I primi risultati cadono dopo la chiusura delle urne

I primi risultati cadono dopo la chiusura delle urne

Ex segretario stampa di Trump, prima donna governatrice dell’Arkansas

Sarah Huckabee Sanders, che è stata addetta stampa della Casa Bianca sotto Donald Trump dal 2017 al 2019, è stata eletta governatrice dell’Arkansas martedì. È la prima donna governatore dell’Arkansas. Suo padre ha ricoperto la stessa posizione tra il 1996 e il 2007.

Huckabee Sanders durante un dibattito in ottobre. Foto Tommy Metthe/AP

DeSantis rieletto governatore della Florida, Trump lo avverte di non candidarsi nel 2024

Il governatore repubblicano Ron DeSantis ha vinto la rielezione in Florida martedì, iniziando il suo secondo mandato. chi segnala Agenzia di stampa AP.. Ha battuto il democratico Charlie Crist. Con la vittoria di DeSantis, lo spostamento verso destra continua nel più grande torneo di sempre della Florida stato oscillante del paese, avanti.

DeSantis è arrivato all’attenzione nazionale all’inizio della pandemia di coronavirus quando ha espresso apertamente opposizione alle misure adottate negli Stati Uniti per prevenire la diffusione del virus. È spesso visto come il successore di Donald Trump come candidato alla presidenza del Partito Repubblicano.

All’inizio della serata, l’ex presidente Donald Trump ha minacciato DeSantis durante un’intervista con Fox News. Trump ha detto che avrebbe tirato fuori “cose ​​​​che non sono particolarmente lusinghiere” su di lui se si fosse candidato alla nomination presidenziale repubblicana del 2024. “So di lui più di chiunque altro, tranne forse sua moglie”.

Trump ha detto lunedì che farà un grande annuncio il 15 novembre. Questo potrebbe essere il suo annuncio per candidarsi di nuovo alle elezioni presidenziali del 2024. Trump ha detto martedì di aver votato per DeSantis alle elezioni del Congresso. Si è presentato con sua moglie Melania al seggio elettorale di Palm Beach, in Florida, vicino alla sua tenuta di Mar-a-Lago.

Anche il senatore repubblicano Marco Rubio ha vinto in Florida, entrando nel suo terzo mandato da senatore. Ha battuto il democratico Val Demings. Rubio, eletto per la prima volta nel 2010, un tempo era considerato un potenziale candidato alla presidenza, ma il suo nome viene citato sempre meno.

L’ex presidente Donald Trump e sua moglie Melania Trump escono da un seggio elettorale a Palm Beach, in Florida. Eva Marie Uzcategui/AFP

I repubblicani dell’Arizona andranno in tribunale per mantenere le urne aperte più a lungo

A Maricopa, il comune che circonda la metropoli di Phoenix e che conta 4,4 milioni di abitanti e di gran lunga il più popoloso dell’Arizona, i repubblicani sono andati in tribunale il giorno delle elezioni. Vogliono che i seggi elettorali rimangano aperti per altre tre ore, fino alle 22:00 locali, alle 6:00 nei Paesi Bassi. Il motivo della chiamata di emergenza è che ci sono problemi tecnici con le macchine che elaborano le schede. In circa un quinto dei casi, questa mattina hanno rifiutato il servizio.

READ  Il primo ministro uscente Viktor Orbán rivendica una "grande vittoria" in Ungheria | All'estero

L’alto funzionario elettorale di Maricopa ha riferito intorno a mezzogiorno che il problema era con la stampante che stampa i conti. Non sarebbe stato abbastanza scuro in modo che alcune note non potessero essere lette correttamente. Con alcune macchine questo problema sarebbe stato risolto in poche ore, altre hanno continuato a vacillare con conseguente aumento dei tempi di attesa.

In Arizona, l’intero sondaggio è sotto una lente d’ingrandimento dopo le conseguenze insolitamente lunghe della corsa presidenziale del 2020. L’allora presidente Trump ha perso per un soffio contro Joe Biden. I suoi repubblicani hanno quindi fatto pressioni per riconteggi manuali a Maricopa fino al 2021. Questi non hanno prodotto risultati significativamente diversi, ma hanno spinto i candidati repubblicani a sospettare sia delle macchine per il voto per corrispondenza che delle macchine per il conteggio dei voti quest’anno. Hanno invitato i loro sostenitori a venire a votare, soprattutto il giorno delle elezioni.

Le elezioni nello stato del deserto occidentale sono ospitate dal segretario di stato Katie Hobbs. Martedì è candidata a governatore. Il suo avversario repubblicano Kari Lake, un simpatizzante di Trump, fa eco alle sue bugie sulla frode elettorale. Diversi politici repubblicani, opinionisti e media di destra hanno suggerito un’intenzione martedì. Anche l’ex presidente Trump ha preso un videomessaggio acceso invitando gli elettori dell’Arizona a “non andare”, “vogliono rallentarti, rimanere in linea”, “questo è molto ingiusto”, “sta succedendo un sacco di guai”.

Un seggio elettorale drive-in a Maricopa. Foto Olivier Touron/AFP

Annuncio del primo nuovo senatore: il democratico Welch vince nel Vermont

Il democratico Peter Welch è il primo nuovo senatore eletto alle elezioni del Congresso. chi segnala Agenzia di stampa AP.. Nello stato blu profondo del Vermont, ha battuto facilmente il suo sfidante repubblicano Gerald Malloy, un ufficiale in pensione dell’esercito americano sostenuto dall’ex presidente Trump.

Welch, 75 anni, è alla Camera dei Rappresentanti dal 2006 e succede a Patrick Leahy con la sua vittoria. Leahy è stato eletto per la prima volta al Senato nel 1974, diventando così il senatore più longevo. Ha annunciato l’anno scorso che non avrebbe più corso.

Welch è stato criticato prima delle elezioni per aver affermato che era troppo vecchio per candidarsi. Secondo lui, la sua esperienza al Senato è necessaria perché ritiene che “le fondamenta della democrazia americana siano minacciate”.

Il senatore della Carolina del Sud Tim Scott (57) ha vinto la rielezione. Ha battuto il democratico Krystle Matthews. Scott è diventato membro del Senato nel 2013 ed è l’unico repubblicano nero.

READ  Gonfiore del viso e miocardite, nuovo allarme vaccino

Scott ha detto che questo sarebbe stato il suo ultimo mandato nella Carolina del Sud. Non è ancora chiaro quali siano i suoi piani dopo, ma è menzionato come potenziale candidato alla presidenza nel 2024 o nelle elezioni successive.

Chiusi i primi seggi elettorali negli Stati Uniti orientali

I primi seggi elettorali sono stati chiusi in diversi stati degli Stati Uniti orientali. I primi sondaggi si sono chiusi in Indiana e Kentucky, seguiti un’ora dopo in Georgia, Carolina del Sud, Vermont e Virginia.

La Georgia è uno degli stati che la gente guarda con maggiore interesse. Biden ha sorprendentemente vinto lo stato alle elezioni presidenziali del 2020. Il senatore democratico Raphael Warnock sta difendendo il suo seggio al Senato contro il repubblicano Herschel Walker.

Tuttavia, ci vorrà del tempo prima che i risultati siano noti. Molti elettori hanno votato per posta in più stati, quindi in alcuni casi la conferma dei risultati può richiedere giorni. A livello nazionale, circa 24 milioni di persone hanno votato per corrispondenza.

Un seggio elettorale in Wisconsin. Foto Jim Vondruska/Getty Images/AFP

In quali gare voteranno gli Stati Uniti martedì?

Oltre a tutti i seggi alla Camera dei rappresentanti e un terzo dei seggi al Senato, i residenti di 36 stati degli Stati Uniti eleggeranno i governatori e 27 stati questo martedì. segretari di stato (il più alto funzionario elettorale statale). Decine di città eleggono i loro sindaci. Inoltre, alcune sottoregioni eleggono il proprio procuratore generale ei propri rappresentanti nei parlamenti statali. Un totale di 132 referendum su questioni come l’aborto e la legalizzazione della marijuana saranno votati in 37 stati.

Leggi qui a quali elezioni dovresti prestare attenzione: Qual è la posta in gioco nelle elezioni del Congresso degli Stati Uniti?

Lamentele repubblicane su presunte frodi elettorali in Arizona

I seggi nello stato occidentale dell’Arizona si sono appena aperti, ma problemi tecnici con le macchine per il conteggio delle schede elettorali hanno già suscitato lamentele repubblicane su presunte frodi elettorali. Il candidato governatore repubblicano Kari Lake, tra gli altri, ha inviato a serie di tweet in cui ha invitato gli elettori “a non sacrificare il loro voto”. Ha anche ritwittato un post che la sua avversaria democratica Katie Hobbs, ora il massimo funzionario elettorale dello stato, collegava al singhiozzo.

Diversi candidati repubblicani in Arizona stanno diffondendo con entusiasmo la menzogna dell’ex presidente Trump secondo cui è stato ingannato nella vittoria elettorale del 2020. Se gli è stato permesso di perdere oggi, ci si aspetta che lo attribuiscano a un presunto falso. Nel 2020, la differenza tra Trump e l’eventuale vincitore Joe Biden in Arizona era molto piccola (oltre 10.000 su 3,2 milioni di voti). Per volere dei repubblicani, lo stato è stato ripetutamente raccontato. Il margine di profitto di Biden alla fine è aumentato di diverse centinaia di voti.

READ  Doppio infanticidio in Belgio: un padre uccide bambine di 5 e 8 anni | 112 e reato

Leggi anche: In Arizona, questa potrebbe essere “l’ultima elezione libera”

I primi voti sono stati espressi

Martedì mattina sono stati espressi i primi voti per le elezioni del Congresso degli Stati Uniti. I primi seggi elettorali a New York, Maine e New Jersey apriranno dalle 06:00 ora locale (12:00 ora olandese). Il resto del Paese seguirà nelle ore successive.

Apertura delle prime urne per le elezioni del Congresso degli Stati Uniti

Si sono aperti martedì i primi sondaggi per le elezioni del Congresso degli Stati Uniti. In un certo numero di stati della costa orientale, dove è sei ore prima rispetto ai Paesi Bassi, i primi americani possono votare per un candidato locale al Congresso.

Il prime urne aperto martedì mattina alle 6:00 ora locale (12:00 ora olandese) in Connecticut, Indiana, Maine, New Jersey, New York e Virginia, tra gli altri. Le elezioni si concluderanno mercoledì alle 7:00 ora olandese: saranno poi le 21:00 martedì sera in Alaska e anche lì si chiuderanno le urne.

Benvenuto in questo blog

Martedì si terranno le elezioni del Congresso negli Stati Uniti. È la prima volta dalle elezioni presidenziali del 2020 che gli americani possono tornare alle urne per un’elezione nazionale. Possono votare, tra l’altro, per la Camera dei Deputati (435 seggi) e un terzo del Senato (35 seggi).

Sebbene non siano elezioni presidenziali, le elezioni del Congresso sono considerate un referendum per il presidente in carica. Il risultato determinerà come sarà la seconda metà del mandato del presidente Joe Biden.

I democratici hanno avuto una maggioranza sottile alla Camera dei rappresentanti, guidata dalla presidente Nancy Pelosi, dall’ultima elezione del Congresso nel 2018. I sondaggi indicano che è probabile che i repubblicani ottengano la maggioranza alla Camera. Al Senato la distribuzione è uguale dal 2020.

Gli americani possono anche far sentire la loro voce su altre questioni varie. Ad esempio, ci sono elezioni per i direttori negli stati e nelle città e ci sono referendum in alcuni stati. Ad esempio, in sei stati le persone possono esprimere la loro opinione sull’aborto e in cinque stati sulla legalizzazione della marijuana per uso ricreativo.

In questo blog mantiene NRC Sviluppi durante le elezioni legislative.

Leggi anche: Qual è la posta in gioco nelle elezioni del Congresso degli Stati Uniti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *