I tedeschi sono stanchi della “chiesa d’istituto”, l’abbandono della chiesa ha raggiunto il suo apice

I tedeschi sono stanchi della “chiesa d’istituto”, l’abbandono della chiesa ha raggiunto il suo apice

La Conferenza episcopale tedesca riferisce annualmente sulle dimensioni della chiesa. Sta diminuendo a un ritmo senza precedenti. Nel 2022 si sono ritirati 522.821 cattolici. Questo è tre volte superiore alla media tra il 1990 e il 2020. I vescovi sono scioccati dal rapido esodo.

L’ex professore di storia della Chiesa olandese Peter Nissen – tornato lui stesso alla Chiesa cattolica nel 2022 – spiega il sorprendente esodo come una “manovra di recupero”. “Lo stesso processo socio-culturale di secolarizzazione è in atto in tutta Europa e negli Stati Uniti. La Germania è indietro di circa dieci anni rispetto ai Paesi Bassi. Nelle Fiandre le presenze in chiesa sono calate, in Gran Bretagna il silenzio in chiesa la domenica è molto più lungo. E in questo momento vedo anche la Polonia, un Paese molto cattolico, in rapida secolarizzazione, soprattutto nelle città.

Un doloroso letto di morte

In una conversazione con il canale cattolico Domradio.de si apprende che il professore tedesco di diritto ecclesiastico Thomas Schüller è preoccupato. “La Chiesa vive qui in un doloroso letto di morte, visibile a tutti”.

Kirchenaustritt.de è contento dei numeri. Questa organizzazione incoraggia la cancellazione, che è possibile dall’età di quattordici anni. Il sito conduce da anni sondaggi online tra i giovani che abbandonano la scuola. Del mezzo milione di nuovi ex cattolici nel 2022, quasi 50.000 hanno risposto alla domanda su quale fosse il loro movente. Uno su dieci che lascia la chiesa ha abbandonato la propria fede. Il punteggio più alto è ‘l’istituzione della chiesa’ come motivo dell’abbandono: più della metà degli intervistati è stufo.

Quasi il 30% cita la tassa ecclesiastica come motivo principale dell’abbandono. Coloro che annullano l’iscrizione ne hanno bisogno Kirchensteuer – una media annua di 285 euro – non è più erogabile. Lo stato tedesco ha raccolto più di 6 miliardi di euro in tasse ecclesiastiche nel 2022.

Per molti, la tassa per la chiesa è un “incentivo” a fare coming out, dice Nissen. Fino al 2020 questa tassa era di gran lunga il motivo più importante di uscita, da allora questo ruolo è stato assunto dall’istituzione ecclesiastica.

Abuso e occultamento

Secondo Thomas Müller, la chiesa ha ricevuto un brutto colpo dopo che nel 2018 è stato rivelato che 3.500 bambini erano stati abusati dal clero dopo la guerra e la chiesa spesso lo ha nascosto. Il nome di Joseph Ratzinger, il papa emerito tedesco Benedetto XVI, recentemente scomparso, ricorre spesso in questo contesto. Nel suo tempo come arcivescovo di Monaco e Frisinga, avrebbe permesso che gli abusi sessuali di alcuni dei suoi sacerdoti facessero il loro corso. Anche il cardinale Rainer Maria Woelki di Colonia è sospettato di distogliere lo sguardo dagli abusi.

I dati statistici della Chiesa cattolica e della Evangelische Kirche in Deutschland (EKD) mostrano che hanno all’incirca le stesse dimensioni, con circa 20 milioni di membri. E che le maggiori denominazioni tedesche sono sulla stessa barca. Tra questi, la secolarizzazione colpisce duramente.

Lo storico tedesco Wilhelm Damberg ha affermato in precedenza in questa rivista di vedere l’esodo dalla Chiesa cattolica come l’espressione di “un grande movimento sociologico di allontanamento dalla Chiesa e da un rapporto con un Dio personale”. Inoltre, la leadership della chiesa gode di una “fiducia estremamente bassa”. Gli scandali degli abusi non aiutano a stimolarlo.

Secondo Peter Nissen, anche questi scandali hanno un ruolo di primo piano, e non solo per i cattolici. “La maggior parte delle diocesi tedesche ha indagato su questo. Con ogni nuovo rapporto, questo è ampiamente riportato dai media. E va avanti e avanti e avanti. Ciò provoca danni all’istituto.

Anche la chiesa protestante soffre di scandali di abusi cattolici

Per molte persone che sono ancora membri di chiesa ma poco coinvolte, la distinzione tra le chiese si è offuscata, dice Nissen. “La chiesa è chiesa, è tutta bagnata, è così che la vivono. Di conseguenza, anche l’EKD è danneggiato dagli abusi della Chiesa cattolica.

Nel 2022, l’EKD ha registrato una perdita di 380.000 membri per abbandono della chiesa, poco più del numero dei morti per la prima volta – quindi verranno aggiunti. Questo rende il 2022 l’anno peggiore per i protestanti dalla riunificazione tedesca.

La presidente dell’EKD Annette Kurschus ha dichiarato sul sito web della sua chiesa di essere sopraffatta. Annuncia l’intenzione di invertire la tendenza. Il suo omologo cattolico, il presidente della conferenza episcopale Georg Bätzing, si era già preoccupato lo scorso anno per il numero di persone che voltavano le spalle alla sua chiesa. “Mi sconvolge profondamente, mi fa male ed è un fardello interno”.

Anche il vescovo Bätzing non si arrende facilmente. Ha osservato che con la “Via sinodale” – un tentativo di modernizzare la Chiesa cattolica – “sono stati compiuti grandi passi nella giusta direzione”. L’effetto non è ancora visibile, poiché gli ultimi dati sono ancora più drammatici rispetto all’anno precedente.

Questa non è una sorpresa per Peter Nissen, che conosce bene le chiese tedesche. “Sono entusiasta del Cammino sinodale, ma non aspettatevi che questo progetto fermi l’esodo. Al massimo può tenere dentro un certo numero di persone stufe del corso conservatore della chiesa.

Il percorso sinodale può persino essere controproducente, afferma Nissen. “Alcuni piani sono già stati bloccati da Roma, come la democratizzazione nella ricerca di un nuovo arcivescovo. Questo frustra i cattolici progressisti. Quindi possono fare un giro.

L’anno scorso i cristiani tedeschi costituivano per la prima volta meno della metà della popolazione (83 milioni). Quest’anno si prevede che il numero di chi abbandona la chiesa superi il milione.

Thomas Müller sottolinea che questo non significa solo una perdita per la Chiesa, ma anche per l’erario pubblico. Perde centinaia di milioni in tasse ecclesiastiche.

Ciò ha, ha predetto Müller, “pericolose conseguenze sociali”. Ad esempio, la carenza di assistenza all’infanzia viene attualmente affrontata con le tasse ecclesiastiche riscosse, afferma Müller. Tra circa cinque anni, gli stati si sentiranno obbligati ad attuare “drammatici aumenti di tasse e tariffe”.

Lasciare la Chiesa riduce le tue prospettive di lavoro

Lasciare la chiesa ha vantaggi e svantaggi. La partenza fornisce un vantaggio finanziario (fiscale). Uno svantaggio è che chi abbandona non può più fare affidamento sui rituali della chiesa, anche se loro stessi non lo vivranno come negativo. Se lo fanno, le chiese locali a volte mettono le mani sui loro cuori. I parenti possono quindi eventualmente sposarsi in una chiesa o far battezzare il loro bambino. La personalizzazione è possibile anche per una sepoltura in chiesa, che di fatto è esclusa.

Attira l’attenzione su un lato oscuro meno conosciuto Handelsblatt: riduci le tue possibilità di trovare un lavoro come infermiere, medico o assistente sociale. La chiesa è il secondo più grande datore di lavoro del paese dopo il governo; impiega direttamente o indirettamente un milione di persone, tra cui maestre d’asilo e birrai. Molte strutture sanitarie dipendono dai finanziamenti della chiesa e rendono l’appartenenza alla chiesa un requisito per i propri dipendenti.

Leggi anche:

Le conseguenze della secolarizzazione: “Bisogna mettere in conto una minore offerta di volontari”

I Paesi Bassi sono un paese laico, i credenti sono una minoranza. Ciò ha conseguenze per la società e il governo può mitigare queste conseguenze, afferma in un rapporto l’Ufficio per la pianificazione sociale e culturale.

READ  I sostenitori dell'ex premier pakistano si scontrano con la polizia in tribunale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *