Il campione in carica Djokovic dopo il suo ritorno alla semifinale di Wimbledon contro Norrie |  Tennis

Il campione in carica Djokovic dopo il suo ritorno alla semifinale di Wimbledon contro Norrie | Tennis

Il serbo può quindi ancora inseguire sull’erba sacra il suo settimo titolo, che lo metterebbe al livello del suo idolo Pete Sampras. Inoltre, ha ancora la possibilità di vincere 21 titoli del Grande Slam. Con ciò, ridurrebbe il divario con Rafael Nadal: 21 a 22. Ma non è ancora così lontano.

Vedi qui il punto di incontro

Fonte: Scoperta+

Il primo set è stato notevole. Djokovic ha giocato il suo avversario da pilastro a palo nelle prime sei partite. Tuttavia, con un vantaggio di 4-1, non è riuscito a segnare il 5-1. Invece è andato 4-2 e subito dopo è stato improvvisamente 4-4. Sinner ha colpito improvvisamente le palle da tutti i lati e No non sapevo dove guardare.

Sul 5-5 infatti il ​​serbo si è rotto e l’italiano è stato quindi in grado di servire per la vittoria nel primo set. Sul primo set point è stato ancora brutto, ma non sul secondo: 7-5 per Sinner. Non capita spesso che Djokovic ceda il set dopo un tale vantaggio. Si è anche mosso e ha servito abbastanza moderatamente.

Jannik Sinner ha fatto di tutto.

Jannik Sinner ha fatto di tutto.

nuvola rosa

Sinner stava giocando il gioco della sua vita in quel momento. Nel secondo set, non è rimasto impressionato dall’atmosfera o dal sei volte vincitore e campione in carica. Djokovic è esploso sulla sua nuvola rosa all’inizio del secondo set. Anche il numero 3 del mondo serbo è stato soffocato alcune volte a causa dei suoi scarsi drop shot, dove Sinner era sempre puntuale.

Sinner poi ha fatto 4-2. Al punto di rottura in contropiede, Djokovic colpisce in rete un’incredibile palla della fortuna. Ha fatto molto bene lì. Un break più tardi, il break c’era ancora: 5-2 e l’italiano è stato in grado di portare in vantaggio 2-0 in set sulla propria battuta e anche quello. Un’acrobazia in preparazione per Wimbledon?

READ  Il PSV mette subito in ginocchio Go Ahead dopo il cartellino rosso | Calcio

pubblico di gioco

In ogni caso, a parte le prime cinque partite dell’incontro, Djokovic non era stato affatto se stesso. Djoko ha deciso di andare negli spogliatoi dopo il secondo set e almeno è uscito meglio. Ad esempio, ha ottenuto un breakpoint sul servizio di Sinner, ma non l’ha incassato.

Novak Djokovic

Novak Djokovic

Un po ‘più tardi e Djoko improvvisamente ha portato 4-1 e ha iniziato a giocare contro il pubblico. Era già imbattuto da 25 (!) partite a Wimbledon e voleva continuare così. Ha mantenuto quel livello e subito dopo è stato 6-2 nel terzo set. Djokovic era di nuovo se stesso e Sinner deve averlo sperimentato, perché si è subito rotto di nuovo. Djokovic, testa di serie numero 1, ha improvvisamente avuto tempo in pista grazie alle sue eccezionali qualità e Sinner ha dovuto vedere crescere la fiducia.

Sul 5-2, le cose sembravano improvvisamente andare storte con l’italiano. Inciampò e Djokovic andò a vedere rapidamente, perché Sinner gridava. Poteva continuare, ma il set era quasi perso: 6-2 e quindi un quinto set decisivo.

Guarda le immagini autunnali qui

Fonte: Scoperta+

I conti potevano essere fatti: Djokovic stava per finire questo. Con un gioco sublime, ha messo da parte Sinner nel set 5 ed è stato 6-2 in anticipo. Gioco, set e match e ancora un altro profondo inchino a lui.

Semifinale contro Norrie

Djokovic ha appreso più tardi martedì che Cameron Norrie sarebbe stato il suo avversario in semifinale. Norrie è alle semifinali di un torneo del Grande Slam per la prima volta nella sua carriera. Il 26enne britannico ha ottenuto questa impresa davanti al suo pubblico di casa a Wimbledon. In un match avvincente durato 3:30, ha battuto il belga David Goffin in cinque set: 3-6, 7-5, 2-6, 6-3, 7-5.

READ  Inter-Salernitana, le UFFICIALI: limitato turnover per Inzaghi, ThuLa in attacco - Hamelin Prog

Norrie e Djokovic giocheranno le semifinali venerdì. Norrie è il primo britannico dopo Andy Murray nel 2016 a raggiungere le semifinali di Wimbledon. “Ora devo ripensare a tutto il duro lavoro e ai sacrifici che ho dovuto fare. Sicuramente ha dato i suoi frutti”, ha detto Norrie, che non vede l’ora di incontrare Djokovic. “Penso di essere scioccato quando vinco una partita come questa”.

Cameron Norrie festeggia la sua vittoria con la folla

Cameron Norrie festeggia la sua vittoria con la folla

La numero 103 del mondo Maria (34) in semifinale

La tedesca Tatjana Maria, numero 103 del mondo, si è assicurata a sorpresa un posto nelle semifinali di Wimbledon. Era 4-6 6-2 7-5 troppo forte per la sua connazionale Jule Niemeier (22), numero 97 del mondo nei quarti di finale.

Maria, 34 anni, ha raggiunto il secondo round di un Grande Slam solo una volta nella sua carriera. Ha già perso al primo turno degli ultimi otto tornei del Grande Slam a cui ha partecipato.

La semifinale è un dato di fatto per Ons Jabeur

La semifinale è un dato di fatto per Ons Jabeur

“Ho la pelle d’oca dappertutto. Oggi abbiamo reso la Germania molto orgogliosa. Circa un anno fa mi stavo ancora riprendendo dal parto”, ha detto Maria, poco dopo aver usato il suo primo match point dopo 2 ore e 18 minuti. “È un sogno che posso vivere questo con le mie due figlie.” Niemeier ha concluso la partita sul campo 1 con un tiro al volo in rete.

Maria affronterà in semifinale l’Ons Jabeur della Tunisia. Ha vinto martedì nei quarti di finale della ceca Marie Bouzkova. Dopo un primo set debole, Jabeur ha vinto la partita in modo convincente: 3-6 6-1 6-1. Jabeur non ha mai raggiunto le semifinali di un torneo del Grande Slam prima d’ora. La star del tennis è rimasta bloccata nei quarti di finale a Wimbledon l’anno scorso e ha anche raggiunto le semifinali agli Australian Open nel 2020.

READ  Serie A, verso Juve-Milan: Allegri e Pioli tra Champions e futuro incerto - Sportmediaset

“Sono molto felice di essere per la prima volta in semifinale di un torneo del Grande Slam, soprattutto perché sta succedendo a Wimbledon, il torneo che amo così tanto”, ha detto Jabeur, 27 anni, che è il quarto giocatore africano . unisciti al torneo, gli ultimi quattro di un torneo del Grande Slam. Le tenniste sudafricane Annette du Plooy (Roland Garros nel 1968), Yvonne Vermaak (Wimbledon nel 1983) e Amanda Coetzer (Australian Open nel 1996 e 1997 e Roland Garros nel 1997) l’hanno preceduta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *