Il camionista con i migranti morti non sapeva che c’era un condizionatore rotto | All’estero

Secondo il coimputato, anche lui arrestato, “l’autista non sapeva che l’aria condizionata non funzionava più ed è per questo che le persone sono morte”. Secondo quanto riferito, i due si sarebbero scambiati diversi sms prima e dopo la scoperta dei migranti morti.

Le autorità affermano che Homero Zamorano è stato trovato lunedì nascosto tra i cespugli vicino al camion. Avrebbe cercato di spacciarsi per uno dei sopravvissuti. Tuttavia, Zamorano è stato arrestato dopo che le riprese delle telecamere a circuito chiuso lo hanno mostrato mentre guidava il camion oltre un posto di blocco doganale degli Stati Uniti nella città di confine di Laredo, nel sud-ovest del Texas.

Il presunto autista e il suo assistente sono entrambi sospettati di traffico di esseri umani e cospirazione e rischiano la pena di morte in Texas. Oltre a Zamorano e al suo complice, furono arrestati altri due. Sono due uomini di nazionalità messicana. Sono stati arrestati con l’accusa di detenzione illegale di armi da fuoco e residenza illegale negli Stati Uniti.

I 53 migranti deceduti, tutti provenienti da paesi centroamericani, sono stati scoperti dal Servizio immigrazione statunitense alla periferia della città di San Antonio, nel sud del Texas, a circa 250 chilometri dal confine messicano. La temperatura esterna in quel momento era di 39,4 gradi Celsius. È l’incidente di tratta di esseri umani più mortale nella storia degli Stati Uniti. Diversi bambini sono ancora in cura in ospedale.

READ  La Russia e l'allargamento della NATO, un tema caldo da 30 anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.