I ricercatori trovano la famiglia dei bambini olandesi assassinati nel campo di sterminio di Sobibor | Interno

Nel gennaio dello scorso anno, gli archeologi della Israel Antiquities Authority hanno trovato quattro targhe di metallo con i nomi: Lea Judith De La Penha, Deddie Zak, Annie Kapper e David Juda Van der Velde nel punto in cui fino al 1943 si trovava il campo di sterminio di Sobibor. Il campo di Sobibor era un campo di sterminio in cui le vittime dei nazisti, in particolare gli ebrei europei, furono uccise subito dopo il loro arrivo.

Secondo Yoram Haimi, uno degli archeologi che hanno trovato le targhe, i distintivi dei bambini sono stati trovati solo a Sobibor e da nessun’altra parte. “I cartellini identificativi dei bambini sono stati realizzati dai loro genitori, probabilmente perché avevano paura di perdere la prole nel caos della seconda guerra mondiale ed erano così sicuri che avrebbero potuto ricongiungersi con le loro famiglie”.

Haimi, ricercatore della Israel Antiquities Authority, definisce il giorno in cui ha trovato le targhette il giorno più difficile della sua vita. “Era intollerabile pensare che questi bambini, di cui avevamo in mano le targhette con il nome, finissero a Sobibor con un trasporto speciale per bambini. Furono circa 1.300 bambini piccoli, dai 4 agli 8 anni, che furono mandati qui a morire, senza i loro genitori.

David come Annie

I parenti di Deddie e Lea sono stati trovati già l’anno scorso, ma delle famiglie di Annie e David – finora – nessuna traccia. Dopo una ricerca di circa un anno, i ricercatori del sito di genealogia MyHeritage sono stati in grado di trovare i parenti di Annie e David in America e Canada. Roi Mandel, direttore di MyHeritage, ha utilizzato più archivi e alberi genealogici per rintracciare le famiglie dei bambini, ha detto alla CNN. “Ho sentito che era mio dovere trovare i genitori viventi di Annie e David, raccontare loro cosa è stato trovato e ascoltare la loro storia”.

READ  Ecco l'ultima bufala di Conte: "Con i miei governi i porti non si chiudono mai"

Un secondo cugino trovato di David risponde alla CNN. “La targhetta con il nome di David mi ricorda il dolore che mia nonna e tanti altri hanno dovuto sopportare fino alla fine della loro vita”. Una pronipote è sorpresa dal messaggio di MyHeritage. “Non sapevo nulla di David e di quella parte della famiglia. È triste, ma soddisfacente avere più informazioni e poter mettere insieme più pezzi del puzzle”.

Circa 250.000 ebrei europei morirono nel campo di Sobibor nella Polonia occupata dai nazisti. Tra loro c’erano più di 34.000 ebrei olandesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.