Il circo Mourinho corre a pieno regime anche alla Roma: “Vede tutta la partita” |  ADESSO

Il circo Mourinho corre a pieno regime anche alla Roma: “Vede tutta la partita” | ADESSO

Con l’AS Roma, il Feyenoord incontrerà anche l’allenatore più famoso del mondo: José Mourinho nella finale di Conference League. Nonostante il portoghese sia in attesa di un premio da cinque anni, rimane comunque eccentrico, anche con la Roma under-topper europea. “Si sente più grande del club, e poi tutti i suoi meccanici entrano in gioco”.

La stagione in corso della Roma offre Mourinho in tutte le sue forme: si lamenta di avere una “squadra povera”, applaude per minuti il ​​club con i tifosi fanatici, rifiuta di rispondere alle domande dei giornalisti dopo una sconfitta, scoppia in lacrime dopo aver raggiunto le finali di Conference Championship e regolare litigando con gli arbitri, poi brucia senza pietà sulla stampa.

Il punto più basso è il gesto telefonico che Mourinho rivolge all’arbitro Luca Pairetto a febbraio durante la partita di campionato contro l’Hellas Verona (2-2). Si riferisce al padre di Pairetto, coinvolto nello scandalo delle partite truccate nel 2006. Rischia due partite di squalifica.

Il circo Mourinho va a gonfie vele anche all’AS Roma, dove si è sorprendentemente ambientato la scorsa estate. Ma il suo status di vincitore si sta lentamente erodendo: l’Europa League con il Manchester United nel 2017 è l’ultimo premio per l’ex allenatore di successo di FC Porto, Chelsea, Real Madrid e Internazionale.

“Non ha attirato l’immaginazione per alcuni anni. Nei suoi precedenti club Manchester United e Tottenham Hotspur, non ha giocato al livello a cui siamo abituati”, ha detto il commentatore ed esperto di Ziggo Sport Emile Schelvis. sport.

“Ma ora si sente più grande del club. Vede per tutto il gioco: è molto intelligente. Ha fatto dei club centinaia di volte più grandi di quanto Mourinho potrà mai diventare, ma gli altri club si arrendono a lui. Dan bussa. “Poi mette se stesso nei panni dei giocatori, dei membri del consiglio e dei media e tutto il circo inizia”.

Amato psicologo tra i giocatori

Nonostante Mourinho sia quasi indiscusso nel mondo del calcio, i giocatori scappano a frotte con l’allenatore portoghese, entrato nella massima serie negli anni ’90 come traduttore per Sir Bobby Robson. Dà loro tutta la libertà, purché si esibiscano in campo.

Wesley Sneijder dice nella sua biografia che i giocatori dell’Inter potevano persino fumare e bere. “Poi è passato e tu hai ricevuto una pacca sulla guancia. ‘Fai due giri, poi torna a casa e lavora in forma domani!’ hai avuto allora.”

Mourinho manda regolarmente in vacanza anche i suoi giocatori. Inoltre, sull’aereo, non è seduto davanti con i membri del consiglio, come fanno di solito gli allenatori, ma dietro con i giocatori. Questa si rivela essere la ricetta del successo: nel 2010 vince la Champions League, lo scudetto e la coppa con l’Inter. In questo modo, porta anche un successo senza precedenti all’FC Porto e al Chelsea.

Secondo Schelvis, Mourinho è il miglior allenatore che usa la psicologia. Nella biografia scritta da Kees Jansma, Sneijder cita come esempio il dittico con l’insostenibile FC Barcelona in semifinale di Champions League. “Siamo rimasti profondamente colpiti da questa squadra. Avevamo vinto in casa (2-1) e fuori (0-1) contro il Chelsea nei quarti di finale, ma il Barcellona? Sembrava chiedere troppo”.

“Mourinho lo sentiva. All’inizio del suo incontro eravamo ancora tutti un po’ crollati. Ma ha dato tutto, con le immagini, con le analisi, con il potere di voto. Si trattava solo delle debolezze del Barcellona, ​​della vulnerabilità del la transizione, quel genere di cose. La sua storia riguardava in realtà la nostra fiducia in noi stessi e noi sedevamo sempre di più. Nei corridoi, ci dicevamo che avremmo vinto.

“A Roma amano Mourinho”

Mourinho è stato nominato alla Roma l’estate scorsa con grande clamore: chi altro se non “The Special One” potrebbe dare qualcosa ai milioni di fan della Roma? Del resto il titolo nazionale del 2001 è l’ultimo premio dei ‘Giallorossi’.

Ma il risultato della prima stagione è piuttosto scarso: la Roma è arrivata sesta in Serie A, buona per l’Europa League. Questo mentre l’obiettivo era la qualificazione alla Champions League e Mourinho ha potuto investire nella selezione oltre 100 milioni di euro. In Conference League, la Roma ha anche affrontato due volte il misero FK Bodø/Glimt, inclusa l’umiliante sconfitta per 6-1 in Norvegia.

Nonostante le prestazioni inferiori, Mourinho non è sotto pressione da un po’. “Quando perde, i tifosi sono sempre dietro di lui”, ha detto al quotidiano sportivo La Gazzetta dello Sport il tifoso dell’AS Roma Massimo Cecchini. “Pensano che sia impossibile vincere qualcosa se nemmeno Mourinho può farlo. Lo adorano”.

Schelvis, tuttavia, vede Mourinho andare sempre più lontano, essendo stato esonerato dal Manchester United e dal Tottenham Hotspur. “La scorsa stagione ho anche iniziato a chiedermi se fosse ancora il grande Mourinho e non una caricatura di se stesso. Combatte costantemente contro l’arbitraggio. Non è mai noioso, ha sempre una storia. Ma devi anche vedere che la Roma fallisce ogni volta nei momenti importanti”.

Secondo Schelvis, la Conference League è quindi una “manda dal cielo” per Mourinho e Roma, che non hanno mai vinto un primo premio europeo. “Ha trasformato la finale contro il Feyenoord in un punto di riferimento nella storia della Roma, così da poter dare al popolo della Roma ciò che desidera. E, soprattutto, che ce la possa fare”.

READ  Il pattinatore di velocità Van der Poel paragona i Giochi invernali cinesi alla Germania nazista

I 25 premi di Jose Mourinho

  • Titoli (8 volte): 2003, 2004 (con l’FC Porto), 2005, 2006 (con il Chelsea), 2009, 2010 (con l’Inter), 2012 (con il Real Madrid), 2015 (con il Chelsea)
  • Champions League (due volte): 2004 (con l’FC Porto), 2010 (con l’Inter)
  • Coppa UEFA/Europa League (2 volte): 2003 (con l’FC Porto), 2017 (con il Manchester United)
  • Torneo di Coppa (8 volte): 2003 (con l’FC Porto), 2005, 2007 (FA Cup e Coppa di Lega con il Chelsea), 2010 (con l’Inter), 2011 (con il Real Madrid), 2015 (con il Chelsea), 2017 (con il Manchester United )
  • Supercoppa Nazionale (5 volte): 2003 (con l’FC Porto), 2005 (con il Chelsea), 2009 (con l’Inter), 2012 (con il Real Madrid), 2016 (con il Manchester United)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *