Il Cile boccia al referendum la nuova costituzione progressista | ADESSO

Il Cile ha respinto una nuova costituzione progressista in un referendum. Con quasi tutti i voti contati, il 62% degli elettori è contrario alla nuova costituzione e solo il 38% a favore. La squadra della campagna che ha lottato per l’adozione della nuova costituzione ha ufficialmente riconosciuto la sua perdita.

Domenica gli elettori sono andati in massa alle urne. Tutti i cittadini cileni sono stati quindi obbligati a votare al referendum.

Quasi l’80% dei cileni ha votato nell’ottobre 2020 per modificare la costituzione esistente, che risale ai tempi del dittatore Augusto Pinochet. È stato al potere dal 1973 al 1990.

Questo voto del 2020 è arrivato un anno dopo che più di un milione di persone sono scese nelle strade della capitale Santiago. Hanno protestato contro l’aumento delle tariffe dei trasporti pubblici. La conseguente agitazione sociale contro l’enorme disuguaglianza socioeconomica nel paese sudamericano ha provocato 30 morti e migliaia di feriti. Una delle richieste dei manifestanti era una nuova costituzione.

La nuova costituzione avrebbe dovuto ridurre le disuguaglianze

Il nuovo testo doveva essere redatto dai cittadini. A tal fine, nel luglio 2021 è stato insediato un comitato di 155 persone. Tra di loro c’erano avvocati, insegnanti, scienziati e giornalisti. La metà del comitato era composto da donne. Sono stati eletti anche diciassette deputati indigeni.

La nuova costituzione avrebbe dovuto ridurre il potere dell’élite e distribuire la ricchezza in modo più uniforme tra il popolo cileno. Dovrebbe inoltre garantire meglio i diritti sociali, l’ambiente, l’uguaglianza di genere ei diritti degli indigeni. Ma l’elettore cileno non era soddisfatto del testo appena redatto. L’attuale costituzione offre molto più spazio alle forze del libero mercato, il che rende il Cile un paese popolare per gli investitori stranieri.

READ  Ricercato YouTuber tailandese a causa di milioni di fan della truffa

Delusione per la sinistra

Il risultato è una grave battuta d’arresto per il nuovo presidente di sinistra Gabriel Boric. Ha contato sulla nuova costituzione per aiutarlo a riformare il sistema fiscale, pensionistico e del lavoro.

Ha detto in risposta ai risultati che le persone hanno “dimostrato di volere e apprezzare la democrazia e fare affidamento su di essa per superare i disaccordi e andare avanti”.

Boric ha quindi invitato tutte le forze politiche in Cile a trovare quanto prima nuovi accordi sul futuro del “nuovo processo costituzionale” avviato dopo il voto del 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *