais sa proposition d’amendement constitutionnel n’a pas obtenu la majorité des deux tiers nécessaire dans les deux chambres du Parlement l’année ultima.

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador Image AFP

Il presidente messicano Andres Manuel Lopez ObradorImmagineAFP

Le azioni e la retorica che l’accompagna ritraggono un presidente che tollera poca opposizione e descrive il suo progetto politico come un punto di svolta nella storia messicana. Nel 2000, lo stesso INE a cui si oppone ha supervisionato le prime elezioni in settant’anni in cui l’onnipotenza del Partito Rivoluzionario Istituzionale (PRI) è stata infranta. Proprio come il Partito di Azione Nazionale (PAN) di destra è stato in seguito in grado di porre fine allo stato monopartitico, López Obrador è stato nel 2018 il primo politico a sconfiggere l’egemonia del PRI e del PAN con il proprio movimento.

Anche l’ancora popolarissimo Amlo, candidato alla presidenza dei poveri, si è assicurato la maggioranza in parlamento nel 2021 con il suo partito Morena. Per più di quattro anni che regna, attacca invariabilmente i “conservatori” nelle sue quotidiane conferenze stampa, sotto le quali classifica tutti i suoi detrattori. La sua “Quarta trasformazione”, come chiama il suo governo (riferendosi a punti critici storici come la rivoluzione messicana), è una rottura con le pratiche politiche fraudolente e corrotte del passato, dice.

Sebbene utilizzi la frugalità come argomento principale per intervenire con il cane da guardia elettorale, la modifica della legge fa anche parte di una lite personale contro l’INE. Nel 2006, López Obrador ha perso di poco le elezioni contro Felipe Calderón, di destra. All’epoca, il politico di sinistra stava organizzando settimane di proteste a Città del Messico contro le “frodi”. Sostiene ancora, senza presentare prove tangibili, che l’INE abbia supervisionato le elezioni “rubate”.

Opposizione Unita

Di fronte al potente presidente e al suo potente partito, c’è un’opposizione quasi unita. Gli ex nemici PRI e PAN presentano addirittura liste elettorali comuni alle amministrative per prendere posizione contro Amlo e Morena. I due partiti sono stati anche il motore del comizio di domenica, il secondo in cinque mesi contro gli interventi all’istituto elettorale. Laddove López Obrador afferma di sradicare le pratiche corrotte del passato, i suoi oppositori vedono un politico narcisista che cerca sempre più di piegare la democrazia alla sua volontà.

“Giù le mani dal mio voto” e “Giù le mani dall’INE” erano gli slogan sugli striscioni di questa domenica. Nonostante gli emendamenti alla legge siano già stati approvati, la corsa non è ancora finita, dicono gli oppositori. Le loro speranze risiedono nella Corte Suprema di 11 membri, dove i partiti di opposizione hanno presentato ricorso costituzionale contro le misure. Il cane da guardia ridotto all’osso non sarà più in grado di monitorare sufficientemente un’elezione presidenziale equa il prossimo anno, affermano i critici.

Un altro scontro tra il presidente e una delle altre potenze della democrazia messicana si profila all’orizzonte. López Obrador ha anche criticato la più alta corte messicana, che secondo lui è dominata da “conservatori” che rappresentano gli interessi di una “vecchia élite”.

Indipendentemente dalla decisione della Corte Suprema, il presidente è praticamente certo che il suo movimento rimarrà al potere quando il suo mandato scadrà alla fine del 2024. La legge vieta un secondo mandato, ma nei sondaggi la sua Morena (anche se nessun candidato è stato ancora annunciato ) è molto avanti. Il sostegno elettorale di López Obrador è sceso sotto il 60% solo una volta da quando è entrato in carica. Dopo che l’opposizione ha organizzato una manifestazione contro di lui in autunno, ha rapidamente raccolto una folla ancora più numerosa.

READ  Ragazza (9) uccisa a colpi di arma da fuoco in casa a Liverpool | Interno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *