I primi SSD PCIe 5.0 del Giappone in vendita a partire da 354 euro – Informatica – Notizie

Regola standard nell’hardware, se vuoi che vada più veloce, devi lavorare sul collo di bottiglia. Non ha senso prendere la GPU più recente e più veloce se vuoi metterla accanto a una CPU di 10 anni fa.

Quando si tratta di unità NVMe, devi chiederti, dov’è il collo di bottiglia oggi?

Sul bus PCIe? No, PCIe 3.0 è più che sufficiente. L’unico motivo per cui vuoi eseguire l’aggiornamento a 5.0 è se hai un server e hai adattatori da 100 Gb e vuoi 12 unità NVMe, hai bisogno di PCIe 5.0.

A velocità sequenziali? Beh, ne hanno gia’ abbastanza.

A velocità sostenuta? C’è un po ‘di margine su questo, specialmente con le unità consumer che funzionano sulla cache o diminuiscono di velocità quando l’unità è quasi piena.

Nel tempo di risposta? Il bingo è dove si trova il tuo grande collo di bottiglia e di gran lunga la cosa più importante da guardare. Ciò significa che devi guardare 1 numero specifico per le prestazioni, lettura/scrittura casuale 4K con una profondità di 1.
E indovina un po’, non si stanno facendo molti progressi lì con i lettori dei consumatori perché quei consumatori non stanno guardando questo. È tutta un’altra storia per le imprese.

Un altro problema è che se riduci effettivamente quei tempi di risposta, come gestisci quell’unità senza aggiungere latenza ad essa? DirectStorage si rivolge ai giocatori, NVMe-oF si rivolge al NAS, RoCe si rivolge al networking, RDMA si rivolge a Windows OS/NIC, Intel VMD raid si rivolge al nome dice tutto.

READ  Microsoft rilascia la prima beta dell'app simile a CCleaner - IT - News

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *