I migliori film del 2021, scelti dal New York Times

Come ogni anno AO Scott e Manohla Dargis, i due critici cinematografici più importanti di New York Times, Ho scelto i migliori film dell’anno, dieci ciascuno. Un anno fa, Dargis era al primo posto nella sua classifica aveva messo Martin eden e Scott Borat – Cinema Movie Suite. Due anni fa in vetta alle rispettive classifiche c’era Dolore e gloria di Pedro Almodóvar e il documentario Paese del miele. Il film preferito di Scott quest’anno è stato il documentario musicale L’estate dell’anima, quello che a Dargis è piaciuto di più è stato il film giapponese Guida la mia auto.

La classifica di AO Scott
Ha scritto di aver scelto dieci film che “hanno fatto il possibile per resistere alla disonestà, all’autocompiacimento e alla meschinità che di recente hanno fatto il giro del mondo” e, così facendo, “premiano l’attenzione del mondo, stimolano le emozioni e rispettano l’intelligenza”. Secondo lui, si tratta di film che “spiegano perché i film sono importanti”.

dieci. La metropolitana di velluto
Un documentario di Todd Haynes sul noto gruppo attivo tra la seconda metà degli anni Sessanta e l’inizio degli anni Settanta. Secondo Scott, ha il merito di essere “più storico che nostalgico” e ha apprezzato il modo in cui spiega i tanti punti di contatto e le influenze che i Velvet Underground hanno avuto con il cinema sperimentale newyorkese di questo periodo. È visibile su Apple TV+.

9. Storia del lato ovest
È un remake di un famoso musical ed è diretto da Steven Spielberg, che nella sua lunga e variegata carriera aveva fatto di tutto ma non ancora un musical. “È un successo cinematografico sorprendente”, ha scritto Scott, poiché rispetta la memoria e le intenzioni del musical originale (che esiste dal 1957) ma lo trasforma in qualcosa di “urgente, moderno ed emozionante”. Da buon musical, non le mancano “grandi emozioni, canzoni memorabili e una fede incrollabile nel fatto che la sincerità ha sempre la meglio sul cinismo”. Arriverà nelle sale italiane nel weekend di Natale.

8. Memoria
Diretto dal tailandese Apichatpong Weerasethakul (generalmente molto popolare al Festival di Cannes), è uno di quei film la cui storia è difficile da spiegare. Scott se la cava scrivendo che “sfida la definizione” e che, come in altri film dello stesso regista, è onirico, anche se è difficile capire se e chi stia sognando. Ha come protagonista Tilda Swinton e non è ancora uscito in Italia.

7. Guida la mia auto
Un film giapponese diretto da Ryusuke Hamaguchi e tratto da un racconto di Haruki Murakami, che dopo essere stato presentato a Cannes è diventato molto notato e apprezzato. Questo è un attore e regista in viaggio verso Hiroshima per mettere in scena una versione sperimentale di Zio Vanja di Anton Cechov. Scott l’ha scelta perché è una “meditazione raffinata e multiforme sulla complessità delle relazioni umane”. Guida la mia auto è arrivato in Italia a settembre ed è ancora in alcune sale.

6. Sull’isola di Bergman
È stato diretto dalla regista francese Mia Hansen-løve e interpretato da Tim Roth, Mia Wasikowska e Vicky Krieps. Sono una coppia di registi che vanno a restare per un po’ a Fårö, l’isola svedese dove Ingmar Bergman trascorse gli ultimi anni della sua vita. Secondo Scott, è “un’esplorazione calda, emozionante, sarcastica dell’amore per i film, per chi fa film e per il turismo legato a determinati film”. È nelle sale in questi giorni.

5. Porta la tua brigata
Un documentario, non ancora disponibile in Italia, che parla degli incendi in California ma finisce per parlarne molto di più. A Scott piaceva “l’apertura mentale, la compassione e il rigore intellettuale”.

4. piccola mamma
È arrivato in Italia ad ottobre e arriverà nel 2022 e sarà disponibile sulla piattaforma streaming Mubi. È un film francese che inizia con il lutto e poi diventa “una favola moderna, una storia psicologica di fantasmi o una fantasia di viaggi nel tempo”. Le due figlie principali sono gemelle e sono state dirette da Céline Sciamma, regista di Ritratto della giovane donna in fiamme.

3. Il potere del cane
È un western, un adattamento del romanzo omonimo scritto nel 1967 da Thomas Savage. Si svolge all’inizio del XX secolo ed è interpretato, tra gli altri, da Benedict Cumberbatch e Kirsten Dunst: lui è un allevatore, lei è la nuova moglie di suo fratello. Lui e lei non vanno affatto d’accordo, anche perché tratta male il figlio. Jane Campion ce l’ha fatta e Scott ha scritto: “ci sono molti registi interessanti di talento e abilità, e poi c’è Jane Champion che pratica il cinema a un livello completamente diverso”. Può essere visto su Netflix.

READ  Kanye West è stato sospeso da Instagram dopo aver attaccato il conduttore Trevor Noah

2. Sesso infelice o follia porno
Un film che secondo Scott “cattura fin troppo bene la disperazione, la rabbia e la stanchezza del presente”. Si tratta di un’insegnante di Bucarest il cui lavoro è minacciato dopo la pubblicazione di un video porno girato con suo marito. Ha vinto l’Orso d’Oro al Festival di Berlino ed è il film che la Romania ha scelto per la nomination all’Oscar per il miglior film internazionale. Era nelle sale italiane ad aprile e maggio. È strano, come il trailer.

1. L’estate dell’anima
Un documentario sui concerti all’aperto organizzati ad Harlem, New York, nel 1969. Alterna canzoni e interviste a spettatori e musicisti ma “è molto più di una capsula del tempo” perché spiega “perché l’arte è importante e cosa può fare “. Lo puoi vedere su Disney+.

La classifica di Manohla Dargis
Dopo alcuni paragrafi in cui parla di streaming e di esperienza cinematografica, evocando i 16 mesi trascorsi senza andare al cinema, Dargis presenta anche la sua classifica, in cui anche i primi quattro film erano tra i dieci scelti da Scott.

dieci. Spencer
Il film di Pablo Larraín in cui Kristen Stewart interpreta la principessa Diana Spencer, che secondo Dargis ride, piange e fa quasi paura, ed è molto più di “questa soap opera chiamata La corona“. Uscirà nelle sale a gennaio.

9. Il gioco del destino e della fantasia
Un altro film di Hamaguchi, il regista di Guida la mia auto. È suddiviso in tre episodi, ciascuno con una protagonista femminile, e secondo Dargis, non tutti funzionano ugualmente bene, “ma tutti hanno momenti di grazia e bellezza, insieme a un flusso di parole sorprendente e complesso”. In Italia è uscito ad agosto.

8. il discepolo
Un musical indiano con un cantante di musica classica indiana. Dargis ha scritto di averlo scelto per la sua colonna sonora. Può essere visto su Netflix.

7. Il collezionista di carte
Un film di Paul Schrader, in cui Oscar Isaac interpreta un ex carceriere di Abu Ghraib, in Iraq, che è diventato un giocatore di poker compulsivo. Dargis ha apprezzato il modo in cui “Schrader riesce a entrare nella mente di chi guarda”.

6. Azor
Un thriller politico su un banchiere ginevrino che nel 1980, nel pieno della dittatura argentina, si reca con la moglie a Buenos Aires per dirimere casi lasciati in sospeso da uno dei suoi soci di cui non si hanno notizie. Dargis ha scritto che racconta “un mondo in fiamme, con discrezione” e gli è piaciuto molto il modo in cui il regista – il debuttante Andreas Fontana, svizzero ma vissuto in Argentina – “invece di riempire il film di incidenti, colpi di scena, personaggi sexy , vuoto moralismo e grandi gesti politici, ha saputo ridurre tutto all’osso. ”Lo vediamo su Mubi.

5. Due donne – Passaggio
È ambientato negli anni ’20 e parla di due donne afroamericane interpretate da Tessa Thompson e Ruth Negga, che – a causa della loro carnagione piuttosto chiara – si lasciano passare per il bianco. Può essere visto su Netflix.

4. L’estate dell’anima
Il film preferito di Scott, scelto da Dargis per il modo in cui “allarga gentilmente l’orizzonte dello spettatore portando in dialogo passato, presente e possibile futuro”.

3. La metropolitana di velluto
“Un superbo tributo a un mondo che non esiste più, ma che ha contribuito al nostro”, scriveva Dargis di questo periodo di “musica e arte, droghe e idee, Lou Reed e John Cale, Andy Warhol e Jonas Mekas, bellezza e bruttezza”.

2. Il potere del cane
Dargis lo ha scelto per “la forza malvagia della potente interpretazione di Benedict Cumberbatch” ma anche per “la delicatezza e l’eleganza con cui Kirsten Dunst tiene il centro morale del film”.

1. Guida la mia auto
“Un capolavoro sulla vita e sulla morte e sull’arte”, che parte dal teatro e dalla letteratura per “creare il cinema più puro”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.