Il cinema britannico cancella il film controverso sulla figlia del profeta Maometto dopo aver preso d’assalto i musulmani arrabbiati

Il cinema britannico cancella il film controverso sulla figlia del profeta Maometto dopo aver preso d’assalto i musulmani arrabbiati

I musulmani nel Regno Unito sono in fermento per un nuovo film controverso sulla figlia del profeta Maometto. Dopo massicce proteste, acquisizioni di cinema e una petizione con 120.000 firme, la catena cinematografica britannica Cineworld ha cancellato tutte le proiezioni del film La signora nel cielo già cancellato.

La signora nel cielo è una produzione britannica che racconta la storia di Fatima, la figlia del profeta Maometto. Il film è stato controverso a causa della sua rappresentazione del profeta Maometto – un insulto ai musulmani sunniti – e per la rappresentazione di alcune figure importanti dell’Islam primitivo.

Secondo i critici, si crea l’impressione che i compagni di Maometto ei seguaci di Abu Bakr e Omar ibn al-Shattab siano i precursori del gruppo terroristico (sunnito) Stato islamico. In tal modo, il film seminerebbe divisione e inciterebbe all’odio.

Più di 120.000 persone hanno firmato una petizione per rimuovere il film dai cinema del Regno Unito. I manifestanti hanno preso d’assalto diversi cinema nelle città britanniche, tra cui Bradford, Birmingham e Bolton, che ospitano grandi comunità musulmane.

Continua a leggere sotto il tweet


In risposta, la grande catena di cinema Cineworld ha deciso di interrompere la proiezione del film, uscito il 3 giugno, per “garantire la sicurezza del personale e dei clienti”. Lo ha detto un dipendente di Cineworld notizie della BBC che i “manifestanti si sono comportati come criminali, prepotenti e minacciati dipendenti”. Il film rimarrà nel programma di altre catene cinematografiche (per il momento).

READ  Il capo della Nato Stoltenberg: "Non mi fido affatto dei russi"

La decisione di annullare il film ha portato ora a un’altra protesta. I realizzatori del film, da parte loro, sono arrabbiati con i critici e dicono che nessuno dovrebbe dire alla gente cosa guardare o discutere.

alimenta l’odio

Il produttore Malik Shlibak afferma che la storia contiene lezioni su come affrontare l’estremismo, il radicalismo e la corruzione. Il produttore del film difende il diritto dei manifestanti di esprimere il loro sgomento, ma dice che è “stupido” e contro i valori britannici cancellare del tutto il film.

La sceneggiatura del film è stata scritta dal religioso sciita Yasser Al-Habib, che ha vissuto nel Regno Unito sin dalla sua deportazione dal Kuwait. I critici lo accusano di essere un estremista che vuole fomentare l’odio contro i musulmani sunniti.

Dimissioni del consigliere di governo

La situazione ha suscitato anche reazioni politiche. Il segretario alla Salute britannico Sajid Javid, tra gli altri, ha condannato la decisione della catena di cinema: “Potrebbe non piacerti quello che qualcuno dice, ma quell’altra persona ha il diritto di dirlo. In questo Paese la libertà di espressione si applica ed è un valore fondamentale.

Il governo britannico inizialmente è rimasto alla larga, ma è intervenuto quando il suo consigliere per l’islamofobia, l’Imam Qari Asim, ha appoggiato le proteste contro il controverso film. Il fatto che fosse d’accordo con la rabbia per il film ha portato alle sue dimissioni. “Il sostegno alla campagna per ‘limitare la libertà di parola’ lo ha trattenuto”, ha affermato il governo.

READ  Covid, quintuplicati i ricoveri infantili a New York

In risposta, l’imam ha affermato di non aver partecipato né organizzato a nessuna delle proteste e che l’affermazione di aver agito per minare i valori democratici era “imprecisa”.

Altri paesi

La polemica è sorta anche in altri paesi, come Egitto, Pakistan, Iran e Iraq. Le autorità cinematografiche marocchine hanno addirittura deciso di vietare il film. Il consiglio religioso del Paese ha definito il film “disgustosamente parziale” e ha accusato i realizzatori di cercare “fama e sensazionalismo”. Non è noto se il film sarà proiettato nei cinema olandesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *